Formula 1, Todt VS Ferrari sul veto ai motori indipendenti

Il rifiuto della Ferrari alla proposta di fissare un tetto di spesa massimo riguardante i costi delle power unit non è andato giù alla FIA. Per evitare che in futuro il mondo della Formula 1 possa trovarsi a fronteggiare altre situazioni al limite in stile Red Bull, la Federazione Internazionale ha iniziato a lavorare duramente per studiare alcune misure utili ad abbattere i costi di fornitura delle power unit, proponendo ai motoristi un prezzo di 12 milioni di euro. Jean Todt non ci è andato leggero con la Ferrari, rea di aver posto il veto al limite di spesa per i motori clienti, un diritto esclusivo di cui gode dalla firma del primo Patto della Concordia, difeso animatamente dal Team Principal della Ferrari Maurizio Arrivabene.

La situazione è paradossale anche perché non sono stati i team a proporre alla Federazione i costosissimi propulsori ibridi: «Sono stato molto deluso dalla Ferrari quando ha deciso di usare il suo diritto di veto. È come avere una pistola in tasca, bisogna valutare con attenzione quando tirarla fuori – ha commentato duramente Jean Todt – Il veto è un diritto storico della Ferrari che risale perfino agli anni ’80. Per usarlo devi dimostrare che c’è qualcosa che va contro i loro interessi, non si può usarlo così. La Ferrari ha detto di essere aperta a eventuali discussioni sull’argomento. Mi farebbe piacere parlarci per lo meno per provare a far capire loro che l’introduzione di un motore clienti a prezzo fisso non va contro i loro interessi».

L’idea della FIA è nata dalla necessità di aiutare le scuderie più piccole per evitare che possano incontrare sui loro percorsi meno ostacoli economici possibili, volto alla possibilità di avere una Formula 1 più sana e più competitiva: «Se non troviamo una valida soluzione avremmo altri 8/10 team in bancarotta. Personalmente credo che andare a creare motori da rivendere tra i 6 o 8 milioni di euro sarebbe stato scorretto per i Costruttori, ma la vendita a 12 milioni lascia loro un margine di guadagno. La nostra idea continua a essere quella di introdurre un motore a costo fisso che possa aiutare i team più piccoli in termini di competitività – ha continuato il manager francese – Se le scuderie di Formula 1 faranno sentire la loro voce dicendoci lo vogliamo porteremo la proposta al prossimo Strategy Group e sono sicuro che possa essere votata».

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio