2018

Formula 1 | Lauda definisce “stupido” abolire le ombrelline

Niki Lauda critica apertamente la scelta di abolire le grid girls, sostenendo che questa scelta non porta alcun beneficio al ruolo della donna nel motorsport

Topics

Liberty Media ha annunciato nei giorni scorsi l’abolizione delle grid girls, le cosiddette ombrelline. Decisione che ha lasciato perplesso anche Niki Lauda.

“Questa è una decisione contro le donne”, ha detto Lauda al quotidiano austriaco Der Standard.

“Gli uomini hanno preso questa decisione, ciò non sta facendo alcun favore alla F1 e soprattutto non alle donne”, insiste Lauda.

Quanto possono essere stupidi? Sono pazzi? Spero che ci sia un modo per cambiare  decisione”.

Niki incalza: “Non mi dispiacerebbe vedere i ragazzi della griglia accanto alle ragazze della griglia, perché no?”

Eliminare le grid girls non cambia la percezione del ruolo delle donne nel motorsport: “Le ragazze della griglia sono sempre appartenute alla F1, e dovrebbero continuare ad appartenere alla F1”, ha aggiunto.

“Le donne stanno iniziando a occupare ruoli importanti, e lo stanno facendo molto bene, tutto si sta muovendo nella giusta direzione. Ma una cosa non esclude l’altra, non voglio trattenere le donne, voglio incoraggiarle”.

“Se continui su questa strada, allora non avremo più cheerleaders in America”, ironizza

Al coro dei critici si è unito Bernie Ecclestone, ma qualcuno è a favore della scelta di Liberty Media. Infatti l’amministratore delegato della pista di Silverstone Stuart Pringle ha dichiarato alla BBC: “Sosteniamo pienamente la decisione della F1 di abbandonare l’uso delle ragazze della griglia: è una pratica obsoleta che non ha più spazio nello sport.

Topics
Continua la lettura

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 27 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Appassionato fin da piccolo di Formula 1, da bambino i miei idoli erano Ayrton Senna e Jean Alesi. Sono cresciuto prima con Michael Schumacher e poi con Kimi Raikkonen. Grazie a loro sono qui a scrivere di questo magnifico sport.

Aspetta! C'è dell'altro!