2018Formula 1

Formula 1 | Hamilton: “Monza un duro colpo per la Ferrari”

Lewis Hamilton analizza i momenti chiave della stagione

Topics

Subito dopo aver conquistato il quinto titolo iridato Lewis Hamilton si è concesso a più di qualche intervista, in una delle quali ha ripercorso i momenti chiave della stagione.

La svolta, secondo Hamilton, è arrivata a Monza.

“La vittoria di Monza ha dato un duro colpo psicologico alla Ferrari. Ne avevano avuti altri: il momento difficile di Seb è stato quando ha commesso un errore personale. Quando è la squadra a fare uno sbaglio è doloroso, ma se lo commette il pilota è una sensazione orribile. Poi abbiamo avuto quel duello di Monza, ed è stato un duro colpo per loro. Venivamo da una gara persa, ma sapevamo che ci saremmo ritrovati a Monza. Certo, probabilmente con un giro perfetto avrei forse preso la seconda posizione in griglia. Ero parecchio incazzato con me stesso: sabato sera è stato difficile e pensavo a quanta aggressività avrei dovuto mettere domenica, è difficile valutare quanto puoi essere aggressivo, perché causare un incidente è un attimo, oppure non fai abbastanza e allora perdi l’occasione. E’ sempre un’incognita, non sai cosa può accadere, ed è questo il bello delle corse automobilistiche. Dopo il grande risultato di Monza non eravamo ancora del tutto soddisfatti, bisognava andare a Singapore, dove la Ferrari solitamente ci distrugge, ma è stato un weekend straordinario per noi”.

“Non avevamo previsto nemmeno la vittoria di Hockenheim, nessuno sapeva che avremmo vinto a Monza e Singapore. Insieme al team abbiamo fatto un lavoro fantastico, lavorando su ogni particolare: come gestire le sessioni, vedere chi esce prima o dopo in qualifica rispetto alla Ferrari. Tutte queste cose insieme ci hanno permesso di conquistare il titolo”., conclude il 5 volte Campione del Mondo

Topics
Pubblicità

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 27 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Appassionato fin da piccolo di Formula 1, da bambino i miei idoli erano Ayrton Senna e Jean Alesi. Sono cresciuto prima con Michael Schumacher e poi con Kimi Raikkonen. Grazie a loro sono qui a scrivere di questo magnifico sport.

Altri articoli interessanti

Back to top button