Alesi parla degli uomini Ferrari: «Raikkonen può aiutare Vettel con il Mondiale»

Jean Alesi discute circa gli eventi che si sono susseguiti a Maranello nell’ultimo anno, in cui la Ferrari è stata protagonista di radicali e vorticosi cambiamenti.

Partendo dal divorzio Alonso-Ferrari, l’ex pilota francese ritiene che il campione spagnolo abbia fatto bene a lasciare il Cavallino in quanto il clima di lavoro si era evoluto in malo modo, risultando controproducente per tutti. Decisione giusta anche della Ferrari quella di confermare Kimi Raikkonen, essendo il finlandese un perfetto uomo squadra. Quest’ultimo si rivela un fattore fondamentale per il successo, e a tal proposito l’avignonese lo spiega attraverso un paragone con il calcio. «Perché in questo team –dichiara Alesi– si costituiscono i risultati come nel calcio, anche se hai Maradona ma non lo circondi di bravi giocatori, non potrà fare goal. In Formula 1  è la stessa cosa, lo spirito di squadra è molto importante e Raikkonen non ha nulla da provare. Può solo aiutare Vettel a vincere il campionato». 

Soffermandosi sempre sul makeover e sui miglioramenti sfoggiati nel 2015 rivela: «Penso che la Ferrari grazie al nuovo management abbia fatto davvero un grande, grande salto. Vettel è un top driver ma ciò che importa è vedere la nuova gestione di Marchionne e Arrivabene. Hanno ricreato il gruppo. Perchè l’equipe che c’era prima non lavorava come una squadra, ma adesso sono tornati a lavorare bene ed è una buona cosa per il futuro.

Pronostici positivi da parte di Alesi, il quale elogia l’attuale prima guida e vede la Ferrari nella lotta per il mondiale venturo. «Per quanto riguarda il Mondiale 2016 ha affermatonon è una cosa impossibile. Se si guarda all’anno trascorso, anche se non c’era speranza all’inizio, Vettel ha fatto un ottimo lavoro finendo costantemente sul podio. E sono sicuro che l’anno prossimo la Ferrari non sarà lontana». 

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio