Mercedes AMG Petronas – W08 EQ Power

Mercedes AMG Petronas – W08 EQ Power
Foto di © G.Pirovano - Repubblica.it
 

mercedes-f1-team-logoLa Mercedes AMG Petronas Formula 1 Team è una scuderia tedesca.

La Mercedes fu presente nelle competizioni sin dall’inizio del novecento: si ricordano le prestigiose vittorie nei Gran Premi di Francia del 1908 e 1914, ma soprattutto le moltissime affermazioni nel periodo 1934-1939, quando la casa tedesca vinse ben 33 Gran Premi su 56 disputati e tre Campionati Europei (1935-1937-1938), che erano l’equivalente del campionato mondiale di Formula 1 istituito nel 1950, al quale la Mercedes partecipò vittoriosamente nel biennio 1954-55 ottenendo due titoli mondiali prima di ritirarsi.

Tornò in Formula 1 nel 2010, acquistando la maggioranza della Brawn Gp che aveva conquistato il titolo Costruttori l’anno precedente e riportando in Formula 1 Michael Schumacher. Il sette volte campione del mondo tedesco fece coppia con Nico Rosberg per tre anni, lasciando poi spazio a Lewis Hamilton dal 2013, anno nel quale il team tornò al successo, conquistando anche il secondo posto nel costruttori alle spalle della Red Bull e davanti a Ferrari.

Il biennio d’oro 1954-1955
La prima partecipazione della Mercedes al Campionato mondiale di Formula 1 come casa costruttrice è stata limitata alle stagioni 1954 e 1955 con risultati eccellenti.

Nel 1954 venne ingaggiato il campione del mondo Juan Manuel Fangio al quale vengono affiancati due piloti teutonici: Karl Kling e Hans Herrmann. Nel gran premio d’esordio, in Francia, quarta gara della stagione, l’argentino conquista pole e vittoria, Kling giunge secondo sia in prova che in gara, mentre Herrmann conquista il giro più veloce.

Per una casa all’esordio vittoria, doppietta, pole e gpv è un record condiviso solo dall’Alfa Romeo. Fangio nella stagione conquista altre tre affermazioni (Germania, Svizzera e Italia), tre pole e due gpv, a cui si aggiunge un gpv di Kling.

Fangio vince il mondiale piloti per la seconda volta e la Mercedes conquista ben 7 podi. Nel 1955 a Fangio viene affiancato Stirling Moss. Il dominio della casa tedesca è ancora impressionante: Fangio vince in Argentina, Belgio, Olanda e Italia, mentre Moss vince il Gran Premio d’Inghilterra. Vengono conquistate 4 pole, 5 gpv, 10 podi, con doppiette in Belgio, Olanda e a Monza.

Nel Gran Premio d’Inghilterra sono monopolizzate le prime tre posizioni della classifica. Fangio ovviamente è per la terza volta campione del mondo piloti, mentre Moss chiude secondo. Al termine della stagione la casa di Stoccarda decide il ritiro dalla F1 con uno score di nove vittorie su 12 gare, 8 pole, 9 giri più veloci, 17 podi, 5 doppiette.

Il 2014 vede il ritorno della scuderia Tedesca ai vertici della Formula 1. La F1 W05 Hybrid si dimostra subito superiore a tutte le altre vetture e monopolizza tutto il mondiale, che rimane però in bilico fra gli stessi piloti del team. Nico Rosberg e Lewis Hamilton, fino alla fine si sono dati battaglia. Ma un pò di sfortuna e qualche errore hanno regalato il secondo mondiale in carriera al pilota britannico. Lewis Hamilton festeggia così ad Abu Dhabi il suo secondo titolo e dimostra a tutti le sue grandi capacità.

La Mercedes si conferma la squadra da battere per il 2015. La stagione parte con Hamilton e Rosberg in prima e seconda posizione in Gran Premio d’Australia. In Malesia Hamilton è secondo davanti a Rosberg, con il ferrarista Vettel primo. Tuttavia in Cina Hamilton vinse davanti a Rosberg, bissando poi in Bahrein davanti al ferrarista Kimi Raikkonen e a Rosberg. In Spagna arriva il primo successo stagionale per Rosberg bissato nel discusso Gp di Monaco. Hamilton torna in cattedra a Montreal, mentre in Austria vince Rosberg davanti al britannico, che si riscatta in Gran Betagna vincendo davanti al compagno. In Ungheria Hamilton è solo sesto, con Rosberg addirittura ottavo. Hamilton vince in Belgio, in Italia, dove Rosberg è rispettivamente secondo e ritirato. A Singapore Rosberg è quarto lontano dal podio e Hamilton è costretto al ritiro. In Giappone trionfa il pilota inglese, con il compagno di squadra secondo. In Russia Hamilton vince,con Rosberg ritirato. Tuttavia questo basta alla Mercedes per vincere il secondo titolo costruttori (consecutivo) della sua storia. Nella successiva gara, del 25 ottobre negli Stati Uniti, Lewis Hamilton taglia il traguardo precedendo il compagno di squadra e laureandosi così, per la seconda volta consecutiva, il titolo mondiale. In Messico, Stati Uniti ed a Abu Dhabi Rosberg trionfa davanti al compagno di squadra, permettendo al team di raccogliere 12 doppiette in una stagione (nuovo primato) e 703 punti nel totale, anch’esso un record.

2016
La Mercedes F1 W07 Hybrid è una monoposto di Formula 1 realizzata dalla Mercedes, per gareggiare nel Campionato mondiale di Formula 1 2016.
La colorazione rimane la classica delle monoposto Mercedes precedenti. Il colore predominante è il grigio con le fiancate di un azzurro più evidente per risaltare lo sponsor. La parte bassa della vettura è invece nera. La monoposto è sostanzialmente simile a quella dello scorso anno. La parte anteriore ricalca quella della precedente monoposto. Le modifiche più evidenti si notano nella parte posteriore. La presa d’aria situata sopra la testa il pilota è stata maggiorata e presenta un aspetto ovoidale e le protezioni ai lati del pilota sono state aumentate come da nuovo regolamento FIA. Le fiancate presentano un diverso disegno e il posteriore è stato snellito e presenta dimensioni minori per ottimizzare i flussi aerodinamici.La vettura esordisce il 22 Febbraio sull’autodromo di Montmeló, a Barcellona. Dal 22 al 25 Febbraio la vettura è impegnata nei classici test precampionato guidata da entrambi i piloti titolari.

Nel 2016 prosegue il dominio della casa tedesca che nelle prime 12 gare la casa tedesca lascia le briciole agli avversari, ottenendo 11 vittorie, 6 con Hamilton e 5 con Rosberg. il pilota tedesco in particolare coglie 4 vittorie consecutive nelle prime 4 gare, che vanno a sommarsi alle 3 ottenute nel finale della stagione precedente, lanciandolo indisturbato in vetta al campionato. Ma un calo vistoso nelle gare successive, dove coglie appena 1 vittoria al cospetto delle 6 in 7 gare di Hamilton, gli fa perdere tutto il vantaggio accumulato e così il pilota inglese diventa il nuovo leader del mondiale. Dopo la pausa estiva, Rosberg domina facilmente e con non poca difficoltà riesce in poche gare a riprendersi la vetta del mondiale, grazie anche al motore do Hamilton che va in fumo nel Gran Premio della Malesia.  Quando ormai manca una gara al termine della stagione 2016, Hamilton tiene ancora il discorso aperto, con il distacco da Rosberg che si riduce a 12 punti. Si giunge così all’ultimo appuntamento stagionale, il Gran Premio di Abu Dhabi. Pole di Hamilton, Rosberg secondo di fianco a lui, e stessi piazzamenti a fine corsa, che permettono così a Nico Rosberg di laurearsi campione del mondo per la prima volta nella sua carriera. La Mercedes chiude la terza stagione di dominio con 19 vittorie, 8 doppiette e 20 pole position su 21 gare, totalizzando 765 punti.

Pochi giorni dopo il trionfo, il 2 dicembre Rosberg annuncia il suo ritiro dalle competizioni. Al suo posto per il 2017 verrà ingaggiato il finlandese Valtteri Bottas.

 

Fonte: [Wikipedia]