Jenson Button

Jenson Button

 

Nato a: Frome (Gran Bretagna)
Il: 18 gennaio 1980
Debutto: Australia 2000

A otto anni inizia a correre nei karting ,nel 1991 vince tutte le gare del campionato cadetto e anche il titolo; continua a vincere e nel 1997 conquista il titolo europeo del campionato Super A.
L’anno dopo passa alla Formula Ford e partecipa ai campionati inglese ed europeo.Nel 1999 passa alla F3 inglese dove giunge terzo nel campionato.
Nel 2000 dopo i test invernali su McLaren e Prost, viene assunto, come sostituto di Alex Zanardi, alla Williams;l’esordio in F1 avviene al Gran Premio d’Australia dove disputa una buona stagione che conclude con l’ottavo posto.

Nel 2001 guida per la Benetton anche se ancora sotto contratto con la Williams, stagione che risulta negativa; nella stagione successiva la Benetton viene acquistata da Renault e i risultati migliorano, ma nel 2003 viene sostituito da Fernando Alonso.

Nello stesso anno passa alla Bar con scarsi risultati, meglio nel 2004 per poi tornare ad una stagione difficile nel 2005.

Nel 2006 le azioni Bar sono acquisite da Honda, inizia bene il campionato e con una serie di alti e bassi termina la stagione arrivando sempre tra i primi dieci; nel 2007 a causa di difficoltà della Honda non ottiene buone prestazioni e nel 2008 le cose vanno ancora peggio.

Alla fine la Honda annuncia il clamoroso ritiro dalla F1 e Button rimane senza scuderia.Il 6 marzo 2009 nasce la Brawn gp dove alla guida di una delle monoposto viene confermato button; inizia così la sua scalata al successo che lo porta alla vittoria del Campionato del Mondo.

Il 18 novembre 2009 arriva la notizia ufficiale del suo passaggio alla McLaren; il campionato 2010 inizia nel migliore dei modi, a fine stagione però non riesce ad ottenere i risultati sperati ed infatti la stagione si conclude con la vittoria di Vettel, gli unici suoi successi rimangono quelli ottenuti a inizio campionato.

Il 2011 non inizia nel migliore dei modi per la Mclaren: i test sono deludenti, anche a causa della configurazione degli scarichi (chiamata “octopus”), che rallenta lo sviluppo della vettura. Viene così presa la decisione di presentarsi al primo gp in Australia con scarichi differenti, in stile Red Bull, già utilizzati nel corso della stagione precedente.
La stagione sarà complessa e lunga ma alla fine con molta costanza e precisione nella guida riesce a confermare il suo secondo posto assoluto nel campionato piloti.

Nel 2012 il rendimento del pilota inglese fu molto altalenante. Button iniziò bene la stagione, conquistando la vittoria nella gara inaugurale in Australia
Ma dopo un buon inizio inizia una serie di gare difficili, nelle quali non va oltre un ottavo posto conquistato nel Gran Premio d’Europa, a Valencia. Torna sul podio in Germania, dove taglia il traguardo terzo in gara, ma fu classificato secondo vista l’aggiunta di 20 secondi a Vettel per un sorpasso irregolare sullo stesso pilota inglese. Button chiude la stagione al quinto posto in classifica, con 188 punti.

Nel 2013 Button diventa il primo pilota al finaco del messicano Sergio Peréz, che prende il posto di Lewis Hamilton, passato alla Mercedes.La nuova vettura della McLaren si rivelò molto meno competitiva di quelle che l’avevano preceduta, non consentendo né a Button né al suo compagno di squadra di lottare per le prime posizioni. Chiude il campionato al nono posto nella classifica generale, con un totale di 73 punti.

Il 2014 inizia positivamente, ma la vettura non va come dovrebbe andare non conquistando punti nelle tre gare successive.
La situazione cambia a Monaco e in Canada, dove Button, sfruttando anche l’elevato numero di ritiri, coglie un sesto e un quarto posto. Nel resto della stagione il pilota britannico è riuscito quasi sempre a segnare punti, non cogliendo, però, ulteriori podi.
Chiuse il 2014 all’ottavo posto nella classifica generale, con 126 punti. Sembra finita la carriera del pilota campione del mondo 2009, ma la Mclaren, passata alla motorizzazione Honda, decide di affinacre l’inglese a Fernando Alonso per la stagione 2015.

2015: L’inizio della stagione fu molto complicato per la scuderia inglese, che nei test invernali faticò ad accumulare chilometri per via di continui guasti. Nella prima gara del campionato, in Australia, Button si qualificò in ultima fila, riuscendo poi a giungere al traguardo in undicesima e ultima posizione.

Nelle gare seguenti la monoposto rimase poco competitiva, non consentendo al pilota inglese di far segnare risultati di rilievo, il suo rendimento perciò rimase quello delle ultime due stagioni. I primi punti stagionali arrivarono al Gran Premio di Monaco, chiuso in ottava posizione.

Seguirono tre ritiri consecutivi, per problemi meccanici in Canada e in Austria e per incidente nelle prime fasi del Gran Premio di casa. Button tornò a punti nel Gran Premio d’Ungheria, nel quale tagliò il traguardo in nona posizione; il pilota britannico bissò il risultato in Russia, approfittando dei ritiri nelle ultime tornate di Valtteri Bottas e Daniel Ricciardo. Nel successivo Gran Premio degli Stati Uniti Button conquistò il miglior risultato stagionale, giungendo sesto sotto la bandiera a scacchi. A fine campionato concluse sedicesimo nella classifica generale, con 16 punti.

Fonte: [Wikipedia]