Brendon Hartley

Brendon Hartley

Scuderia Toro Rosso
 

Nato a: Palmerston North (Nuova Zelanda)
Il: 10 novembre 1998
Debutto: 2017 (Stati Uniti)

Campione del mondo 2015 nel Campionato del Mondo Endurance FIA sulla vettura numero 17 del team ufficiale Porsche con Webber e Bernhard. Nel 2017, a bordo di una Porsche 919 Hybrid, conquista la 24 Ore di Le Mans.
La sua avventura in Formula 1 inizia nel febbraio 2008, all’età di 18 anni viene invitato dalla Red Bull, per uno show a Riyadh. Da lì, sono seguiti 3 giorni di prove per la Toro Rosso con una vettura del 2008. Nel novembre 2008, viene chiamato per dei test, insieme al test driver ufficiale Sébastien Buemi, dopo l’incidente di Mark Webber occorso in bicicletta.

Per la stagione 2009, Hartley viene nominato come riserva ufficiale sia per la Red Bull, sia per il team Toro Rosso. Non essendo stato però in possesso della superlicenza fino all’aprile 2009, il suo ruolo di tester è stato ricoperto, per le prime gare della stagione dal pilota David Coulthard, ritiratosi dalle corse alla fine della stagione 2008. Il pilota neozelandese, dopo aver ottenuto la superlicenza, viene ufficialmente nominato pilota di riserva della Red Bull. Ma dal Gran Premio di Germania viene sostituito da Jaime Alguersuari.

Nella stagione 2010 viene riconfermato come tester oltre a militare nella World Series by Renault. Da luglio 2010 finisce il suo legame con la Red Bull.
Le stagioni 2012 e 2013 viene scelto dalla Mercedes come collaudatore. Va così ad affiancare così i due piloti titolari. In questo biennio svolge test al simulatore ed in pista con la W03 e W04. Al termine della stagione 2013 non viene riconfermato dal team Mercedes. Nel 2017 fa ritorno nell’orbita Red Bull poiché viene scelto dalla Toro Rosso per sostituire Pierre Gasly al Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin. Il suo numero di gara è il 39.