La Ferrari è campione del mondo 2002

Il 18 agosto 2002, Rubens Barrichello vince sul circuito dell’Hungaroring di Budapest il gran premio d’Ungheria. Con quel risultato, accompagnato dal secondo posto di Michael Schumacher, la Ferrari si assicurò anche il titolo costruttori, il quarto consecutivo, due gare dopo che il tedesco aveva fatto suo quello piloti. Sul podio anche Ralf Schumacher su Williams – BMW.

Le parole ai protagonisti.
Michael Schumacher: “Abbiamo vinto il titolo Costruttori con quattro gare d’anticipo sulla fine del campionato. Sapevamo che sarebbe accaduto ma non sapevamo quando. Ora l’abbiamo conquistato, e l’abbiamo fatto con stile e nel migliore dei modi, con una doppietta. Credo che il nostro successo derivi dall’intesa e dal rispetto con i quali lavoriamo.

Rubens Barrichello: “Avevo una buona macchina e un fantastico team, tutto è stato perfetto oggi. Ma la cosa più importante è stata vincere il campionato del mondo costruttori per la squadra.Voglio ringraziare tutti, Todt, Brawn, Martinelli, Byrne, gli ingegneri e i meccanici. E anche tutti i ragazzi della squadra test e le persone che lavorano a Maranello. Tutto questo è anche merito loro. Sono felice di far parte di un team come la Ferrari.

Luca di Montezemolo: “Credo che le parole siano inutili di fronte a risultati così importanti. Sono orgoglioso dei miei uomini, di tutti gli uomini della Ferrari. Il merito di questa magnifica vittoria è prima di tutto loro: piloti, tecnici, meccanici, insieme a sponsor e fornitori. E’ il momento più alto della storia della nostra azienda. Non c’è mai stata una Ferrari così forte e per una casa automobilistica quale noi siamo vincere il campionato costruttori, per giunta per quattro anni di seguito, è la soddisfazione più grande che premia il lavoro di tutti.

Pubblicità