Blog LifeFormula 1

Il ristorante del Cavallino nelle mani di Bottura. Ma che si conservi la tradizione…

Il celebre ristorante della Ferrari, teatro di tanti incontri e seconda casa di Enzo Ferrari, cambia gestione

Nel 1982, in vista dell’imminente GP d’Italia a Monza, Athos, gestore del ristorante “Il Cavallino”, proprio di fronte alla fabbrica della Rossa, risponde seccato alle telefonate

C’è Arnoux in pista che sta provando la 126C e il telefono squilla. Non per delle prenotazioni, ma per sapere se c’è appunto qualcuno che gira in pista a Fiorano. Seccato, il nostro risponde “Sta girando”, oppure “Non so, chiedete alla Ferrari”. La passione per la Rossa è al culmine, e sono passati pochi mesi dalla scomparsa di Gilles Villeneuve in Belgio. Chi scrive, è passato dal ristorante del “Cavallino” in un giorno di piena estate. Di quelli dove Maranello è deserta, il sole picchia e di macchine nemmeno l’ombra a Maranello.

Non solo in pista, ma anche nelle vie della passione, la Mecca degli aficionados. Impalcature, teloni, tutto cela il luogo sacro dove Enzo Ferrari aveva la sua saletta privata e dove arrivava a bordo della sua Lancia Thelma, magari per festeggiare una vittoria con pochi intimi, come dopo la gara in Australia del 1987. E dove quando aveva bisogno di convocare qualcuno, capitasse che lo facesse andare a prendere direttamente da Villeneuve, per star sicuri che sarebbe arrivato in fretta. Capitò con il compianto giornalista Nestore Morosini, che aveva scritto qualcosa che al Drake non era piaciuto. 

ALL’ASTA I CIMELI

Il ristorante del Cavallino era momentaneamente trasferito poco più lontano, in un’area abitata da dove si possono ammirare le colline circostanti. Ma i cimeli restavano: una scultura del Cavallino, un motore Ferrari V12, pezzi di telaio, alettoni e tanto altro. Una parte intera, nel nuovo provvisorio alloggio, reca affissi dodici caschi di piloti che hanno vestito il rosso. Berger, Prost, Mansell, Alonso e Schumacher ovviamente… ma anche Massa e Irvine. La famiglia di Giuseppe Neri, che per 36 anni l’ha gestito, ha messo all’asta i cimeli. Il pezzo più pregiato? Quel motore V12, uno degli ultimi della casa di Maranello, valutato tra i 70 e gli 80 mila euro.

Ebbene, si cambia corso. Lo chef tristellato Massimo Bottura, già padrone dell’Osteria Francescana a Modena, ha realizzato un progetto di cui si discuteva addirittura ai tempi di Marchionne. Prenderà in gestione il locale, e ci sarà curiosità per vedere quali saranno le variazioni. Con un occhio ovviamente anche ai turisti, Covid permettendo: “Offriremo anche un grande servizio alle centinaia di migliaia di turisti stranieri che vengono a Maranello a visitare il museo Ferrari. Ma sia chiaro che il ristorante del Cavallino sarà aperto a tutti, a chi lavora in Ferrari e a tutti i coloro che vivono e amano il nostro territorio”.

COME SARA’ IL NUOVO “CAVALLINO”?

“Proporremo una cucina profondamente tradizionale senza però mai essere nostalgica: il mio sogno è vedere i dipendenti della casa automobilistica venire al Cavallino a festeggiare i giorni più importanti della loro vita” ha detto Bottura, stuzzicato su come sarà il menu. Cribbio, mica vorrete farci rinunciare a tortellini o brodo di cappone, eh? La conservazione della storia e della memoria, in un luogo così, è sacra. 

I tifosi e tutti i frequentatori, si augurano che la ristrutturazione non sia troppo profonda. Che il menu sia accessibile anche nei prezzi, che non si trasformi in uno dei ritriti luoghi freddi e omologati, in cui si paga l’esperienza e non la genuinità del cibo e dell’atmosfera. Bottura dovrà fare i conti con la Ferrari, con la passione di migliaia di tifosi, con quel rosso che è l’essenza del marchio. Dura stravolgere tutto, in un luogo che ha pareti che racconterebbero mille aneddoti, se potessero parlare. 

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.