DichiarazioniFormula 1Gran Premio Portogallo

Hamilton: “Sono grato a Mercedes per il traguardo raggiunto”

Lewis Hamilton vince il Gran Premio del Portogallo e supera Schumacher a quota 92 vittorie in Formula 1

Il campione inglese si è aggiudicato il Gran Premio del Portogallo sul circuito di Portimao

Lewis Hamilton ha dominato il Gran Premio del Portogallo, andando a superare Schumacher a quota 92 vittorie in Formula 1. Ennesimo record per il campione inglese, che una volta sceso dall’abitacolo, ha espresso la propria gratitudine al team Mercedes per l’incredibile traguardo raggiunto. Un binomio, quello tra Hamilton e la Mercedes, iniziato con qualche scetticismo nel lontano 2013 e che ha finito per riscrivere la storia di questo sport.

“Devo tutto ai ragazzi in fabbrica e qui in pista. Spingono l’asticella sempre più in alto. Un privilegio lavorare con loro, l’affidabilità è incredibile. Tutti continuano sempre a spingere, non si siedono sugli allori. Questa è la cosa più speciale da cui essere circondati, è fonte di ispirazione. Questa collaborazione è qualcosa che non avevo mai vissuto prima.“, ha detto Lewis ai microfoni di Martin Brundle, prima di iniziare ad analizzare la sua gara.

“Oggi è stata una gara difficile per via delle temperature. Avevano detto che avrebbe piovuto poco dopo il via. Io ero partito bene ma in curva 7 ho avuto sovrasterzo. Ho alzato il piede, ho preferito non difendermi, lasciar passare Valtteri e cercare poi di reagire dopo. Sono riuscito a riprendermi, per fortuna. Questo è uno sport molto fisico. Ho avuto un crampo al polpaccio e ho dovuto alzare il pedale in rettilineo perchè faceva male. Ma sono riuscito ad arrivare fino in fondo, bisogna stringere i denti”, ha proseguito l’inglese, che poi ha ringraziato la sua famiglia.

“Potevo solo sognare questo traguardo. Quando ho scelto di aiutare questo team non potevo immaginare quello che sarebbe successo. Ogni giorno lavoriamo insieme spingendo tutti nella stessa direzione. C’è qui mio padre, la mia madre adottiva, Roscoe, è speciale per me. Ci vorrà tempo per assorbire quello che sono riuscito a fare. Continuerò a spingere. Le 92 vittorie sono qualcosa per cui fatico a trovare le parole”ha così concluso.

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio