Formula 1Gran Premio Ungheria

GP Ungheria: vince un fantastico Hamilton; secondo Verstappen, terzo Bottas

L’Hungaroring è ancora sfondo delle gesta del sei volte campione del mondo. Una gara dominata dall’inizio alla fine e che ha lasciato ben poco agli avversari

E’ stato il dominio di un Lewis Hamilton inarrestabile quello cui abbiamo assistito oggi. L’inglese continua a macinare record su record; alle sue spalle il giovane Verstappen e il compagno Bottas

Un GP di Budapest tanto promettente da stupirci coi suoi colpi di scena prima ancora di iniziare. Durante il giro di formazione, prima di schierarsi sulla griglia bagnata, Max Verstappen ha infatti perso il controllo della sua Red Bull bloccando l’anteriore sinistro e ha impattato contro le barriere di protezione, danneggiando così l’ala anteriore e i braccetti della sospensione. Nonostante questo, l’olandese è riuscito comunque a prendere parte al GP ed è stato persino autore di un’ottima partenza, senza violare il parco chiuso. Il Team guidato da Chris Horner è però sotto investigazione per aver asciugato meccanicamente l’asfalto sotto la vettura di Albon prima della partenza. Vedremo cosa accadrà.

Discreto avvio anche per Ferrari che, arrivando da una prima parte di weekend quasi disastrosa, sin dai primi giri con Leclerc ha combattuto fianco a fianco con la Mercedes di Bottas, dopo un avvio deludente da parte del finlandese che lo aveva fatto scivolare in basso di qualche posizione.
Primissimi giri molto concitati con un valzer di pit stop anticipati, a riconferma di un meteo instabile, che ha costretto molti piloti a passare dalla mescola intermedia alla gialla.

MERCEDES IMPRENDIBILE: HAMILTON VOLA VERSO LA STORIA

Lewis Hamilton si riconferma padrone indiscusso dell’Hungaroring. Dopo la conquista della settima pole sul tracciato ungherese, sua novantesima in carriera, l’inglese delle Frecce d’Argento ha firmato una bellissima vittoria. 8 primi posti per lui sullo stesso circuito. Fenomenale.
Lewis si è portato così in testa alla classifica mondiale, superando il suo compagno di Team Valtteri Bottas di 5 punti. Weekend da incorniciare per lui: nuovo record della pista (1:13:447; un secondo in meno rispetto a quello stabilito dalla stessa Mercedes nel 2019), pole (la novantesima in carriera) giro veloce e vittoria. Adesso siamo a -5 vittorie da Michael Schumacher.
Come qualcuno lo ha più volte definito: HungaroKING.

Valtteri Bottas ha tentato una strategia diversificata, montando gomma bianca fino alla fine della gara, tentando forse il colpaccio riuscito al suo compagno di Team l’anno scorso, proprio in Ungheria. Sperava forse di sorpassare Lewis negli ultimi giri con gomma più performante. Niente da fare.
Lewis, dopo aver bisticciato per qualche giro col suo muretto box, ha effettuato un secondo pit stop, montando gomma soft per centrare il giro veloce. Obiettivo centrato.

FERRARI: DOPPIATE IN PISTA

Nonostante la bella partenza, la Rossa si conferma ancora una volta una vettura da centro griglia, a malapena all’altezza di combattere con Renault e McLaren, che, seppur autrici di un notevole progresso rispetto alla passata stagione, non figuravano certo tra gli avversari ideali immaginati dagli uomini di Maranello. Sebastian Vettel ha condotto una bella gara, conquistando il sesto (forse inaspetatto) posto. Delusione per Leclerc solo undicesimo e fuori dalla zona punti.

Una Ferrari in ombra quella doppiata da Mercedes. Era il 2008 l’ultima volta che due Rosse venissero entrambe doppiate. Un triste record per la squadra italiana.

I TEAM DEL MIDFIELD: CHE GARA MAGNUSSEN! ENNESIMA SORPRESA RACING POINT

Grandissima gara per la tanto discussa Racing Point e la sorprendente Haas,con un Kevin Magnussen agguerrito che si è piazzato nono.
Solo un ritiro oggi, da parte di AlphaTauri con Gasly per problemi al motore, sostituito nella notte tra ieri e oggi.

Buona la performance di Renault con Riccardo ottavo.

LA TOP TEN DEL GP D’UNGHERIA:
1. Hamilton
2. Verstappen
3. Bottas
4. Stroll
5. Albon
6. Vettel
7. Perez
8. Ricciardo
9. Magnussen
10. Sainz

Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.