DichiarazioniFormula 1Gran Premio Turchia

GP Turchia, Perez: “Un toccasana per tutto il team”

Il pilota messicano della Racing Point conquista la seconda posizione al termine di una gara pazza a Istanbul Park

Al termine di un GP Turchia incredibile, condizionato da una pista bagnata, Sergio Perez conquista il secondo posto e sale sul podio con Hamilton e Vettel

Che gara! Si è da poco concluso il GP Turchia, condizionato da una pista bagnata a causa della pioggia. Una gara pazza ed emozionante, imprevedibile fin dalla partenza. Al traguardo nelle prime tre posizioni troviamo Lewis Hamilton, Sergio Perez e Sebastian Vettel.

Sergio Perez scattava dalla terza posizione, alle spalle del poleman Lance Stroll con la seconda Racing Point e di Max Verstappen con la Red Bull. Fin dai primi giri, le due Racing Point in prima e seconda posizione, dettano il passo con un buon margine di vantaggio, che purtroppo non è bastato a frenare la gara degli avversari, in primis Lewis Hamilton protagonista di un’incredibile rimonta.

Ultimi giri vissuti da cardiopalma, con la Racing Point di Sergio Perez in lotta con le Ferrari di Charles Leclerc e di Sebastian Vettel, autori a loro volta di una bellissima rimonta. Al traguardo il messicano riesce a portarsi a casa la seconda posizione, mentre alle sue spalle i due ferraristi si contendono il terzo gradino del podio, finito nelle mani di Sebastian Vettel.

CHECO: “BELLA SFIDA CON LECLERC”

Le prime parole di Sergio Perez subito dopo essere sceso dalla sua Racing Point, al termine delle qualifiche del GP Turchia: “È stato incredibile. Ho detto al mio team via radio che sarebbe bastato un altro giro in più con quelle gomme e sarebbero esplose. È stato difficile, era come guidare sul ghiaccio”. 

“Tuttavia è stata una gara interessante, siamo riusciti a gestire bene tutto. Credo che il team abbia fatto un lavoro fantastico, in termini di strategia e di lettura della gara. Ma credo che Lewis oggi fosse estremamente forte, verso la fine ci abbiamo provato, ma siamo riusciti lo stesso a portare a casa un bel risultato“.

In conclusione: Con Max non vedevo niente negli specchietti, erano pieni di nebbia. All’improvviso ho visto Max [Verstappen] che andava largo ed è scomparso. Poi lo stesso con Charles alla fine, non pensavo che fosse così vicino a me, non me ne sono accorto. All’ultimo giro è stata una bella battaglia con lui, lui mi ha superato alla curva 9 e io l’ho ripassato alla 11. È stata una gara caotica, ma molto positiva per noi. Un bel toccasana per tutto il team questo risultato a poche gare dalla fine. Per quanto mi riguarda, è importante concludere bene”.

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.