Formula 1Gran Premio Turchia

GP Turchia: Hamilton conquista il primo posto all’Istanbul Park

È il britannico a salire sul gradino più alto del podio, seguito da Perez e da Vettel

Un GP di Turchia emozionante ed imprevedibile che vede al primo posto Hamilton, il messicano al secondo e il tedesco al terzo

Nel 2011 l’Istanbul Park vedeva per l’ultima volta sfrecciare le monoposto di Formula 1. Nove anni dopo, nella giornata odierna, il rombo è tornato a farsi sentire. Dopo un weekend caratterizzato da pioggia, asfalto incredibilmente scivoloso e da qualifiche piuttosto complicate, il Gran Premio di quest’oggi non poteva essere da meno. Un GP di Turchia denso di emozioni ma soprattutto imprevedibile, che ha tenuto tutti con il fiato sospeso per l’intera durata della gara, e che ha visto Lewis Hamilton  salire sul gradino più alto del podio. Seguono la Racing Point  di Perez e la Ferrari di Vettel.

INIZIO CAOTICO

Incidente per Bottas e Ocon subito in partenza, con Verstappen che parte abbastanza male. Ottimo scatto di Vettel che si trova terzo. Hamilton non è stato molto reattivo, e si fa superare sia da Verstappen che da Albon. Le due Racing Point velocissime si piazzano subito in prima e seconda posizione, con un buon margine di vantaggio. Margine che però non basterà. 

CAMBIO GOMME, CAMBIO GARA, VERSTAPPEN ON FIRE

Verso il decimo giro, la maggior parte dei piloti entra ai box per cambiare le gomme. La pista più asciutta ha richiesto un cambio tra full wet e intermedie. Bellissima la bagarre tra Hamilton e Vettel, che mette in luce l’enorme talento di entrambi. Dopo qualche giro, Verstappen va in testacoda, perdendo posizioni importanti nei confronti dei rivali. Complessivamente, la gara di Verstappen è stata ad alti e bassi, tra testacoda e determinazione. 

LEWIS RE, MA BOTTAS?

Dopo una partenza difficoltosa, Lewis Hamilton ha costruito una gara molto buona, che l’ha incoronato Campione del Mondo per la settima volta. Dopo aver combattuto con la Rossa di Vettel, si è portato in prima posizione, superando le Racing Point e macinando tempi bassissimi. Bottas, d’altro canto, è stato coinvolto in un incidente all’inizio. Per tutta la gara, ha commesso una serie di errori, che l’hanno portato ad arrivare solo 14esimo. Inoltre, è stato anche doppiato dal suo compagno di squadra. 

LAMPO ROSSO

Magnifica gara di Sebastian Vettel, che, finalmente, riesce a mostrare tutto il suo talento in pista, pur avendo una monoposto non ottimale. La battaglia con Hamilton e la gestione gomme gli hanno consentito di conquistare un meritato terzo posto. Anche Leclerc è stato autore di un’ottima gara, recuperando posizioni ed essendo rapidissimo in pista. Le Ferrari, complessivamente, sono state un lampo rosso di verde speranza in questo complicato GP di Turchia. 

Il podio del GP di Turchia ha visto quindi Hamilton salire sul gradino più alto, seguito dalla Racing Point  di Perez e dalla Ferrari di Vettel . Assolutamente buona è stata la prestazione di entrambe le Ferrari. Dopo una gara buona Charles Leclerc si è comunque piazzato quarto, mentre Sebastian Vettel ha concluso con un bellissimo terzo posto.

L’ordine di arrivo del GP di Turchia 2020

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton Germany Mercedes 01:42:19.313 58 01:39.413 56 6 25
2 11 Mexico Sergio Pérez United Kingdom Racing Point 01:42:50.946 58 01:40.392 50 3 18
3 5 Germany Sebastian Vettel Italy Ferrari 01:42:51.273 58 01:39.662 53 11 15
4 16 Monaco Charles Leclerc Italy Ferrari 01:42:53.171 58 01:39.961 47 12 12
5 55 Spain Carlos Sainz Jr United Kingdom McLaren 01:42:53.676 58 01:38.754 56 15 10
6 33 Netherlands Max Verstappen Austria Red Bull 01:43:04.186 58 01:38.431 53 2 8
7 23 United Kingdom Alexander Albon Austria Red Bull 01:43:05.797 58 01:39.099 54 4 6
8 4 United Kingdom Lando Norris United Kingdom McLaren 01:43:20.572 58 01:36.806 58 14 5
9 18 Canada Lance Stroll United Kingdom Racing Point 01:43:31.666 58 01:39.921 10 1 2
10 3 Australia Daniel Ricciardo France Renault 01:43:54.773 58 01:40.677 54 5 1
11 31 France Esteban Ocon France Renault 01:42:23.252 57 01:41.006 55 7 0
12 26 Russian Federation Daniil Kvyat Italy AlphaTauri 01:42:32.202 57 01:41.019 53 16 0
13 10 France Pierre Gasly Italy AlphaTauri 01:42:33.613 57 01:39.586 53 19 0
14 77 Finland Valtteri Bottas Germany Mercedes 01:43:11.527 57 01:38.193 57 9 0
15 7 Finland Kimi Raikkonen Switzerland Alfa Romeo Racing 01:43:41.668 57 01:39.743 57 8 0
16 63 United Kingdom George Russell United Kingdom Williams 01:43:57.645 57 01:40.814 51 20 0
17 20 Denmark Kevin Magnussen United States Haas 01:41:45.515 55 01:40.948 45 13 0
RIT 8 France Romain Grosjean United States Haas 01:31:18.383 49 01:43.281 38 17 0
RIT 6 Canada Nicholas Latifi United Kingdom Williams 01:15:39.771 39 01:43.495 32 18 0
RIT 99 Italy Antonio Giovinazzi Switzerland Alfa Romeo Racing 00:22:13.153 11 01:51.122 11 10 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button