Formula 1Gran Premio Spagna

GP Spagna: Verstappen ci prova, Hamilton vince e adesso è 3-1 per lui!

Dopo i primi giri l’olandese sembrava il favorito per la vittoria e invece, Lewis autore di una strategia perfetta porta a casa il successo

Verstappen domina la prima parte di gara, poi la Mercedes rischia una seconda sosta, Hamilton vola e alla fine trionfa. Film già visto in Ungheria e che si ripete a Barcellona

Lewis Hamilton corona con una vittoria la centesima pole in carriera. Max Verstappen ancora una volta ci ha provato a rovinare la domenica dell’inglese, ma il talento di Lewis unito ad una strategia impeccabile operata dagli uomini della Mercedes, hanno ristabilito le gerarchie. Lewis Hamilton allunga cosi nel mondiale, fa 3-1 su Verstappen e mette in dubbio la presunta superiorità della Red Bull.

Il via è un remake di Imola: Verstappen scatta meglio di Hamilton, gli prende la scia e con decisione lo supera all’interno con quasi ruotata annessa. Dietro invece Leclerc, si inventa una magia in curva 3 e supera Valtteri Bottas. Il circuito di Barcellona ricorda a tutti quanto sia difficile fare sorpassi o anche semplicemente seguire a distanza ravvicinata un altro pilota.

IL TEMPISMO AI BOX LA RICETTA PER TENTARE IL SORPASSO

Al ventitreesimo passaggio, infatti, Bottas tenta l’undercut su Charles Leclerc, che invece prosegue, fino al giro 28. Il giro seguente si ferma anche Max Verstappen in crisi con le gomme e ormai raggiunto da Lewis Hamilton. Anche il pilota Mercedes si ferma alla ventottesima tornata per montare gomme medie. Dopo il primo round di pit stop solo Bottas è riuscito a trarre vantaggio mettendosi dietro Leclerc.

Con le medie la Mercedes si trova più a suo agio e cosi, per il pilota britannico, il Gran Premio si trasforma in un vero e proprio inseguimento ala Red Bull di Max Verstappen. Un inseguimento che si interrompe al quarantatreesimo giro, quando Hamilton effettua la seconda sosta per rimontare le medie e riprendere la caccia all’olandese. Il GP di Spagna si trasforma cosi, in un replay del GP d’Ungheria del 2019, quando Lewis effettuò una seconda sosta, prima di fare 20 giri da qualifica per recuperare e superare la Red Bull numero 33 aggiudicandosi la vittoria.

Quando mancano dodici giri alla bandiera a scacchi, Valtteri Bottas viene richiamato per effettuare la seconda sosta per montare le rosse, lasciando il terzo posto a Leclerc. L’entusiasmo (contenuto) della Ferrari dura però solo tre giri, il tempo necessario al finlandese di mettersi negli scarichi della Ferrari e superarlo in rettilineo.

HAMILTON ANCORA UNA VOLTA FA LA DIFFERENZA

Giro 59, il sorpasso che decide la gara. Hamilton agguanta Verstappen e lo supera senza possibilità di replica. A quel punto l’olandese torna ai box, monta un nuovo set di morbide e porta a casa quantomeno il giro veloce. Intanto nelle retrovie bagarre furibonda per accaparrarsi la decima posizione: la spunta Gasly che ripete il decimo posto di Portimao.

Lewis Hamilton vince per la novantasettesima volta in carriera dimostrando ancora una volta che sette titoli mondiali non si vincono per caso. Meriti anche al muretto Mercedes che azzarda una seconda sosta, azzeccando alla grande la strategia e guadagnando il successo. Max Verstappen incassa il colpo e torna a casa con la consapevolezza che fare di più era impossibile, ma con la sensazione che per battere Hamilton occorrerà fare l’impossibile.

Eccezionale anche Charles Leclerc, quarto su una pista dove la Ferrari, si temeva avrebbe faticato. Anche a lui, impensabile chiedere di più. Bene Daniel Ricciardo davanti a Sainz e Norris, mentre Esteban Ocon fa capire chiaro e tondo, che non è la vittima sacrificale di Fernando Alonso, la cui strategia a sosta unica non ha pagato.

L’ORDINE D’ARRIVO

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton Germany Mercedes +0 laps 66 1 25
2 33 Netherlands Max Verstappen Austria Red Bull +0 laps 66 2 19
3 77 Finland Valtteri Bottas Germany Mercedes +0 laps 66 3 15
4 16 Monaco Charles Leclerc Italy Ferrari +0 laps 66 4 12
5 11 Mexico Sergio Pérez Austria Red Bull +0 laps 66 8 10
6 3 Australia Daniel Ricciardo United Kingdom McLaren +0 laps 66 7 8
7 55 Spain Carlos Sainz Jr Italy Ferrari +0 laps 66 6 6
8 4 United Kingdom Lando Norris United Kingdom McLaren +1 lap 65 9 4
9 31 France Esteban Ocon France Alpine F1 Team +1 lap 65 5 2
10 10 France Pierre Gasly Italy AlphaTauri +1 lap 65 12 1
11 18 Canada Lance Stroll United Kingdom Aston Martin +1 lap 65 11 0
12 7 Finland Kimi Raikkonen Switzerland Alfa Romeo Racing +1 lap 65 17 0
13 5 Germany Sebastian Vettel United Kingdom Aston Martin +1 lap 65 13 0
14 63 United Kingdom George Russell United Kingdom Williams +1 lap 65 15 0
15 99 Italy Antonio Giovinazzi Switzerland Alfa Romeo Racing +1 lap 65 14 0
16 6 Canada Nicholas Latifi United Kingdom Williams +1 lap 65 19 0
17 14 Spain Fernando Alonso France Alpine F1 Team +1 lap 65 10 0
18 47 Germany Mick Schumacher United States Haas +2 laps 64 18 0
19 9 Russian Federation Nikita Mazepin United States Haas +2 laps 64 20 0
RIT 22 Japan Yuki Tsunoda Italy AlphaTauri +60 laps 6 16 0

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.