Formula 1Gran Premio Spagna

GP Spagna 2015: Doppietta Mercedes, ma davanti c’è Rosberg!

Un solo inno risuona nel Circut de Catalunya ed è quello tedesco per il trionfatore Nico Rosberg, pilota Mercedes che va a coronare il suo il primo successo stagionale. Supera il nodo intrecciato dalla pressione all’interno del team e vince davanti a Lewis Hamilton, ieri beffato per la pole position e oggi a cominciare dalla partenza sul lato sporco della pista. Nota rossa sul podio; quello spagnolo è il quinto consecutivo per Sebastian Vettel. Il ferrarista è stato impensierito dalla Williams in crescita di Bottas che ha tenuto dietro Kimi Raikkonen, quinto. Secondo il team principal Maurizio Arrivabene la Ferrari non ha concluso una buona gara. Ciò è dato dal distacco troppo elevato dai primi due e dal preoccupante avvicinamento delle Williams. Gara anonima per la Red Bull, settima con Ricciardo e decima con Kvyat. Il pilota russo è stato sconfitto nell’aggressivo duello con Sainz Jr negli ultimi giri per la nona posizione. Tra i due c’è stato un contatto senza conseguenze ma l’incidente è stato comunque posto sotto investigazione. Se le posizioni fossero confermate, questo sarebbe decisamente un risultato importante per l‘onore del pilota di casa in un duello simile a quello tra Alonso e Raikkonen l’anno scorso, proprio in Spagna, per la sesta posizione.

f1-fernandoalonso-mclarenhondaUn’ altra grande sconfitta oggi è proprio per Fernando Alonso che, partito bene, ha eseguito un ottimo e lungo primo stint con le gomme Prime agguantando la settima posizione. Fatali per lui i freni dopo 27 giri, quando ai box è andato pericolosamente lungo  per questo problema. Solo sedicesimo e doppiato Jenson Button, il quale ha perso moltissimo a partire dallo start della gara. Problemi per Pastor Maldonado, secondo e ultimo ritirato della giornata. Il venezuelano ha percorso gran parte della propria gara senza una parte dell’alettone posteriore, danneggiata e rimossa durante il pit-stop senza troppi indugi. Dodicesima e quattordicesima la Sauber, che non si è messa in luce durante la gara così come la Force India, tredicesima con Perez e ancorata alla quindicesima piazza con Nico Hulkenberg.

Al termine di questa gara Manor e McLaren-Honda sono le uniche due scuderie mai andate a punti, mentre il distacco tra Mercedes e Ferrari si fa sentire con il team tedesco che ha già superato i 200 punti. Ecco i tempi della gara con l’ordine d’arrivo:

1- Nico Rosberg

2- Lewis Hamilton +17.551

3-Sebastian Vettel +45.342

4- Valtteri Bottas +59.217

5-Kimi Raikkonen +60.002

6- Felipe Massa +81.214

7-Daniel Ricciardo +1 giro

8-Romain Grosjean + 1 giro

9-Carlos Sainz Jr + 1 giro

10- Daniil Kvyat +1giro

11-Max Verstappen +1 giro

12- Felipe Nasr +1 giro

13-Sergio Perez + 1 giro

14-Marcus Ericsson +1 giro

15-Nico Hulkenberg +1giro

16-Jenson Button +1 giro

17- Will Stevens +3 giri

18- Roberto Merhi +3 giri

19- Pastor Maldonado DNF

20- Fernando Alonso DNF

 

Topics
Pubblicità

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close