Formula 1Gran Premio Russia

GP Russia, qualifiche: che sorpresa Norris!

Il pilota inglese conquista la sua prima pole della carriera, davanti a Sainz e Russell. Guai per Hamilton

Che qualifiche a Sochi! Norris conquista la sua prima pole. Seguono Sainz e Russell

Ritornano finalmente in pista le monoposto di Formula 1 dopo una mattina all’insegna della pioggia. Viste le condizioni meteo e la cancellazione della terza sessione di prove libere, si temeva anche per la qualifica, ma le nuvole sul tracciato di Sochi hanno fortunatamente concesso qualche ora di tregua. 
Cosa dobbiamo aspettarci nella gara di domani? Certamente, una Red Bull con il coltello tra i denti per risalire la griglia dal fondo a seguito della penalità inflitta a Verstappen per la sostituzione della Power Unit, una McLaren che ritenterà il colpaccio e una Mercedes che è costretta a prendersi dei rischi. 

Q1: VERSTAPPEN SENZA TEMPO

I piloti montano gomme da bagnato e intermedie per affrontare i primi chilometri di tracciato, studiando così le condizioni dell’asfalto. La Mercedes si mostra da subito coerente con la performance del venerdì, facendo segnare i tempi più veloci del gruppo e arrivano i primi problemi per Antonio Giovinazzi sulla sua Alfa Romeo, che si gira in mezzo alla pista e viene prontamente evitata da Charles Leclerc alle sue spalle.
La leadership di questo primo taglio di qualifiche è nelle mani di Hamilton, seguito dal compagno Bottas e un ottimo Perez. Mentre, il diretto rivale del sette volte campione del mondo, Max Verstappen, non prende parte alle qualifiche: sulla Red Bull dell’olandese è stata sostituita la Power Unit e quindi domani partirà dal fondo griglia.

Eliminati Raikkonen, Schumacher, Giovinazzi e Mazepin (più Verstappen, senza crono).
In quarta posizione troviamo la Aston Martin di Vettel, davanti a Norris (quinto), Gasly (sesto), Alonso (settimo), Sainz (ottavo), Ocon (nono) e un arrembante Latifi a chiudere la top ten.

Q2: UNA ALPINE IN BUONA FORMA 

La gomma verde (intermedia) regna ancora sovrana in questa seconda parte delle qualifiche, con alcuni piloti che si lamentano per la poca aderenza. Diverse zone della pista si stanno comunque asciugando, ma non abbastanza per pensare di montare le slick. Anche in queste condizioni, le due Mercedes sembrano avere il passo migliore, con il tempo più veloce che si alterna a fianco del nome di Bottas e quello di Hamilton. A separare i due alfieri del team di Stoccarda pochi decimi di gap; un divario notevole compare invece tra le Frecce nere e la McLaren di Norris, in terza posizione. Il giovane inglese, secondo al GP di Monza, migliora il suo tempo e rosicchia circa 4 decimi ai primi due davanti. 

Ottima performance di Fernando Alonso, che, alla fine del Q2, conquista il terzo tempo, confermando così lo stato di forma della Alpine. Buon passo anche per Esteban Ocon, che si prende la sesta posizione. 
A non qualificarsi per il Q3 un delusissimo Vettel (15esimo), Gasly (16esimo), Tsunoda (17esimo), Latifi e il ferrarista Leclerc, entrambi senza tempo. Sainz limita i danni e riesce a entrare nei primi dieci; ancora una volta, Russell firma il tempo che gli garantisce il Q3. 

Q3: BEFFATO HAMILTON; SAINZ IN GRAN RIMONTA

Lewis Hamilton si mette subito davanti, cercando di strappare dalle mani il miglior tempo al compagno, che qui a Sochi ha sempre dimostrato di avere una marcia in più. Non è da meno Norris, che, ancora una volta, si infila tra le due Mercedes di prepotenza, imitato da Alonso, subito alle spalle del finlandese. 
A cinque minuti dalla bandiera a scacchi, il box Ferrari decide di montare le gomme soft sulla monoposto di Sainz. Come loro, anche Russell e Hamilton. Momento di panico per l’inglese della Mercedes, che danneggia la sua ala anteriore contro il muretto all’entrata della Pit Lane, ma che prosegue. 

Negli ultimi concitati secondi, vola Carlos Sainz su pneumatico rosso, facendo segnare il miglior tempo nel secondo settore. Fa meglio di lui Lando Norris, che conquista così la sua prima pole, seguito dal ferrarista, secondo, e un grandioso Russell, terzo. Hamilton solo quarto, quinto Ricciardo, sesto Alonso e settimo Bottas. 

Qui, tutti i tempi

I tempi
Credits: Formula 1, Twitter.com

 

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.