Formula 1Gran Premio Qatar

GP Qatar, Hamilton vince la gara al Losail International Circuit

Il sette volte campione del mondo intasca la vittoria per la seconda volta consecutiva, accorciando il distacco con Verstappen a soli sei punti

Un Gran Premio sofferto, tra i collassi degli pneumatici e gli incredibili sorpassi su una pista che è riuscita a emozionare nel suo primo appuntamento di Formula 1

Il sole sta tramontando sul Losail International Circuit, e tutto è pronto per la prima gara di Formula 1 in Qatar. Ad aver conquistato la pole position è stato Lewis Hamilton, staccato di quattro decimi dal rivale al titolo. Il quale è stato però retrocesso in griglia di ben cinque posizioni, per non aver rispettato la doppia bandiera gialla al termine del Q3. Stessa sorte per Valtteri Bottas, qualificatosi terzo ma penalizzato di tre posizioni. Ciò ha completamente rivoluzionato le prime 5 posizioni: alle spalle del sette volte campione del mondo scatteranno, infatti, Gasly, Alonso e Norris.

SI PARTE PER IL GP DEL QATAR

Partenza eccellente da parte di Max Verstappen, che riesce a conquistare tre posizioni nelle prime due curve. Alonso supera Gasly, scattato dalla seconda casella, mentre Bottas scala in undicesima posizione dopo una partenza insoddisfacente. All’inizio del quinto giro l’olandese ha concluso l’ultimo soprasso su Fernando Alonso, mettendosi in caccia di Lewis Hamilton. Inizia l’importante rimonta delle seconde guide Mercedes e Red Bull. Perez sorpassa Carlos Sainz e Ocon, mentre Bottas tenta un sorpasso in contemporanea con Stroll sull’AlphaTauri di Yuki Tsunoda. Il messicano e il filandese riescono così a entrare in zona punti.

Il primo pit stop viene eseguito al decimo giro da Tsunoda. Hamilton intanto mantiene costante il distacco con Verstappen, oscillando dai 5 ai 7 secondi. Bottas ingaggia battaglia con Sainz per l’ottava posizione, mentre Perez supera Gasly e poi anche la McLaren di Lando Norris. Durante il giro numero 17, il messicano è riuscito ad arrivare in quarta posizione, con Alonso che mantiene imperterrito il terzo posto. Max Versappen entra ai box durante il diciottesimo giro, riuscendo a mantenere la posizione una volta rientrato in pista.

LE STRATEGIE DI GARA IN QATAR

Questo scatena la controffensiva della Mercedes. Nonostante Hamilton chieda via radio di non essere fermato, il team gli ordina di rientrare ai box, sfruttando i 34 secondi di distacco con Verstappen. Continua il botta e risposta tra Red Bull e Mercedes: viene infatti richiamato anche Sergio Perez, che rientra alle spalle di Vettel in dodicesima posizione. Al ventiquattresimo giro si ferma anche Fernando Alonso, lasciando la terza posizione e rientrando ottavo fra Leclerc e Ricciardo.

Bloccaggio per Leclerc, in un tentativo di difesa contro gli attacchi di Alonso e Perez. I due riescono quindi a superarlo, e i meccanici Ferrari sono costretti a compiere un doppio pit-stop per il flatspot causato dal bloccaggio. Sainz rientra così in decima posizione, il compagno di squadra tre posizioni dietro a lui, alle spalle di Raikkonen. Durante il ventinovesimo giro l’asturiano dell’Alpine e il messicano della Red Bull ingaggiano un appassionante duello per la quarta posizione. Di cui Perez riesce ad avere la meglio.

LA SECONDA PARTE DELLA GARA IN QATAR RIMESCOLA IL CENTRO GRIGLIA

Foratura per Valtteri Bottas nel corso del giro 34. Esce fuori in curva 7, ma tenta comunque di riportare la vettura, difficilmente governabile, ai box. Il finlandese scala così fuori dalla zona punti. Al giro 42 secondo pit stop per Verstappen, seguito dal suo compagno di squadra, il quale rientra in settima posizione. Concedendo nuovamente il terzo posto a Fernando Alonso, il quale chiede via radio di comunicare a Esteban Ocon, al momento in quinta posizione, di “difende come un leone”.

 

Tuttavia Perez riesce a superarlo, nonostante il francese provi a riprendersi di forza la propria posizione. A sette giri dalla fine pit stop per Lando Norris. Il pilota della McLaren rientra in decima posizione, mentre viene ritirata la monoposto di Valtteri Bottas. Intanto foratura per i due piloti Williams. Virtual Safety Car negli ultimi tre giri, a causa dell’uscita di pista della Williams di Latifi. Verstappen ne approfitta per eseguire il terzo pit stop. La gara in Qatar viene vinta da Lewis Hamilton, seguito da Verstappen e un incredibile Fernando Alonso, che torna sul podio dopo sette anni.

 

 

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Sono appassionata di letteratura e di teatro, e studio per poter specializzarmi in questi due campi. Con la Formula 1 e i motori è stato amore a prima vista. Tifosa della Rossa nonostante tutto, la Formula 1 è tra le cose che più mi emozionano al mondo. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.