2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Italia

GP Italia 2019, Bottas: “Ferrari oggi troppo veloce”

Seconda e terza posizione per le due Mercedes. Il finlandese ha dichiarato che Leclerc oggi andava troppo forte per riuscire a stargli davanti

Topics

Non certo una gara da ricordare per Valtteri Bottas, che comunque porta a casa un secondo posto qui a Monza, rosicchiando ad Hamilton qualche punto nella classifica piloti. Il finlandese a fine gara ha dichiarato che Leclerc e la Ferrari oggi erano semplicemente più veloci, e che superare in pista il monegasco non era cosa fattibile.

“La nostra strategia è stata abbastanza buona, mi ha concesso alcune opportunità alla fine però non c’era modo di superarlo“, ha detto Bottas a fine gara. “Ho fatto anche un paio di bloccaggi in frenata nel tentativo di avvicinarlo ma loro erano troppo veloci in rettilineo. Ho dato tutto quello che avevo, ho usato tutte le mappature possibili del motore ma non è bastato“.

Complimenti dunque a Leclerc

Bottas è riuscito a stare davanti ad Hamilton a pochi giri dal termine della gara, grazie ad un errore del pilota inglese andato lungo alla prima variante. Da lì però non è riuscito ad attaccare la Ferrari come aveva tentato di fare Hamilton.

In conferenza stampa, il finlandese della Mercedes si è complimentato con Leclerc: “Bravo Charles (salutando la sedia vuota) ci abbiamo provato ma la Ferrari era troppo veloce in rettilineo e quando mi avvicinavo troppo avevo problemi di bloccaggio freni“.

Topics
Pubblicità

Luca Brambilla

Mi chiamo Luca, ho 20 anni, e sono uno studente universitario. La Formula 1 è da sempre una delle mie più grandi passioni e non mi perdo un weekend di gara dai tempi di Michael Schumacher. Sono tifoso della Ferrari, così come nel calcio sono tifoso dell'Inter, e penso che il tifo sia qualcosa di imprescindibile per appassionarsi davvero ad uno sport. Massima oggettività però ovviamente nel momento in cui scrivo articoli. Una delle mie ambizioni più grandi è quella di diventare giornalista sportivo per poter seguire sempre da vicino la Formula 1 e poter esserne parte io stesso.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button