Formula 1Gran Premio Emilia Romagna

GP Emilia Romagna, Verstappen domina ad Imola!

La sintesi del Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, quarto appuntamento del Mondiale 2022

La domenica di Imola è cominciata con una protagonista a sorpresa: la pioggia, arrivata a bagnare la pista fin dalla mattinata. La tregua è arrivata solo a pochi minuti dal via, con l’asfalto che poco a poco ha iniziato ad asciugarsi. Un copione simile a quanto visto nel 2021, quando si partì con le intermedie, per poi passare alle slick dopo qualche giro. Un Gran Premio dell’Emilia Romagna che partiva con tanti temi e incognite da sviluppare e risolvere.

La partenza della Ferrari è da incubo: Leclerc pattina molto e si lascia sfilare sia da Perez che da Norris. Va ancora peggio a Sainz, tamponato da Ricciardo e costretto al ritiro già dopo poche curve. Per rimuovere la F1-75 dello spagnolo è necessario l’ingresso della Safety Car, che ricompatta subito il gruppo. Ottimo lo spunto di Russell che ha portato la sua Mercedes già in sesta piazza.

La gara ricomincia al quinto giro, con la pista che continua ad asciugarsi molto in fretta. Leclerc riconquista subito la terza posizione, sbarazzandosi di Norris e avviando l’inseguimento alle due Red Bull. Nelle retrovie, intanto, la gara perde in Fernando Alonso un importante protagonista. Alla Alpine si è aperta la pancia di destra dopo un contatto con Schumacher, costringendo l’asturiano al ritiro.

Splendida lotta tra Magnussen e Russell per la quinta piazza: il britannico riesce a passare con una magia alla Variante Alta, e Kevin poco dopo deve arrendersi anche all’attacco di un arrembante Valtteri Bottas, bravo a trovare un varco all’interno della Rivazza.

VERSTAPPEN SCAPPA

Il momento del crossover arriva intorno al ventesimo giro, con tutti i piloti che passano sulla gomma Media. Su pista asciutta Max prende il largo, con Perez che alle sue spalle fa da scudiero e frena il ritmo di Leclerc. Il monegasco avrebbe il ritmo per fare il sorpasso, ma senza il DRS non riesce ad avere lo spunto per infilare una Red Bull sempre molto veloce in rettilineo.

Gara difficilissima invece per Lewis Hamilton, plafonato nella quattordicesima posizione in cui è partito e costretto a subire addirittura l’onta del doppiaggio da Max Verstappen, l’uomo che gli ha conteso l’ultimo titolo mondiale.

La gara si riaccende quando i primi tre passano su gomma rossa. Leclerc osa troppo nel tentativo di andare a riprendere Perez e finisce in testacoda alla Variante Alta. Il monegasco rientra ai box dopo un contatto con le barriere e riparte dalla nona posizione.

Nei giri conclusivi il ferrarista prova a risalire la china, ma la sua rimonta si ferma alla sesta posizione. Una grande occasione persa, con Verstappen che da assoluto dominatore va a vincere e si riavvicina nel Mondiale. Beffardo che il week-end peggiore della Ferrari sia arrivato proprio ad Imola, davanti alla passione dei tifosi.

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.