Formula 1Gran Premio Belgio

GP Belgio, Hamilton ancora in pole, Ferrari fuori dalla top 10

Implacabile il britannico, in pole anche sul tracciato delle Ardenne. Seguono Bottas e Verstappen. Tra i primi spunta anche la Renault, con Ricciardo 4°

La fiammata di Max Verstappen nelle libere di ieri pomeriggio è rimasta tale

Per l’olandese non è arrivata la conferma nel turno di qualifica, quello che conta, dove una Mercedes ieri apparentemente in difficoltà, che aveva chiuso dietro pure alla Renault di Ricciardo, è tornata a fare la voce grossa. Continua dunque il monologo delle Frecce nere, che piazzano Lewis Hamilton in pole position – la 93esima! – davanti a Valtteri Bottas, cui l’inglese non concede nemmeno la consolazione di avvicinarsi a livello cronologico: tra i due balla infatti mezzo secondo.

Terzo crono per Verstappen, che aspetterà con ansia l’eliminazione del party mode in qualifica (fonti interne alla Mercedes parlano di una W11 dotata oggi di un ‘double party mode’…), ma francamente mezzo secondo di distacco appare troppo per pensare di colmarlo con la sola eliminazione della famigerata mappatura…

Quarto crono per Daniel Ricciardo, che riporta una Renault indecifrabile nella sua incostanza ai pieni alti, davanti a un Alex Albon in ripresa dopo un inizio di campionato da cancellare, se si esclude gara-1 in Austria. Buono anche Esteban Ocon, 6° davanti a Carlos Sainz, mentre chiudono la top 10 le due Racing Point – ottavo Sergio Perez e nono Lance Stroll, entrambi al di sotto delle aspettative – e la McLaren di Lando Norris.  

FERRARI FUORI IN Q2

Disastro, come ampiamente preannunciato dai turni di ieri e da quello di stamattina, in casa Ferrari, che ha visto ambedue i piloti eliminati in Q2 con gomma soft dalla banda rossa. Magra consolazione, se così si può dire, l’aver preceduto la Williams di George Russell, quindicesimo. La 13esima piazza è andata a Charles Leclerc, che ha preceduto per circa 3 decimi il team mate Sebastian Vettel.

Abissali i distacchi dalla vetta, in linea con quelli delle FP2, ossia ben oltre il secondo e mezzo di distacco dalla Mercedes di Hamilton, che si è qualificato per la Q3 con gomma media (di una gradazione più dura rispetto a quella montata sulle SF1000). La casa di Maranello è dietro anche all’altra italiana, l’AlphaTauri, anch’essa eliminata nella seconda sessione, con Daniil Kvyat 11° e Pierre Gasly 12°: per il russo è la prima volta in stagione in cui precede il compagno in un turno di qualifica.

LA Q1

La Rossa ha scampato l’eliminazione dalla prima tagliola, che ha invece coinvolto Kimi Raikkonen, 16°, seguito nell’ordine da Romain Grosjean, Antonio Giovinazzi, Nicholas Latifi e Kevin Magnussen, che non è riuscito a siglare un ultimo giro lanciato per un errore di guida che l’ha portato sulla via di fuga di Stavelot. 

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button