AmarcordFormula 1Gran Premio Spagna

Michael Schumacher e la “prima” volta in rosso

Una vittoria emozionante, per non dire inaspettata quella conquistata da Michael Schumacher  il 2 Giugno 1996 sul circuito del Montmelò a Barcellona

Quel pomeriggio, al termine di una gara interamente disputata sotto la pioggia(forse meglio definirlo diluvio), il campione tedesco dimostrò ancora una volta il suo talento nella guida sul bagnato, dominando una gara estremamente complicata che completerano solo sei piloti, e per di più non tutti a pieni giri

Il 1996 è un anno particolare per Michael Schumacher,dopo aver vinto il Mondiale per ben due volte a bordo della sua Benetton, il campione tedesco è infatti approdato in Ferrari, con la scuderia di Maranello fortemente intenzionata a riportare il mondiale in Italia. Una stagione, il 1996, che nelle prime sei gare, vede il netto dominio della Williams dello storico rivale di Schumi, Damon Hill, con un inizio di campionato non semplice per la rossa di Michael, per via dei tre ritiri registrati ad inizio campionato(Australia, Argentina e Montecarlo); un dominio che si conferma anche nel corso delle qualifiche del GP di Spagna, con le due Williams che conquistano agevolmente la prima fila, e con il campione tedesco in terza posizione, staccato quasi di un secondo (tempo addirittura realizzato con il muletto che gli dava un set-up migliore).  L’unica cosa che potrebbe stravolgere le carte potrebbe essere la pioggia, che arriva nella serata di sabato e che cadrà sul circuito nella notte, e poi fino al pomeriggio di domenica 2 Giugno, gara compresa.

La tanta acqua caduta non compromette però la regolare partenza, Damon Hill(in pole position) e Michael Schumacher, non partono benissimo(nel caso del tedesco, a tradirlo fu la frizione). In testa alla corsa c’è così Jacques Villeneuve, seguito da Jean Alesi (Benetton), Damon Hill (Williams), Gerhard Berger (Benetton), Rubens Barrichello (Jordan-Peugeot), e dalle due Ferrari di Eddie Irvine e di Michael Schumacher. Nei primi giri diversi colpi di scena, con un incidente nelle retrovie che mette subito fuori gioco ben 5 monoposto (la Footwork di Rosset, la McLaren di Couthard, la Ligier di Panis e le Minardi di Fisichella e di Lamy), e poi al secondo giro il ritiro della Ferrari di Irvine per via dell’aquaplaning che lo porta in testacoda, e con Schumi che di li a poco supera Barrichello, il kaiser sembra indemoniato sulla superficie bagnata. Al quarto giro Hill esce fuori pista, e rientra subito dietro Schumi, al quinto giro Michael supera nettamente Berger, guadagnando così la terza posizione. Al nono giro è secondo, superando Jean Alesì dopo un bellissimo duello, al 12° giro raggiunge e supera agevolmente Jacques Villeneuve; da lì in poi per Schumi è una passeggiata nonostante dei problemini al motore gira costantemente 2/3 secondi al giro più veloci dei suoi rivali e va a vincere la sua prima gara in Ferrari.

Ricordare il successo di Barcellona in occasione del suo ventennale, era quasi un obbligo, ma non dimentichiamoci il GP più importante che sta combattendo Schumi,quello per la vita, dopo il drammatico incidente di Maribel. L’augurio, veramente forte e sincero, è che come in quel 2 Giugno 1996 ,Michael possa presto riuscire a vincere questa dura e difficile corsa.

Pubblicità

Redazione

News in tempo reale, classifiche aggiornate, foto e video delle gare, F1 live, piloti, team, Gran Premi in diretta web, e curiosità dal grande mondo della Formula 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button