2018Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Russia

Formula 1 | GP Russia 2018, Sebastian Vettel: “Non era questo il risultato a cui puntavamo”

Ennesimo risultato amaro per il tedesco della Ferrari, che dopo una partenza aggressiva non è andato oltre il terzo posto

Topics

Come ormai da diversi Gran Premi, quello ottenuto oggi da Sebastian Vettel è un ulteriore risultato amaro: il terzo posto conquistato sul circuito di Sochi, infatti, allunga ancor più la distanza dall’attuale leader del Mondiale Lewis Hamilton.

Dopo una partenza aggressiva, Vettel ha fatto tutto quello che la monoposto e le condizioni di gara gli hanno concesso. Nelle dichiarazioni successive al Gran Premio, il tedesco della Ferrari ha confermato di aver avuto un buon feeling con la monoposto, ma di non essere stato abbastanza veloce da poter tenere il passo delle due Mercedes.

È ovvio che il passo gara era molto meglio di quello visto ieri, ma non sufficiente a mettere pressione sui nostri avversari. Abbiamo provato di tutto e sono contento di essere salito sul podio, ma è chiaro che non era questo il risultato a cui puntavamo”.

Un terzo posto che consolida nelle mani di Hamilton il titolo iridato del 2018, soprattutto tenendo conto che nelle ultime gare la Ferrari ha perso – per un motivo o per l’altro – diversi punti dai suoi diretti avversari.

Tuttavia, pur rimanendo una situazione di emergenza e non certamente facile per la casa di Maranello, Vettel ha sottolineato che la scuderia ha stilato un piano d’azione per cercare di limitare i danni e non perdere la speranza mondiale.

Sembrerebbe che il team italiano abbia in mente mosse e contro mosse per cercare di soffiare il titolo all’inglese della Mercedes, ma la strada è ancora tutta in salita…e le tappe non sono poi ancora molte.

Forse i prossimi due circuiti si adattano di più a noi, lo sapremo quando ci andremo. Dobbiamo continuare a spingere, dobbiamo provarci. Non si può mai sapere cosa succederà nelle prossime gara”.

Una motivazione quasi toccante, mossa dalla delusione di un weekend in cui è decisamente mancato qualcosa; ma caratterizzata anche dalla consapevolezza che il Mondiale è ormai agli sgoccioli, ma non è ancora finito. Mancano cinque gare, cinque gare per ribaltare la situazione o lasciare tutto nelle mani di Lewis Hamilton, che già un po’ pregusta il sapore della vittoria.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.