Formula 1Gran Premio Messico

GP Messico 2017, Hamilton fa poker di titoli! Vittoria a Verstappen, 2° Bottas, poi Raikkonen e Vettel

Hamilton centra il 4° titolo con un 9° posto. Vettel chiude giù dal podio dopo una forsennata rimonta. Vince Verstappen davanti a Bottas

Nella sua peggiore gara della stagione, Lewis Hamilton fa poker di titoli ed entra nella storia, eguagliando Sebastian Vettel ed Alain Prost, gli unici prima di lui ad avere raggiunto questo traguardo. Davanti gli rimangono solo Juan Manuel Fangio (a quota 5) e Michael Schumacher, in vetta con 7 titoli. “Non è stata una gran gara, ma alla fine che importa?!” a sintetizzare la giornata dell’inglese è il commento via radio di Toto Wolff durante il giro d’onore. In effetti la corsa di Lewis è stata tutt’altro che da incorniciare: ritrovatosi con una foratura al primo giro, Hamilton è rientrato ai box e poi non è più stato lui. Per oltre 20 giri (!) è rimasto inchiodato dietro alla Renault di Sainz, per poi abbozzare una rimonta che si è fermata a un insipido 9° posto: non il modo migliore per festeggiare il quarto titolo e scrivere un’altra pagina di storia. Tra l’altro, Hamilton non ha potuto nemmeno salire sul podio, così è corso subito al box con la Union Jack in mano per la festa del titolo.

La corsa di Hamilton è stata condizionata dall’ennesimo episodio controverso con Vettel: il tedesco era stato infilzato da Verstappen dopo la curva 1 e in uscita dalla curva 3 aveva pizzicato la posteriore destra di Lewis. Il pilota Mercedes non l’ha presa bene (“l’avrà mica fatto apposta?” ha commentato via radio), ma anche la gara di Vettel è risultata compromessa. Sebastian è poi risalito fino al 4° posto a suon di sorpassi, alcuni davvero rischiosi (come con Massa).

Davanti ha sempre dominato Verstappen, al 3° centro in carriera a soli 20 anni. Bottas è sempre stato secondo, mentre Raikkonen ha beneficiato della Virtual Safety Car per superare Ocon e terminare 3°, bissando il podio di Austin. Dietro Vettel, ha chiuso l’ottimo Ocon, sempre più concreto e minaccioso nei confronti di Perez, che davanti al pubblico di casa non è stato incisivo come il compagno, terminando 7° dietro a Stroll. La zona punti è stata chiusa da Magnussen, 8°, poi appunto Hamilton e infine il battagliero Alonso, che si è difeso strenuamente da Lewis nelle battute finali prima di essere infilzato e terminare 10°. Comunque un buon piazzamento nel GP del Messico 2017, visto che l’asturiano non prendeva punti dall’Ungheria.

Va segnalata l’ecatombe dei motori Renault, che registra il successo di Verstappen ma anche tanti guai tecnici. Ricciardo è finito k.o., così come Hulkenberg che stava disputando una gara maiuscola, Sainz e il buon Hartley, sempre più convincente al volante della Toro Rosso ma costretto a uno stop causa problemi alla power unit.

GP Messico 2017: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 33 Netherlands Max Verstappen Austria Red Bull 01:36:26.552 71 01:18.892 65 2 25
2 77 Finland Valtteri Bottas Germany Mercedes 01:36:46.230 71 01:19.374 70 4 18
3 7 Finland Kimi Raikkonen Italy Ferrari 01:37:20.559 71 01:20.054 59 5 15
4 5 Germany Sebastian Vettel Italy Ferrari 01:37:36.630 71 01:18.785 68 1 12
5 31 France Esteban Ocon United Kingdom Force India 01:36:37.375 70 01:20.946 67 6 10
6 18 Canada Lance Stroll United Kingdom Williams 01:36:38.802 70 01:21.062 53 11 8
7 11 Mexico Sergio Pérez United Kingdom Force India 01:36:41.739 70 01:19.929 54 9 6
8 20 Denmark Kevin Magnussen United States Haas 01:37:14.863 70 01:21.214 68 14 4
9 44 United Kingdom Lewis Hamilton Germany Mercedes 01:37:15.476 70 01:19.945 69 3 2
10 14 Spain Fernando Alonso United Kingdom McLaren 01:37:18.358 70 01:21.014 50 18 1
11 19 Brazil Felipe Massa United Kingdom Williams 01:37:22.845 70 01:21.136 55 10 0
12 2 Belgium Stoffel Vandoorne United Kingdom McLaren 01:37:23.430 70 01:20.972 66 19 0
13 10 France Pierre Gasly Italy Toro Rosso 01:37:41.491 70 01:20.859 70 20 0
14 94 Germany Pascal Wehrlein Switzerland Sauber 01:36:40.751 69 01:21.638 56 13 0
15 8 France Romain Grosjean United States Haas 01:36:54.068 69 01:20.345 64 15 0
RIT 55 Spain Carlos Sainz Jr France Renault 01:23:11.582 59 01:21.360 34 8 0
RIT 9 Sweden Marcus Ericsson Switzerland Sauber 01:17:26.281 55 01:21.686 54 12 0
RIT 28 New Zealand Brendon Hartley Italy Toro Rosso 00:41:58.500 30 01:22.572 28 17 0
RIT 27 Germany Nico Hulkenberg France Renault 00:33:28.737 24 01:21.691 18 7 0
RIT 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull 00:07:27.208 5 01:22.789 4 16 0

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button