2018Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Italia

Formula 1 | GP Italia 2018, Raikkonen: “Siamo stati fortunati a finire la gara”

Il pilota finlandese del team Ferrari commenta il secondo posto ottenuto a Monza con un pizzico di delusione, sapendo che oggi aveva in tasca la vittoria.

Topics

Kimi Raikkonen ha disputato una gara bellissima a Monza, ma è stato tradito dalle gomme soft. Troppo rovinati per poter resistere agli attacchi di Lewis Hamilton e di Valtteri Bottas. Proprio a Monza oggi ha conquistato il 100° podio della sua carriera.

Il pilota finlandese ha gestito bene la partenza e ha subito preso il largo, ma dopo un paio di curve ha visto il suo compagno di squadra, Sebastian Vettel, uscire fuori strada. Di conseguenza da quel momento la strategia di Kimi e del team era cambiata.

Il team italiano, per cercar di evitare l’undercut da Hamilton, ha dovuto anticipare la sosta della gomma gialla, rendendo così difficile la gara del finlandese. Ma non è finita qui. Raikkonen ha rovinato la sua gomma soft nuova stando dietro alla monoposto di Bottas, che gli ha generato blistering in tre gomme.

GP Italia 2018, Raikkonen:"Siamo stati fortunati a finire la gara"

 

Alla fine della gara si aveva pure paura per le sospensioni della SF71h, perché quando la macchina ha molto blistering si generano molte vibrazioni che sollecitano tanto la vettura.

Il campione del mondo 2007 commenta con un po’ di amarezza la gara, dicendo che il risultato di oggi non era quello sperato, ma quello che si poteva ottenere oggi da un certo punto di gara in poi.

Le parole di Kimi Raikkonen

La macchina andava davvero bene oggi. Con il primo set di gomme tutto è andato come previsto, mentre il secondo treno non è durato quanto ci aspettavamo. Non c’era molto che potessimo fare, dovevamo continuare a spingere e non abbiamo avuto un attimo di respiro per rallentare il ritmo e conservare le gomme. Ovviamente volevamo un risultato diverso, ma questo è quello che abbiamo ottenuto; abbiamo fatto il massimo ma non è bastato. A posteriori è facile dire quello che avremmo dovuto fare in un mondo perfetto; abbiamo fatto quello che pensavamo fosse la cosa giusta e penso che non sia stato sbagliato. Il secondo posto non è il massimo ma lo accettiamo; siamo stati fortunati a finire la gara, la posteriore sinistra era completamente compromessa. Nelle prossime gare la competizione sarà molto serrata praticamente su tutte le piste. Continuiamo a dare il massimo, sperando di aver fatto abbastanza fino all’ultima gara.”

Topics
Continua la lettura

Nicoletta Floris

Studentessa di economia appassionata al mondo del motorsport (specialmente Formula 1 e MotoGP). Blogger della pagina Instagram laragazzadelmotorsport.

Aspetta! C'è dell'altro!