2018Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Germania

Formula 1 | GP Germania 2018, Valtteri Bottas: “Avevo buone possibilità di vittoria!”

Corsa agrodolce per Valtteri Bottas, la felicità per aver ottenuto la doppietta in quel che è il Gran Premio di casa della Mercedes, non riesce a nascondere l’amarezza per non aver vinto la gara

Topics

Valtteri Bottas è contento della doppietta ottenuta al Gran Premio di Germania. Tuttavia, il finlandese è convinto che avrebbe potuto sorpassare Lewis Hamilton e vincere la gara, ma ha dovuto attenersi agli ordini della sua scuderia. Quindi corsa agrodolce per Valtteri Bottas. Il finlandese è arrivato secondo e, fin dall’inizio della gara, Sebastian Vettel ha dominato sul circuito di Hockenheim, fino a quando ha perso il controllo della sua vettura e si è schiantato contro le barriere. Valtteri Bottas aveva in quel momento l’opportunità di conquistare la vittoria in quel che è il Gran Premio di casa per la Mercedes. Tuttavia, il team di Brackley non ha permesso la battaglia in pista e ha preferito ottenere la doppietta con Lewis Hamilton al comando. Pertanto, Valtteri Bottas non era particolarmente felice alla fine della gara.

“Come pilota cerco sempre la vittoria. Oggi ho pensato di avere buone possibilità di vittoria, ma dopo la Safety Car mi sono dovuto accontentare della seconda posizione. Si deve pensare al bene del team e pensando a questo è stato grandioso ottenere la doppietta qui. Con Lewis abbiamo avuto un po’ di battaglia dopo che la Safety Car ha lasciato la pista. Sapevo che potevo sorpassarlo, ma era anche importante ridurre al minimo i rischi” ha così affermato Valtteri Bottas dopo essere sceso dalla vettura al termine della gara. Il pilota finlandese ha ancora una volta perso l’occasione d’oro per ottenere la sua prima vittoria stagionale. Con la seconda posizione ottenuta però ha recuperato la quarta posizione nel Campionato Piloti e ha preso più punti rispetto ai due piloti Ferrari. Inoltre, la Mercedes ha ripreso il comando del Campionato Costruttori, con una differenza di soli otto punti rispetto alla Ferrari.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti