Formula 1Gran Premio Europa

GP Europa 2016: Rosberg dominio assoluto, Vettel e Perez sul podio

Nell’inedito e anomalo circuito cittadino di Baku, Nico Rosberg domina l’intero gran premio conquistando il grand chelem (pole,giro veloce e vittoria), con netto distacco nei confronti dei rivali che si sono dovuti accontentare delle briciole, a partire da un ottimo Sebastian Vettel che si è piazzato al secondo posto (il massimo con un Nico così), a completare il podio ancora una volta su un circuito così è Sergio Perez che stavolta sopravanza l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen, solo quinto e con tante noie sulla vettura Lewis Hamilton.

Partenza atipica rispetto a quelle viste quest’anno, con tutte le posizioni congelate dopo la prima curva tranne per Perez e Verstappen che riescono a guadagnare addirittura due posizioni nel corto rettilineo prima di arrivare in curva 2; il leader inizia ad imporre un ritmo infernale per tutti gli altri già dalle prime curve arrivando ad ottenere un vantaggio di sette secondi dopo solo sei giri, ed è proprio al termine del sesto giro che avviene il primo colpo di scena, infatti tutti si aspettavano due pit-stop invece la RedBull accusa un degrado elevato e fa rientrare sia Verstappen che Ricciardo, per marcare la Ferrari richiama anche i suoi piloti, ma Vettel in maniera autoritaria durante un team radio decide di rimanere in pista mentre Kimi rientra (Lap 9).

Nei giri successivi prosegue la girandola dei pit-stop con Hamilton che rientra al sedicesimo giro mentre i due davanti, Rosberg e Vettel provano ad allungare il proprio stint, nel frattempo Kimi effettua un fantastico sorpasso su Hulkenberg ma la gioia dura pochissimi metri, infatti la direzione gara lo penalizza di cinque secondi per aver oltrepassato la linea dei box senza entrarci successivamente, nel duello con Ricciardo; nella pancia del gruppo molte scuderie sono in difficoltà con il degrado gomme e le posizioni cambiano in continuazione mentre finalmente al giro 22 Rosberg e Vettel effettuano il loro pit-stop per passare alla gomma soft ed arrivare fino in fondo, nello stesso giro però rientrando le due RedBull per un ulteriore sosta montando gomme medie per provare a terminare la gara.

Al giro 24 tutti i piloti hanno effettuato almeno una sosta e Nico Rosberg è primo con ampio margine sulle due Ferrari stabilmente sul podio, con Raikkonen davanti a Vettel, al giro 28 per un ordine di scuderia Kimi lascia passare Seb, per i restanti 27 giri la battaglia più importante è quella tra Sergio Perez e Iceman, quest’ultimo impegnato ad accumulare almeno cinque secondi di vantaggio per difendere il podio; le restanti posizioni sono congelati con ampi distacchi, Lewis Hamilton tartassato da noie sulla sua vettura si rassegna della quinta posizione e prova ad arrivare al traguardo; il numero 7 della rossa non riesce ad ampiare il suo gap e viene superato a due giri dalla fine da Perez, così Rosberg torna a vincere ed allungare sul mondiale; completano la top ten Bottas, Ricciardo, Verstappen, Hulkenberg e Massa.

L’ordine di arrivo del GP d’europa 2016

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 6 Germany Nico Rosberg Germany Mercedes 01:32:52.366 51 01:46.485 48 1 25
2 5 Germany Sebastian Vettel Italy Ferrari 01:33:09.062 51 01:47.028 49 3 18
3 11 Mexico Sergio Pérez United Kingdom Force India 01:33:17.607 51 01:46.990 45 7 15
4 7 Finland Kimi Raikkonen Italy Ferrari 01:33:25.468 51 01:47.181 41 4 12
5 44 United Kingdom Lewis Hamilton Germany Mercedes 01:33:48.701 51 01:46.822 42 10 10
6 77 Finland Valtteri Bottas United Kingdom Williams 01:33:53.252 51 01:47.604 50 8 8
7 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull 01:34:01.595 51 01:47.736 51 2 6
8 33 Netherlands Max Verstappen Austria Red Bull 01:34:03.062 51 01:46.973 50 9 4
9 27 Germany Nico Hulkenberg United Kingdom Force India 01:34:10.074 51 01:48.012 37 12 2
10 19 Brazil Felipe Massa United Kingdom Williams 01:34:17.741 51 01:47.761 35 6 1
11 22 United Kingdom Jenson Button United Kingdom McLaren 01:34:37.183 51 01:47.622 50 19 0
12 12 Brazil Felipe Nasr Switzerland Sauber 01:32:57.532 50 01:47.708 48 16 0
13 8 France Romain Grosjean United States Haas 01:32:59.961 50 01:47.943 48 11 0
14 20 Denmark Kevin Magnussen France Renault 01:33:11.731 50 01:49.282 41 21 0
15 30 United Kingdom Jolyon Palmer France Renault 01:33:24.120 50 01:47.583 48 22 0
16 21 Mexico Esteban Gutiérrez United States Haas 01:33:28.930 50 01:47.563 50 15 0
17 9 Sweden Marcus Ericsson Switzerland Sauber 01:33:42.704 50 01:48.898 48 20 0
18 88 Indonesia Rio Haryanto United Kingdom Manor 01:33:05.362 49 01:51.365 27 17 0
RIT 14 Spain Fernando Alonso United Kingdom McLaren 01:18:58.831 42 01:49.101 27 14 0
RIT 94 Germany Pascal Wehrlein United Kingdom Manor 01:13:45.965 39 01:50.571 33 18 0
RIT 55 Spain Carlos Sainz Jr Italy Toro Rosso 00:58:22.722 31 01:48.804 31 13 0
RIT 26 Russian Federation Daniil Kvyat Italy Toro Rosso 00:12:16.941 6 01:53.167 2 7 0

Federico Crisetti

Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano. Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button