2018Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Belgio

Formula 1 | GP Belgio 2018, Lewis Hamilton: “Ho dato tutto, ma la Ferrari era più veloce”

Secondo posto amaro per Lewis Hamilton, ma per l’inglese la battaglia con Vettel è ancora aperta

Topics

Dopo la pole position di ieri, Lewis Hamilton oggi ha chiuso il Gran Premio del Belgio in seconda posizione, non riuscendo a sferrare l’attacco decisivo nei confronti di Sebastian Vettel.

Secondo l’inglese della Mercedes, il caos generato dall’incidente alla partenza e i giri dietro Safety Car che ne sono conseguiti, sono stati i due elementi principali che hanno compromesso il resto della gara.

Abbiamo dato tutto oggi, ma la Ferrari aveva semplicemente delle prestazioni migliori ed è stato difficile girare sui suoi tempi. Penso che la gara sia stata persa durante il primo giro e alla ripartenza dopo la Safety Car. Dopo quella, era finita”.

Tuttavia, nelle dichiarazioni post gara, Hamilton ha anche sottolineato che l’aggiornamento portato in pista dalla scuderia non è servito per colmare il gap di distanza dal tedesco della Ferrari, che oggi in pista è apparso nettamente superiore alle performance della scuderia tedesca.

Erano semplicemente più veloci di noi sui rettilinei e non c’era niente che potessimo fare. Siamo arrivati qui con un aggiornamento, ma sfortunatamente la Ferrari è stata in grado di raggiungerci e addirittura di essere più veloce”.

Un secondo posto, quello di Hamilton, che lo porta a ridurre i punti di distanza da Vettel a 17, lasciando ancora chiaramente aperta la cosa al Mondiale. E questo dà ancora più entusiasmo al pilota inglese, determinato a individuare le mancanze avute oggi in pista e a lavorare per colmarle e tornare nuovamente al top.

Dobbiamo trovare più prestazioni e migliorare in quelle aree in cui, al momento, loro sono più forti. Ma la battaglia continua e per questo sport è qualcosa di davvero emozionante. Continueremo a spingere”.

Al termine della gara, Hamilton ha comunque voluto fare i complimenti a Vettel per la gara sul circuito di Spa: il prossimo Gran Premio, però, si correrà in casa della Ferrari e l’inglese sarà certamente più motivato a soffiare la vittoria alla Rossa di Maranello su un circuito così importante.

Topics
Continua la lettura

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Aspetta! C'è dell'altro!