Formula 1Tecnica F1

Come sarà la Ferrari del 2023?

Il team di Maranello mira a progredire sia nel bilanciamento che nell’aerodinamica, oltre che nella gestione delle mescole. Ma i rivali, non staranno di certo a guardare

Ferrari 2023 già conforme con il peso imposto dalla FIA? Attualmente sembra che tutto fili come l’olio per la scuderia di Maranello

Il peso imposto dalla Federazione verrà rispettato dalla Ferrari per il 2023. La monoposto infatti peserà 796 chilogrammi. Il Cavallino Rampante si è spinto oltre il limite per creare una vettura migliore nella gestione delle mescole. Ma non si è limitata a questo: ha anche un equilibrio più ottimale. Una delle chiavi di sviluppo di questa nuova era della Formula 1 è stato proprio il peso, specialmente nel caso della Red Bull. Il team di Milton Keynes è progredito diventando sempre più competitivo, quando ha alleggerito appunto la vettura.

Come riportato da Soymotor, secondo Autosport, anche in casa Ferrari hanno lavorato su questo aspetto per il 2023. Perciò la loro nuova monoposto avrà direttamente il limite stabilito di 796 chili. L’obiettivo del team per questa nuova stagione è quello di migliorare in termini di bilanciamento e gestione delle mescole. Anche per motivo è fondamentale ottenere il peso minimo, che è di due chili in meno rispetto al 2022. Inoltre, il team di Maranello punta a progredire in termini aerodinamici, per ottenere più carico e ridurre la resistenza.

I rivali non stanno di certo a guardare

Il Cavallino Rampante presenterà la nuova vettura il 14 febbraio, nove giorni prima dell’inizio dei test pre-stagionali in Bahrain. Non si sa ancora il luogo della presentazione e si farà il filming day in Italia, dopo aver mostrato la nuova monoposto. Ma i rivali non stanno di certo a guardare, infatti Red Bull avrà un telaio più leggero di 3 chili. Ciò li aiuterà a ridurre le problematiche riscontrate all’inizio della scorsa stagione.

Il team di Milton Keynes dovrà ottimizzare il più possibile il tempo a disposizione nella galleria del vento, a causa della penalizzazione inflitta per aver sforato il budget cap. Il peso è stato anche il tallone d’Achille in casa Mercedes lo scorso anno, seppur per quest’anno Toto Wolff è ottimista. Il team di Brackley infatti rimarrà molto vicino al limite e mostrerà ancora una volta un design alternativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button