1990-1999On this day

Vittoria di Schumacher sotto la pioggia di Spa

11esimo round del Mondiale di Formula 1 1995: GP del Belgio, circuito di Spa-Francorchamps. In qualifica le due Ferrari di Berger e Alesi conquistarono la prima fila grazie a un’ottima strategia al muretto dei box, mentre Hill non andò oltre l’ottavo posto per aver buttato alle ortiche il suo giro buono e Schumacher dovette accontentarsi del 16esimo crono per aver dovuto utilizzare la monoposto muletto.

Gp Belgio 1995 duello Michael Schumacher e Damon HillIn gara, però, i ferraristi ebbero problemi a mantenere il comando della corsa, lasciato prima a David Coulthard, che sventolò presto bandiera bianca per un problema al cambio, e poi a Hill, risalito dalle retrovie ma costretto a vedersela con la strepitosa rimonta di Schumacher. A quel punto cominciò a piovere: il britannico della Williams si fermò per mettere le rain, mentre il tedesco della Benetton rimase in pista con le slick. Una tattica con la quale Schumacher riuscì a mettere in luce il proprio talento tenendosi dietro il suo acerrimo rivale, finchè un’uscita di pista al termine del rettilineo del Kemmel non pose fine al duello.Martin Brundle Ligier Gp Belgio 1995

Le condizioni meteo, però, favorirono nuovamente Michael, che ripassò al comando mentre Damon dovette rientrare per passare sulle gomme da asciutto. Ma quel giorno la pioggia era destinata a prendere il sopravvento, perché di lì a poco ricominciò a piovere costringendo entrambi a tornare ai box per passare sulle full rain.
Sembrava che la battaglia dovesse riprendere… ma in realtà fu un nulla di fatto, visto che Hill dovette scontare uno stop&go per aver tenuto una velocità troppo alta in pit-lane.

Questo spianò la strada all’ennesima vittoria di Michael Schumacher, che portò a quota 66 i suoi punti in Classifica Piloti. Damon Hill, invece, riuscì a limitare i danni con un secondo posto al traguardo, fermando il suo bottino a 51 lunghezze.
Completò la piazza d’onore il britannico Martin Brundle, alla sua ultima apparizione sul podio con la Ligier motorizzata Mugen-Honda.

Gp Belgio 1995 Michael Schumacher

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Germany Michael Schumacher
Italy Benetton 01:36:47.875 44
16
10
2 5 United Kingdom Damon Hill
United Kingdom Williams 01:37:07.368 44
8
6
3 25 United Kingdom Martin Brundle
France Ligier 01:37:12.873 44
13
4
4 30 Germany Heinz-Harald Frentzen
Switzerland Sauber 01:37:14.847 44
10
3
5 7 United Kingdom Mark Blundell
United Kingdom McLaren 01:37:21.647 44
6
2
6 14 Brazil Rubens Barrichello
Ireland Jordan 01:37:27.549 44
12
1
7 2 United Kingdom Johnny Herbert
Italy Benetton 01:37:41.918 44
4
0
8 4 Finland Mika Salo
United Kingdom Tyrrell 01:37:42.423 44
11
0
9 26 France Olivier Panis
France Ligier 01:37:54.045 44
9
0
10 23 Portugal Pedro Lamy
Italy Minardi 01:38:07.664 44
17
0
11 29 France Jean-Christophe Boullion
Switzerland Sauber +1 lap 43
14
0
12 10 Japan Taki Inoue
United Kingdom Footwork +1 lap 43
18
0
13 21 Brazil Pedro Paulo Diniz
Italy Forti +2 laps 42
24
0
14 22 Brazil Roberto Moreno
Italy Forti +2 laps 42
22
0
RIT 3 Japan Ukyo Katayama
United Kingdom Tyrrell Spun off 28
15
0
RIT 16 Italy Giovanni Lavaggi
United Kingdom Pacific Gearbox 27
23
0
RIT 24 Italy Luca Badoer
Italy Minardi Spun off 23
19
0
RIT 28 Austria Gerhard Berger
Italy Ferrari Electrical 22
1
0
RIT 15 United Kingdom Eddie Irvine
Ireland Jordan Fire 21
7
0
RIT 9 Italy Massimiliano Papis
United Kingdom Footwork Spun off 20
20
0
RIT 17 Italy Andrea Montermini
United Kingdom Pacific Out of fuel 18
21
0
RIT 6 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom Williams Gearbox 13
5
0
RIT 27 France Jean Alesi
Italy Ferrari Suspension 4
2
0
RIT 8 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren Spun off 1
3
0

Pubblicità

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button