1980-1989Formula 1On this day

Vittoria di Nelson Piquet al Gran Premio di Germania 1986

Il 27 luglio 1986, il circus si spostò da Silverstone, dove la Williams regalò ai tifosi inglese una bella doppietta, al circuito tedesco dell’Hockenheimring. La decima prova della stagione vedeva Nigel Mansell, leader della classifica piloti, staccato di sole 4 lunghezze da Alain Prost su McLaren.

In griglia, Philippe Alliot sostituì il connazionale Jacques Laffite infortunatosi con la sua Ligier a Brands Hatch, mentre alla Lotus fu annunciato il nuovo accordo, per fornitura di motori Honda, a partire dalla stagione ’87 e che il pilota nipponico, Satoru Nakajima, avrebbe affiancato Ayrton Senna.
Sulle Arrows fece il suo debutto il nuovo telaio siglato A9, mentre Keke Rosberg rese ufficiale il proprio ritiro dalla F1 alla fine della stagione.

Le qualifiche

Fu proprio il pilota finlandese della McLaren a conquistare la pole position, davanti al suo compagno di squadra Alain Prost. I due piloti della scuderia di Woking, beneficiarono dell’arrivo dei nuovi turbocompressori Porsche. Terza piazzola per Ayrton Senna, affiancato da Gerhard Berger con la Benetton. Le due Williams di Nelson Piquet e Nigel Mansell, si piazzarono rispettivamente al quinto e sesto posto, mentre la top 10 si completò con Riccardo Patrese su Brabham, affiancato da Rene Arnoux con la Ligier, poi Teo Fabi su Benetton e Michele Alboreto con la sua Ferrari.

La gara

ayrton senna gp germania 1986
© Rombo

Al via, Senna prese subito il comando della gara, scavalcando le due McLaren, che partirono più lentamente. Dietro, Berger passò Rosberg conquistando il secondo posto, invece Piquet si accodò, dopo aver passato Prost. Più indietro Alliot fece una buona partenza, per poi finire a contatto con Stefan Johansson, che a sua volta andò contro Fabi. Per Johansson e Alliot arrivò solo una foratura, mentre, finì la gara per il pilota italiano della Benetton.

nigel mansell gp germania 1986
© Rombo

Nel corso della gara Rosberg si riprese il comando della gara, prima passando Berger e poi Senna. In fotocopia, fece lo stesso Piquet, accodandosi alla McLaren del finlandese, che però finì per cedere il passo alla Williams numero 6 del brasiliano, sicuramente più leggera, perché aveva imbarcato meno carburante. Nel frattempo, Berger rientrò ai box e Prost scavalcò Senna, inseguito da Arnoux e Mansell, in difficoltà con una monoposto poco maneggevole, situazione che favorì la Ferrari di Alboreto, che passò l’inglese, conquistando il sesto posto. Purtroppo la gara del pilota milanese terminò per un guasto alla trasmissione.

Quando Piquet si fermò per rifornire le due McLaren passarono al comando; ma ad un giro dalla fine, quando ormai tutti si aspettavano un doppiata della scuderia di Grove, le due vetture si fermarono, perché rimaste senza benzina, lasciando passare Piquet e Senna, mentre Mansell riuscì ad agguantare il podio, proprio in extremis. A punti anche Arnoux, seguito da Rosberg e Prost, che scese e spinse la propria vettura fino al traguardo.

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 6 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Williams 01:22:08.263 44
5
9
2 12 Brazil Ayrton Senna
United Kingdom Lotus 01:22:23.700 44
3
6
3 5 United Kingdom Nigel Mansell
United Kingdom Williams 01:22:52.843 44
6
4
4 25 France René Arnoux
France Ligier 01:23:23.439 44
8
3
5 2 Finland Keke Rosberg
United Kingdom McLaren Out of Fuel 43
1
2
6 1 France Alain Prost
United Kingdom McLaren Out of Fuel 43
2
1
7 8 United Kingdom Derek Warwick
United Kingdom Brabham +1 lap 43
20
0
8 16 France Patrick Tambay
United Kingdom Lola +1 lap 43
13
0
9 15 Australia Alan Jones
United Kingdom Lola +2 laps 42
19
0
10 20 Austria Gerhard Berger
Italy Benetton +2 laps 42
4
0
11 28 Sweden Stefan Johansson
Italy Ferrari Broken wing 41
11
0
12 22 Canada Allen Berg
Italy Osella +4 laps 40
26
0
RIT 17 Germany Christian Danner
United Kingdom Arrows Turbo 38
17
0
RIT 29 Netherlands Huub Rothengatter
Germany Zakspeed Gearbox 38
24
0
RIT 14 United Kingdom Jonathan Palmer
Germany Zakspeed Engine 37
16
0
RIT 3 United Kingdom Martin Brundle
United Kingdom Tyrrell Electrical 34
15
0
RIT 7 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Brabham Turbo 22
7
0
RIT 23 Italy Andrea de Cesaris
Italy Minardi Gearbox 20
23
0
RIT 24 Italy Alessandro Nannini
Italy Minardi Overheating 19
22
0
RIT 11 United Kingdom Johnny Dumfries
United Kingdom Lotus No Time 17
12
0
RIT 18 Belgium Thierry Boutsen
United Kingdom Arrows Turbo 13
21
0
RIT 26 France Philippe Alliot
France Ligier Engine 11
14
0
RIT 21 Italy Piercarlo Ghinzani
Italy Osella Clutch 10
25
0
RIT 4 France Philippe Streiff
United Kingdom Tyrrell Engine 7
18
0
RIT 27 Italy Michele Alboreto
Italy Ferrari Transmission 6
10
0
RIT 19 Italy Teo Fabi
Italy Benetton Accident 0
9
0

Topics
Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close