1970-1979Formula 1On this day

Vittoria di Hunt al GP degli Stati Uniti Est, ma è Lauda a festeggiare il secondo titolo iridato

Dopo Monza, la Formula 1 si trasferì nel continente americano e più precisamente a Watkins Glen nello stato di New York per il Gran Premio degli Stati-Uniti d’America Est. La quindicesima prova mondiale vedeva Lauda ad un passo dal secondo titolo mondiale: al pilota austriaco bastavano solo pochi punti per riconfermare quel mondiale vinto due anni prima. All’evento non si iscrissero la maggior parte dei team privati e così pure l’ATS decise di non intraprendere il viaggio negli USA. L’unica novità, fu il debutto del pilota locale Danny Ongais con la Penske motorizzata Ford Cosworth.

La Ferrari aveva già annunciato che Niki Lauda avrebbe lasciato la Scuderia di Maranello e che Gilles Villeneuve avrebbe sostituito il pilota di Vienna, inoltre si vociferava nel paddock che Lauda non avrebbe nemmeno terminato la stagione.

Alla Lotus arrivò l’annuncio del ritorno di Ronnie Peterson al posto del connazionale Gunnar Nilsson, non in perfetta forma fisica. Alla Shadow, Riccardo Patrese, impegnato con una gara di Formula 2 a Estoril fu sostituito da Jean-Pierre Jarier dopo aver sciolto il suo contratto con ATS.

Le qualifiche

Le qualifiche videro la 14° e ultima pole in carriera per James Hunt al fianco di Hans Stuck con la Brabham motorizzata Alfa Romeo. Terza piazzola per John Watson con la seconda Brabham e Mario Andretti, vincitore del Gran Premio d’Italia con la Lotus. Terza fila per Ronnie Peterson su Tyrrell, seguito dalle due Ferrari di Carlos Reutemann e Niki Lauda, che condivise la quarta fila con la seconda Tyrrell di Patrick Depailler. La top ten si completò con il nono tempo di Jody Scheckter su Wolf e Jacques Laffite con la Ligier.

La gara

niki lauda GP stati uniti 1977
© Ferrari

La domenica della corsa, la pioggia bagnò l’asfalto, ma questo non fermò i centomila spettatori, pronti a tifare per propri beniamini. Watson decise di scommettere montando gomme slick, mentre il resto del gruppo optò per le coperture da bagnato. Al via Stuck andò subito in testa seguito da Hunt, Andretti, Reutemann, Peterson, Lauda, ​​e Scheckter. La scelta azzardata del pilota di Belfast della Brabham, non pagò, tanto da finire per essere risucchiato da tutto lo schieramento. Nel corso dei primi passaggio Stuck mantenne il comando mentre Scheckter scavalcò in un solo boccone Lauda, ​​Peterson e Reutemann conquistando il quarto posto.

Alla 15° tornata Stuck finì in testacoda per un problema alla frizione, obbligando il pilota tedesco ad abbandonare la gara. La classifica si congelò fino alla bandiera a scacchi con la vittoria James Hunt, che conquistò il suo nono successo il carriera. Sul podio arrivarono anche Andretti e Scheckter, mentre Lauda riuscì a risalire fino al quarto posto, posizione che permise al pilota della Ferrari di aggiudicarsi il suo secondo Titolo Mondiale iridato.
A punti anche Clay Regazzoni con la Ensign e Reutemann.

L’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren 01:58:23.267 59
1
9
2 5 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus 01:58:25.293 59
4
6
3 20 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Wolf 01:59:42.146 59
9
4
4 11 Austria Niki Lauda
Italy Ferrari 02:00:03.882 59
7
3
5 22 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom Ensign 02:00:11.405 59
19
2
6 12 Argentina Carlos Reutemann
Italy Ferrari +1 lap 58
6
1
7 26 France Jacques Laffite
France Ligier +1 lap 58
10
0
8 24 United Kingdom Rupert Keegan
United Kingdom Hesketh +1 lap 58
20
0
9 16 France Jean-Pierre Jarier
United Kingdom Shadow +1 lap 58
16
0
10 30 United States Brett Lunger
United Kingdom McLaren +2 laps 57
17
0
11 18 Austria Hans Binder
United Kingdom Surtees +2 laps 57
25
0
12 7 United Kingdom John Watson
United Kingdom Brabham +2 laps 57
3
0
13 28 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi +2 laps 57
18
0
14 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell +3 laps 56
8
0
15 9 Brazil Alex Ribeiro
United Kingdom March +3 laps 56
23
0
16 3 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Tyrrell +3 laps 56
5
0
17 25 United Kingdom Ian Ashley
United Kingdom Hesketh +4 laps 55
22
0
19 19 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom Surtees +5 laps 54
11
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Alternator 30
14
0
RIT 6 Sweden Gunnar Nilsson
United Kingdom Lotus Accident 17
12
0
RIT 8 Germany Hans Joachim Stuck
United Kingdom Brabham Accident 14
2
0
RIT 10 South Africa Ian Scheckter
United Kingdom March Accident 10
21
0
RIT 2 Germany Jochen Mass
United Kingdom McLaren Fuel Pump 8
15
0
RIT 14 United States Danny Ongais
United States Penske Accident 6
26
0
RIT 17 Australia Alan Jones
United Kingdom Shadow Accident 3
13
0
DNQ 23 France Patrick Tambay
United Kingdom Ensign No Time 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button