1970-1979Formula 1On this day

Ultima di vittoria di Niki Lauda con la Ferrari al GP d’Olanda 1977

Il 28 agosto 1977, Niki Lauda vinse il Gran Premio d’Olanda e conquistò il suo quindicesimo successo nel mondiale, davanti alla Ligier-Matra di Jacques Laffite e la Wolf-Ford Cosworth guidata da Jody Scheckter.

Al volante di una 312 T2 il pilota austriaco aumentò le distanze sui diretti rivali in classifica mondiale. Grazie al secondo posto a Monza e con il quarto posto al Gran Premio degli Stati Uniti d’America-Est sul tracciato del Watkins Glen International divenne campione del mondo 1977.

Ma poi il rapporto con con Enzo Ferrari cominciò a traballare prima della fine del campionato, tanto che al Gran Premio del Canada sul circuito del Mosport Park, fece il suo esordio Gilles Villeneuve al fianco dell’argentino Carlos Reutemann.
Questa fu l’ultima vittoria per Niki Lauda con la Ferrari, nel 1978 il pilota austriaco andò alla Brabham-Alfa Romeo.

Le qualifiche

Le qualifiche videro la pole position della Lotus di Mario Andretti affiancato da Jacques Laffite su Ligier. In seconda fila si piazzarono i due eterni rivali: Niki Lauda e James Hunt precedendo Carlos Reutemann con la seconda Ferrari e Gunnar Nilsson su Lotus. Quarta fila per John Watson con la Brabham e Ronnie Peterson su Tyrrell, mentre la top 10 si completò con il nono posto di Jean-Pierre Jabouille su Renault e davanti a Clay Regazzoni con la Ensign.

La gara

Al via, Andretti si fece infilare, prima da Laffite, poi da Hunt, che passò al comando, davanti al pilota francese. Dietro si accodarono: Lauda, Reutemann, John e Regazzoni. Nel corso del secondo giro Watson dovette alzare bandiera bianca, dopo la rottura della coppa dell’olio, mentre Andretti riuscì a guadagnare una posizione, passando Laffite.
Il pilota italo-americano iniziò a mettere sotto pressione Hunt; la lotta fra i due terminò dopo 6 passaggi a causa di un contatto, che mise ko l’inglese della McLaren, mentre Andretti scivolò al quarto posto, davanti ad un rinato Nilsson. Alla decima tornata Andretti passò Reutemann, mettendosi a caccia di Lauda, ma la Lotus numero 5, finì per ammutolire il motore, abbandonando la corsa dopo 4 giri. La classifica ora vedeva Laffite in testa, davanti alle due “Rosse” di Lauda e Reutemann e poi Nilsson, mentre, terminò, per problemi tecnici la gara di Peterson e Regazzoni tra il diciottesimo e il diciannovesimo giro. La gara proseguì regalando emozioni, con il sorpasso di Lauda sul pilota parigino della Ligier, mentre Nilsson, nel tentare di passare Reutemann, finì per toccare l’argentino, costringendo lo svedese al ritiro, invece la Ferrari scivolò al tredicesimo posto.
Al 59° giro Brambilla passò Fittipaldi, conquistando il quinto posto, purtroppo la gara del pilota italiano s’interruppe dopo 10 tornate, quando finì out, tentando di superare Scheckter, per conquista del quarto posto. Tambay, invece era pronto per agguantare il primo podio in carriera, ma finì senza benzina e lasciando al sudafricano della Wolf, il terzo posto.

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 11 Austria Niki Lauda
Italy Ferrari 01:41:45.930 75
4
9
2 26 France Jacques Laffite
France Ligier 01:41:47.820 75
2
6
3 20 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Wolf +1 lap 74
15
4
4 28 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi +1 lap 74
17
3
5 23 France Patrick Tambay
United Kingdom Ensign Out of fuel 73
12
2
6 12 Argentina Carlos Reutemann
Italy Ferrari +2 laps 73
6
1
7 8 Germany Hans Joachim Stuck
United Kingdom Brabham +2 laps 73
19
0
8 35 Austria Hans Binder
United States Penske +2 laps 73
18
0
9 30 United States Brett Lunger
United Kingdom McLaren +2 laps 73
20
0
10 10 South Africa Ian Scheckter
United Kingdom March +2 laps 73
25
0
11 9 Brazil Alex Ribeiro
United Kingdom March +3 laps 72
24
0
12 19 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom Surtees Accident 67
22
0
13 16 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Shadow Engine 67
16
0
DSQ 38 United Kingdom Brian Henton
Netherlands Boro Disqualified 52
23
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Suspension 39
10
0
RIT 6 Sweden Gunnar Nilsson
United Kingdom Lotus Accident 34
5
0
RIT 17 Australia Alan Jones
United Kingdom Shadow Engine 32
13
0
RIT 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell Engine 31
11
0
RIT 3 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Tyrrell Ignition 18
7
0
RIT 22 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom Ensign Throttle 17
9
0
RIT 5 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Engine 14
1
0
RIT 24 United Kingdom Rupert Keegan
United Kingdom Hesketh Accident 8
26
0
RIT 1 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren Accident 5
3
0
RIT 34 France Jean-Pierre Jarier
United States Penske Ignition 4
21
0
RIT 7 United Kingdom John Watson
United Kingdom Brabham Oil Leak 2
8
0
RIT 2 Germany Jochen Mass
United Kingdom McLaren Accident 0
14
0
DNQ 27 Belgium Patrick Nève
United Kingdom March No Time 0

0
DNQ 37 Italy Arturo Merzario
United Kingdom March No Time 0

0
DNQ 18 Australia Vern Schuppan
United Kingdom Surtees No Time 0

0
DNQ 39 United Kingdom Ian Ashley
United Kingdom Hesketh No Time 0

0
DNQ 33 Netherlands Boy Hayje
United Kingdom March No Time 0

0
DNQ 25 Mexico Hector Rebaque
United Kingdom Hesketh No Time 0

0
DNQ 29 Belgium Teddy Pilette
United Kingdom BRM No Time 0

0
DNQ 32 Netherlands Michael Bleekemolen
United Kingdom March No Time 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button