1940-19492020-2029BiografieFormula 1On this day

Tom Belsø: the world-class Danish motor-racing driver

Tom Belsø da meccanico a pilota; La genesi della Danimarca

Tom Belsø un nome dimenticato, affossato nella storia del motor sport. Ma per i puristi e i danesi rappresenta una pietra miliare nella storia della Formula 1. Da giovane Belsø lavora come meccanico, finché nel 1969 non iniziò a gareggiare nel campionato turismo scandinavo, vincerà al debutto a bordo di una Volvo preparata da lui stesso. Visti i risultati, Tom Belsø si gettò in Formula Ford 1.6 e alla Formula Atlantic britannica, dove concluse la stagione al 3° posto finale. La sua età avanzata – 29 anni – non faceva ben sperare per la sua carriera.

Per la stagione 1972 saltò il campionato di Formula 3 per presentarsi direttamente ai blocchi di partenza del campionato di Formula 2 a bordo di una Hesketh del Team Viking. Nonostante abbia dovuto saltare alcune gare per mancanza di budget e si sia ritirato per mancanza di affidabilità del mezzo, si dimostrò un pilota concreto; 4° posto in gara ad Albi e 5° ad Hockenheim, chiudendo il campionato al 17° posto con 5 punti, davanti a piloti  come James Hunt (su una Hesketh ufficiale), Claudio Francisci, John Watson, Andrea De Adamich, Tino Brambilla, Vic Elford, Brett Lunger e Jochen Mass.

Per la stagione 1973 ci fu un altro cambio; Arriva la Formula 5000 a bordo di una Lola-Chevrolet scarsamente competitiva, con la quale riuscì a conquistare risultati validi per chiudere la stagione al 6° posto. Fu grazie a questi risultati che a 31 anni Belsø ebbe la possibilità di debuttare in Formula 1.

Una finestra sul mondo della F1: Frank Williams ci crede e ci prova!

Tom Belsø debuttò in F1 il 18 Marzo del 1973 a Brands Hatch in una gara non valida per il mondiale ma comunque di prestigio; la Race of Champions. Il danese corre a bordo della sua Lola-Chevrolet utilizzata in F5000 con il team Shell Sport Luxembourg, qualificandosi 23° in griglia di partenza su 32 partenti, a 6 secondi dal poleman Jean-Pierre Beltoise su BRM. In gara le cose vanno meglio, giunge al traguardo 7° a solo un giro dal vincitore Peter Gethin (Chevron-Chevrolet, F5000) e alle spalle del poleman Beltoise! Il primo approccio a bordo di una F1 però avviene 3 mesi dopo in Svezia alla guida di una Iso Marlboro-Ford gestita da un giovane Frank Williams, ma dopo aver ottenuto il 22° ed ultimo posto in griglia, Belsø non riuscì a prendere il via a causa di alcuni problemi con gli sponsor. Tom Belsø è già nella storia in quanto si tratta del primo della Danimarca ad aver preso parte al campionato di Formula 1

iso marlboro Tom Belsø
wi77iams.com

I tentativi effettuati in Spagna e in Inghilterra andarono a vuoto con due mancate qualificazioni, mentre in Svezia il pilota danese chiuse con un buon 8° posto su 11 arrivati ad un giro dal vincitore Jody Scheckter (Tyrrell-Ford), dopo essere partito 21° in griglia su 26 concorrenti, un risultato gli permise di chiudere la stagione al 27° posto.

Con il punteggio odierno avrebbe conquistato 4 punti, ma all’epoca il punteggio veniva assegnato solo ai primi 6 classificati. L’ultima apparizione in un contesto riguardante la F1 fu nel 1975 alla Race of Champions a Brands Hatch, dove fu costretto subito al ritiro dopo un contatto con Jochen Mass.

La vita oltre la F1; Un nuovo inizio negli affari con l’unico sponsor John Jordan

Nel 1977 disputò la sua ultima stagione in Formula 5000 a bordo di una Lola, chiudendo il campionato al 5° posto. Abbandonate le corse, Belsø ha fondò un’azienda produttrice di cereali e muesli in Sudafrica, per poi venderla nel 2005.

Tom Belsø ha lasciato questa vita 11 Gennaio del 2020 a causa di un tumore allo stomaco nella sua Copenaghen all’età di 78 anni. Un uomo che ha ispirato una nazione aprendo la strada ad molti giovani e se oggi abbiamo un Kevin Magnussen in F1 lo dobbiamo a Tom.

Andrea Ranucci

“La storia è straordinariamente ricca di dolci” Fotografo amatoriale, appassionato di motori e sport invernali. Nel tempo libero racconto la storia della F1; Da Nuvolari ad Ascari, passando per Gilles, De Cesaris, Alboreto. Il mio motto è: “Non ci sono problemi solo soluzioni”.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.