fbpx
1960-1969Formula 1On this day

Rindt si aggiudica la sua prima gara in carriera vincendo GP degli Stati Uniti 1969

Il 5 ottobre andò in scena a Watkins Glen il penultimo appuntamento della stagione 1969; con il campionato piloti già nelle mani Jackie Stewart molti piloti decisero di gareggiare in altri campionati.
La settimana dopo il GP del Canada, Bruce McLaren si aggiudicò sul circuito del Michigan International Speedway una gara di Can-Am mentre Jean-Pierre Beltoise e Pedro Rodriguez avevano già pronte le valigie per la 1000 Km di Parigi, poi vinta proprio dal francese con su Matra insieme a connazionale Henri Pescarolo.
Per quanto riguarda il GP degli Stati Uniti 1969, Mario Andretti riprese la sperimentazione della Lotus 63 a quattro ruote motrici mentre Bill Brack fu sostituito da George Eaton alla BRM. La Ferrari schierò solo Pedro Rodriguez a bordo della 312 F1 del North American Racing Team

LE QUALIFICHE

Nelle prove del sabato valide per la griglia di partenza fu Jochen Rindt con la Lotus ad aggiudicarsi la sua quinta pole position della stagione battendo la McLaren di Denny Hulme per soli 0.03 secondi.
Terza piazzola per il nuovo campione del mondo Jackie Stewart affiancato da Graham Hill sempre su Lotus. Quinto tempo per la Lotus del team di Rob Walker di Jo Siffert mentre al sesto posto si piazzò Bruce McLaren; purtroppo il neozelandese non riuscì a prendere il via a causa di un problema meccanico durante il giro di ricognizione prima della gara. Quarta fila  per la seconda Matra di Jean-Pierre Beltoise e Jacky Ickx su Brabham-Ford. Chiusero la top ten Piers Courage cona la Brabham Ford di Frank Williams e Jack Brabham.

LA GARA

Al via Rindt prese subito il comando della corsa mentre si accodarono Stewart e Hill, invece Hulme iniziò ad accusare un problema al cambio finendo per essere superato da metà gruppo e retrocedendo al nono posto.

Al terzo giro Siffert riuscì a passare Hill che poi finì anche per essere scavalcato da Beltoise e Piers Courage. Ma la gara del pilota elvetico della BRM terminò pochi chilometri dopo per un guasto al sistema d’alimentazione del carburante. Nel frattempo Courage passò Beltoise, con il francese alle prese con un guasto al cambio e rilanciando l’inglese della Brabham al terzo posto.

Al 12° giro Stewart superò Rindt ma nove tornate dopo fu l’austriaco a ripassare la Matra numero 15 riprendendosi la leadership della corsa. Purtroppo la gara di Stewart terminò al giro numero 36 con il motore in fumo e con Courage che salì al secondo posto ma con ritardo di 40 secondi dal leader.

Questo diede vita ad un bel duello fra lo stesso Courage, Ickx e Brabham terminato con il ritiro del pilota belga per la rottura del motore, mentre il tre volte campione del mondo australiano dovette forzatamente fermarsi per far rifornimento e così sul podio virtuale salì Surtees.

Mentre la gara proseguiva Hill fu protagonista di un terribile incidente nel corso della tornata numero 91;
il pilota inglese si accorse che le cinture di sicurezza non erano perfettamente allacciate e durante un testacoda e un ribaltamento fu sbalzato fuori dalla propria vettura riportando la rottura di entrambe le gambe.

hill incidente gp usa 1969
© statsf1.com

La corsa terminò con la prima vittoria in carriera di Jochen Rindt precedendo Piers Courage e John Surtees. Punti iridati per Jack Brabham, Pedro Rodríguez e Silvio Moser.

L’ORDINE DI ARRIVO del GP degli Stati Uniti 1969

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 2 Austria Jochen Rindt
United Kingdom Lotus 01:57:56.840 108
1
9
2 18 United Kingdom Piers Courage
United Kingdom Brabham 01:58:43.830 108
9
6
3 14 United Kingdom John Surtees
United Kingdom BRM +2 laps 106
11
4
4 8 Australia Jack Brabham
United Kingdom Brabham +2 laps 106
18
3
5 12 Mexico Pedro Rodríguez
Italy Ferrari +7 laps 101
12
2
6 19 Switzerland Silvio Moser
United Kingdom Brabham +10 laps 98
17
1
NC 16 France Johnny Servoz-Gavin
France Matra Not Classified 92
15
0
RIT 2 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom Lotus Accident 90
4
0
RIT 7 Belgium Jacky Ickx
United Kingdom Brabham Engine 77
8
0
RIT 22 Canada George Eaton
United Kingdom BRM Engine 76
9
0
RIT 4 France Jean-Pierre Beltoise
France Matra Engine 72
7
0
RIT 5 New Zealand Denny Hulme
United Kingdom McLaren Gearbox 52
2
0
RIT 3 United Kingdom Jackie Stewart
France Matra Engine 35
3
0
RIT 21 United States Pete Lovely
United Kingdom Lotus Halfshaft 25
16
0
RIT 15 United Kingdom Jackie Oliver
United Kingdom BRM Engine 23
14
0
RIT 10 Switzerland Jo Siffert
United Kingdom Lotus Fuel System 3
13
0
RIT 9 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Suspension 3
5
0
RIT 6 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom McLaren Engine 0
6
0

Silvano Lonardo

Founder di F1world e appassionato di Formula 1, Pallamano e vinili. Mi occupo di Digital Strategist. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.