fbpx
1950-1959Formula 1On this day

Monaco 1956: la vittoria di Moss e la rimonta di Fangio

IL CAMPIONATO E LE QUALIFICHE

A seguito dell’incidente di Alberto Ascari dell’anno precedente, la chicane del Monaco viene cambiata in modo che possa evitare di ripetersi in futuro. Nei quattro mesi successivi al GP d’Argentina i team Lancia-Ferrari, Maserati, Vanwall e Gordini avevano sviluppato le loro auto, seguiti poi a Monaco dalle BRM.
I problemi al motore però impedirono a Mike Hawthorn e a Tony Brooks di iniziare la gara. Le vetture inoltre erano ben lontane dal ritmo dei primi.

Hawthorn infatti gira in ben cinque secondi più lentamente della Lancia-Ferrari di Juan-Manuel Fangio (che conquista la pole position). Stirling Moss si trova a fianco del suo vecchio compagno di squadra Mercedes-Benz Eugenio Castellotti, che completa la prima fila nella Ferrari D50. Seguono la Maserati di Jean Behrae, Harry Schell nella prima della Vanwalls. In terza fila troviamo Maurice Trintignant nella seconda Vanwall, Cesare Perdisa su una Maserati e Luigi Musso in un’altra Lancia-Ferrari. Peter Collins (quarto pilota della Ferrari ) si trova in quarta fila, ma è stato a tre secondi a giro dalle Gordini e dai privati su Maserati

LA GARA

In avvio Moss prende il comando con Castellotti, Fangio e Schell appena dietro . Non ci vuole molto perché Fangio superi Castellotti ma Moss è a ben cinque secondi dagli altri alla fine del primo giro. Durante il secondo giro Fangio commette un errore ed è protagonista di un testacoda. Mentre alcune delle auto in arrivo sono in grado di passare senza problemi, Schell e Musso non hanno le stessa fortuna ed finiscono lì la gara. Fangio si riprende e cerca di tornare in testa. Castellotti purtroppo si ritira per problemi alla frizione .In testa  Collins si allontana rapidamente per far si che il suo team leader potesse inseguire Moss.

Moss GP monaco 1956
© Cahier Archive

Il pilota argentino, però, non era nella sua forma migliore. Dopo essersi schiantato contro il muro di una chicane, consegna la sua auto a Castellotti. A meta gara Collins fu chiamato ai box e Fangio prese il controllo della sua auto, tutto fatto in ottica campionato. L’argentino, riacquisita la calma  dopo aver superato Behra, cerca di andare a riprendere Moss. Aveva 30 giri per recuperare ben 45 sec di distacco. Quindici giri dopo l’inglese rischiò di buttare l’intera gara, proprio durante il doppiaggio del compagno di squadra. Perdisa infatti soffrì di un guasto ai freni proprio durante il passaggio di Stirling, rischiando di compromettere la gara di entrambi. Le due auto finirono per toccarsi, causando un danno al cofano della Maserati. Moss, nonostante il danno improvviso, rimase del tutto calmo. Fangio indietro recuperava due secondi a giro, ma alla bandiera a scacchi mancavano ancora sei secondi da colmare.

L’ordine di arrivo del GP di Monaco 1956

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 28 United Kingdom Stirling Moss
Italy Maserati 03:00:32.900 100
2
8
2 26 United Kingdom Peter Collins
Argentina Juan Manuel Fangio
Italy Ferrari 03:00:39.000 54
46
9
9
3
4
3 30 France Jean Behra
Italy Maserati +1 lap 99
4
4
4 20 Argentina Juan Manuel Fangio
Italy Eugenio Castellotti
Italy Ferrari +6 laps 40
54
1

0
1.5
5 6 France Hermano da Silva Ramos
France Gordini +7 laps 93
14
2
6 4 France Élie Bayol
Belgium André Pilette
France Gordini +12 laps 44
44
11
11
0
0
7 32 Italy Cesare Perdisa
Italy Maserati +14 laps 86
7
0
8 18 United Kingdom Horace Gould
Italy Maserati +15 laps 85
16
0
RIT 2 France Robert Manzon
France Gordini Accident 90
12
0
RIT 8 France Louis Rosier
Italy Maserati Engine 72
15
0
RIT 22 Italy Eugenio Castellotti
Italy Ferrari Clutch 14
3
0
RIT 14 France Maurice Trintignant
United Kingdom Vanwall Overheating 13
6
0
RIT 16 United States Harry Schell
United Kingdom Vanwall Accident 2
5
0
RIT 24 Italy Luigi Musso
Italy Ferrari Accident 2
8
0
DNQ 36 Italy Giorgio Scarlatti
Italy Ferrari No Time 0

0
WD 10 United Kingdom Mike Hawthorn
United Kingdom BRM Engine Valve 0

0
WD 12 United Kingdom Tony Brooks
United Kingdom BRM Engine Valve 0

0
WD 34 Monaco Louis Chiron
Italy Maserati Blown Engine 0

0

Nicolò Laffranchi

Mi chiamo Nicolò Laffranchi e ho 19 anni, liceale con una forte passione per i motori e per le corse, che mi tengono compagnia ogni weekend da alcuni anni a questa parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.