2000-2009On this day

Michael Schumacher è il campione del mondo del nuovo millennio

L’8 ottobre 2000, Michael Schumacher vince il gran premio del Giappone. Con questa vittoria la Ferrari interrompe un digiuno che durava da ben ventun anni quando nel 1979 Jody Scheckter conquistò il titolo piloti.

Quell’anno, il titolo se lo contendevano Michael Schumacher e Mika Hakkinen che per poter ancora sperare di vincere il terzo titolo mondiale consecutivo, doveva per forza concludere la gara davanti al tedesco della Ferrari. Al via il pilota finlandese della McLaran scatta bene, sopravanzando Schumacher nonostante il deciso tentativo di chiusura da parte del tedesco.

Fu una gara a due con giri veloci per entrambi i piloti, ma tutto non risolse in pista, ma ai pit-stop. Tutto sappiamo che quell’anno in Ferrari c’era un grande stratega ovvero Ross Brawn.

Le parole di Jean Todt

E’ una grande gioia. Questo risultato era l’obiettivo di quest’anno, come d’altronde lo era per i precedenti. Sono contento ed onorato di avere una squadra fantastica ed un pilota eccezionale come Michael. Sono felicissimo, anche per tutte le 550 persone della Gestione Sportiva, che hanno lavorato intensamente in questi anni per raggiungere questo traguardo

Le parole di Michael Schumacher

E’ difficile trovare le parole per spiegare quello che sento. E’ simile a quanto accaduto a Monza ma non aspettatevi ancora lacrime. Ho sentito un’esplosione di emozioni quando ho tagliato il traguardo. Le condizioni erano difficili oggi, tutta la stagione è stata un susseguirsi di alti e bassi. E’ stato bello finire con una vittoria in una gara combattuta fino all’ultima curva con Mika. Questo è un titolo straordinario e speciale perché ottenuto con la Ferrari: significa molto di più di quelli che avevo vinto prima. Immaginate quello che sta succedendo ora in Italia: deve essere fantastico.

Il modello

La Hot Wheels Mattel, ha fatto per l’evento un modello speciale in scala 1/43. Sulla vettura si notano le gomme usurate e lo sporco sulle pance e alettone.

La Gallery

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 3 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:29:53.435 53
1
10
2 1 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren 01:29:55.272 53
2
6
3 2 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren 01:31:03.349 53
3
4
4 4 Brazil Rubens Barrichello
Italy Ferrari 01:31:12.626 53
4
3
5 10 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom Williams 01:31:19.129 53
5
2
6 22 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom BAR +1 lap 52
9
1
7 8 United Kingdom Johnny Herbert
United Kingdom Jaguar +1 lap 52
10
0
8 7 United Kingdom Eddie Irvine
United Kingdom Jaguar +1 lap 52
7
0
9 23 Brazil Ricardo Zonta
United Kingdom BAR +1 lap 52
18
0
10 17 Finland Mika Salo
Switzerland Sauber +1 lap 52
19
0
11 16 Brazil Pedro Paulo Diniz
Switzerland Sauber +1 lap 52
20
0
12 18 Spain Pedro de la Rosa
United Kingdom Arrows +1 lap 52
13
0
13 6 Italy Jarno Trulli
Ireland Jordan +1 lap 52
15
0
14 11 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Benetton +1 lap 52
12
0
15 21 Argentina Gastón Mazzacane
Italy Minardi +2 laps 51
22
0
RIT 20 Spain Marc Gené
Italy Minardi Engine 46
21
0
RIT 9 Germany Ralf Schumacher
United Kingdom Williams Spun off 41
6
0
RIT 15 Germany Nick Heidfeld
France Prost Suspension 41
16
0
RIT 12 Austria Alexander Wurz
Italy Benetton Spun off 37
11
0
RIT 5 Germany Heinz-Harald Frentzen
Ireland Jordan Hydraulics 29
8
0
RIT 14 France Jean Alesi
France Prost Engine 19
17
0
RIT 19 Netherlands Jos Verstappen
United Kingdom Arrows Electrical 9
14
0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button