1970-1979Formula 1On this day

La vittoria della controversa Brabham di Lauda al GP di Svezia 1978

Il 17 giugno 1978, il circus si spostò sul circuito di Anderstorp, dove alla fine si disputò l’ultimo Gran Premio di Svezia della storia della Formula 1. La Lotus dominava la stagione, grazie alla nuova 79, mentre Brabham arrivò nella penisola scandinava con due BT46, modificate in maniera controversa: un grande ventilatore fu attaccato nella sezione posteriore della vettura. Il team inglese disse che questa soluzione serviva per migliorare il raffreddamento del motore, invece si scoprì che l’obiettivo principale di quella ventola, era quella aspirare aria da sotto la vettura, migliorando l’aderenza.
I team rivali si opposero, dichiarando la soluzione illegale, visto che il regolamento della Formula 1, di quei tempi vietava l’uso di elementi aerodinamici mobili. C’era poi problema, questo stratagemma avrebbe potuto scagliare eventuali detriti contro le vetture che si trovavano dietro.

Teddy Yip decise di abbandonare temporaneamente il circus ritirando le Theodore, così Keke Rosberg passò alla ATS, in sostituzione di Alberto Colombo. Tra i team mancavano anche le monoposto della Scuderia Martini e questo evitò di effettuare la pre-qualifiche.

Brabham Niki Lauda GP Svezia 1978
© LAT Images

Invece durante le qualifiche del sabato, Mario Andretti si aggiudicò la pole position con sette decimi di vantaggio, rispettivamente sulle due Brabham di John Watson e Niki Lauda.
Quarto posto per Ronnie Peterson con la seconda monoposto del team di Chapman.
La quinta piazzola la conquistò Riccardo Patrese con la Arrows, anche se il team di Milton Keynes finì coinvolto in un caso giudiziario di copyright nei confronti della Shadow. Questo costrinse il team Arrows a riprogettare interamente un nuovo telaio rinominato A1, in sostituzione del vecchio FA/1. Jody Scheckter, si affiancò al pilota italiano in sesta posizione con la Wolf.
Quarta fila tutta Ferrari con Gilles Villeneuve e Carlos Reutemann, mentre la top 10 si completò con Alan Jones su Williams e Jean-Pierre Jabouille con la Renault .

Durante la domenica mattina, si accese una forte protesta contro Ie due Brabham, respinta dalla Federazione, che confermò la griglia di partenza.

Partenza GP Svezia 1978
© LAT Images

Al via, scattò per primo, il velocissimo Mario Andretti, seguito da Lauda che si gettò all’inseguimento del pilota italoamericano, mentre alle spalle dei due piloti di testa si scatenò una lotta tra Watson, Patrese e Peterson. Alla fine del secondo giro Patrese si prese il terzo posto, mentre nel giro successivo, Peterson si accodò all’italiano sopravanzando Watson.
Lo svedese iniziò una bella lotta per la conquista del podio virtuale e concretizzando il sorpasso, al decimo giro, ma per Peterson la posizione durò pochissimo, perché finì per fare una sosta forzata a seguito di una foratura. L’ordine rimase invariato fino al 20° passaggio, momento in cui Watson alzò bandiera bianca per la rottura dell’acceleratore.

I due piloti di testa accesero un bel duello, seguiti da Patrese, poi Reutemann; tuttavia il pilota della Ferrari perse subito la quarta posizione a favore, prima di Jones per poi venir superato anche da Peterson e Villeneuve.

gilles villeneuve GP Svezia 1978
© Ferrari

La svolta della corsa arrivò al 38° passaggio, quando Lauda, con una perfetta staccata in curva, superò Andretti, obbligato a rallentare dopo essere scivolato su una macchia d’olio.
Il leader del mondiale, tentò di ripassare l’austriaco, ma la Lotus numero 5 si ammutolì nel corso del 46° giro per un guasto al motore. Questo permise a Patrese di salire al secondo posto mentre lo scatenato Peterson si riprese la terza posizione, superando Jones.
Purtroppo la gara dell’australiano terminò poco dopo per un problema ad un pneumatico, così in zona punti salì Laffite, che però rimase senza carburante, terminando poi la gara al settimo posto.
Alla fine dei 70 giri, Lauda mantenne il comando fino alla bandiera a scacchi. Alle spalle dell’austriaco arrivarono Patrese e Peterson, che salirono sul podio, mentre finirono in zona punti anche Tambay con la McLaren, Regazzoni su Shadow e Fittipaldi.

Dopo qualche giorno arrivò la decisione della Commissione, che confermò la vittoria della Brabham. Fu una scelta di convenienza per non contraddire la decisione dei commissari di gara e perché i reclami arrivarono troppo tardi.
Però alla Brabham, fu vietata la soluzione, per il resto del campionato.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Austria Niki Lauda
United Kingdom Brabham 01:41:00.606 70
3
9
2 35 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Arrows 01:41:34.625 70
5
6
3 6 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Lotus 01:41:34.711 70
4
4
4 8 France Patrick Tambay
United Kingdom McLaren +1 lap 69
15
3
5 17 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom Shadow +1 lap 69
16
2
6 14 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi +1 lap 69
13
1
7 26 France Jacques Laffite
France Ligier +1 lap 69
11
0
8 7 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren +1 lap 69
14
0
9 12 Canada Gilles Villeneuve
Italy Ferrari +1 lap 69
7
0
10 11 Argentina Carlos Reutemann
Italy Ferrari +1 lap 69
8
0
11 16 Germany Hans Joachim Stuck
United Kingdom Shadow +2 laps 68
20
0
12 25 Mexico Hector Rebaque
United Kingdom Lotus +2 laps 68
21
0
13 9 Germany Jochen Mass
Germany ATS +2 laps 68
19
0
14 36 Germany Rolf Stommelen
United Kingdom Arrows +3 laps 67
24
0
15 10 Finland Keke Rosberg
Germany ATS +7 laps 63
23
0
NC 37 Italy Arturo Merzario
Italy Merzario +8 laps 62
22
0
RIT 5 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Engine 46
1
0
RIT 27 Australia Alan Jones
United Kingdom Williams Wheel 46
9
0
RIT 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell Suspension 42
12
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Engine 28
10
0
RIT 2 United Kingdom John Watson
United Kingdom Brabham Spun Off 19
2
0
RIT 20 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Wolf Overheating 16
6
0
RIT 3 France Didier Pironi
United Kingdom Tyrrell Accident 8
17
0
RIT 19 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom Surtees Accident 7
18
0
DNQ 18 United Kingdom Rupert Keegan
United Kingdom Surtees No Time 0

0
DNQ 30 United States Brett Lunger
United Kingdom McLaren No Time 0

0
DNQ 22 Belgium Jacky Ickx
United Kingdom Ensign No Time 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.