1970-1979On this day

La stagione 1976, si apre con la Ferrari di Niki Lauda

Il 25 gennaio 1976, si corse la prima prova della stagione di Formula 1, sul sul Circuito di Interlagos. Negli anni passati il campionato prendeva il via con il consueto appuntamento in Buenos Aires; ma il paese argentino era scosso da una forte crisi politica, che non permise l’accordo con la Federazione.

Lo scorso anno vide il ritorno, la Ferrari tornò a vincere quel titolo che mancava dal 1964, questo grazie a Niki Lauda, che voleva confermare, anche per il 76, la sua supremazia.

La vigilia vide l’esordio per la casa francese Ligier, affidata al francese Jacques Laffite, mentre la Brabham, si affidò ai motori dell’Alfa Romeo. La casa italiana del Biscione, mancava da 5 anni nella massima competizione. Emerson Fittipaldi lasciò la McLaren, e fu sostituito da James Hunt, mentre il pilota locale si trasferì alla Fittipaldi-Copersucar insieme a Ingo Hoffman come compagno di squadra. Mario Andretti passò allo Lotus in sostituzione di Gunnar Nilsson. La March riprese Lella Lombardi.

Durante le qualifiche del sabato, James Hunt fece segnare la miglior prestazione conquistando la sua prima pole della carriera, davanti al campione del mondo in carica, Niki Lauda.
In seconda fila, la Shadow di Jean-Pierre Jarier seguita da Clay Regazzoni con la seconda Ferrari.

Alla partenza della gara Regazzoni brucia tutti e si porta in testa davanti a Lauda e Hunt. Al secondo giro Al secondo giro John Watson, fu costretto ad abbandonare la gara con la sua Penske in fiamme dopo la rottura dell’impianto del carburante.

Dopo nove giri, lo svizzero della Ferrari perse la testa della gara dopo una foratura alla gomma anteriore destra, così Lauda passò in testa seguito a vista da Hunt, Jarier, Tom Pryce e da Patrick Depailler.

Il primo colpo di scena, tra i piloti di testa arrivò dopo 27 tornate: Hunt rallentò per un problema al motore regalando a Jarier, il secondo posto, purtroppo per l’inglese della McLaren arrivò il ritiro nel giro 32 per la rottura dell’impianto dell’olio che inondò la pista. Questo problema causò anche il ritiro di Jean-Pierre Jarier, che scivolò sull’olio uscendo di scena alla curva Ferradura.

Pryce, invece riuscì a tenere la vettura, ma fu passato da Depaillier. Alla fine Niki Lauda, conquistò la sua ottava vittoria volta in carriera, davanti a Patrick Depailler e Tony Pryce.
A punti anche Stuck, Scheckter e Jochen Mass.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Austria Niki Lauda
Italy Ferrari 01:45:16.780 40
2
9
2 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell 01:45:38.250 40
9
6
3 16 United Kingdom Tom Pryce
United Kingdom Shadow 01:45:40.620 40
12
4
4 34 Germany Hans Joachim Stuck
United Kingdom March 01:46:44.950 40
14
3
5 3 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Tyrrell 01:47:13.240 40
13
2
6 12 Germany Jochen Mass
United Kingdom McLaren 01:47:15.050 40
6
1
7 2 Switzerland Clay Regazzoni
Italy Ferrari 01:47:32.020 40
4
0
8 20 Belgium Jacky Ickx
United Kingdom Wolf-Williams +1 lap 39
19
0
9 21 Italy Renzo Zorzi
United Kingdom Williams +1 lap 39
17
0
10 8 Brazil Carlos Pace
United Kingdom Brabham +1 lap 39
10
0
11 31 Brazil Ingo Hoffmann
Brazil Fittipaldi +1 lap 39
20
0
12 7 Argentina Carlos Reutemann
United Kingdom Brabham Out of Fuel 37
15
0
13 30 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi +3 laps 37
5
0
14 10 Italy Lella Lombardi
United Kingdom March +4 laps 36
22
0
RIT 17 France Jean-Pierre Jarier
United Kingdom Shadow Accident 33
3
0
RIT 11 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren Accident 32
1
0
RIT 9 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom March Oil Leak 15
7
0
RIT 26 France Jacques Laffite
France Ligier Transmission 14
11
0
RIT 5 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Lotus Accident 10
18
0
RIT 6 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Accident 6
16
0
RIT 28 United Kingdom John Watson
United States Penske Fuel System 2
8
0
RIT 14 United Kingdom Ian Ashley
United Kingdom BRM Oil Pump 2
21
0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button