1960-1969Formula 1On this day

John Surtees chiude la stagione vincendo il GP del Messico 1966

Il 23 ottobre 1966, si disputò sul circuito di Magdalena Mixucha, l’ultimo appuntamento della stagione. Con entrambi i titoli già assegnati, la Ferrari decise di non partecipare alla gara messicana, mentre il resto dei team schierò i suoi piloti titolari. Non mancarono anche qualche vetture supplementari: la Lotus portò una terza vettura con un vecchio motore Climax 33 affidandola al giovane Pedro Rodriguez e così fece anche la Cooper che schierò Moises Solana. Dan Gurney decise invece di guidare una Eagles con motore Climax mentre il compagno di squadra, Bob Bondurant salì sulla versione con motore Weslake V12.

LE QUALIFICHE

In qualifica John Surtees si aggiudicò la sua settima pole della carriera con la Cooper-Maserati, affiancato dalla Lotus di Jim Clark, vittorioso al Gran Premio degli Stati Uniti tre settimane prima. Si condivisero la seconda fila Ritchie Ginther con la Honda e il campione del mondo Jack Brabham sulla sua Brabham-Repco.
Quinta piazzola per il compagno di box di Surtees, Jochen Rindt al fianco della seconda Brabham di Denny Hulme, invece Graham Hill su BRM e Rodriguez si sono schierarono in quarta fila. Chiusero la top ten, Dan Gurney e Jackie Stewart con l’altra BRM.

LA GARA

Allo sventolare della bandiera verde Ginther andò subito al comando come come fece 12 mesi prima, sempre al GP del Messico, mentre si accodarono Rindt, Brabham, Hulme, Surtees e Clark.
Durante il secondo giro, Brabham riuscì a portarsi in testa mentre Ginther finì per essere risucchiato dal trio composto da Rindt, Surtees e Hulme.

Qualche giro più tardi Surtees si sbarazzò prima di Rindt e poi iniziò a mettere pressione a Brabham. Il giro successivo arrivò il sorpasso sul pilota australiano, mentre Rindt terminò la sua gara nel corso del 32° passaggio per un guasto alla sospensione.

Rodriguez si ritrovò miracolosamente al terzo posto, per la gioia del pubblico locale, ma al 49° giro finì fuori pista per un malfunzionamento alla trasmissione e così sul momentaneo podio salì Ginther.

Al penultimo giro Hulme riuscì in extremis a passare la Honda del pilota statunitense agguantando il terzo gradino del podio. La gara terminò vittoria di Surtees che si aggiudicò il suo quinto successo in carriera.

L’ORDINE D’ARRIVO

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 7 United Kingdom John Surtees
United Kingdom Cooper-Climax 02:06:35.340 65
1
9
2 5 Australia Jack Brabham
United Kingdom Brabham 02:06:43.220 65
4
6
3 6 New Zealand Denny Hulme
United Kingdom Brabham +1 lap 64
6
4
4 12 United States Richie Ginther
Japan Honda +1 lap 64
3
3
5 15 United States Dan Gurney
United States Eagle +1 lap 64
9
2
6 22 Sweden Jo Bonnier
United Kingdom Cooper-Climax +2 laps 63
12
1
7 2 United Kingdom Peter Arundell
United Kingdom Lotus +4 laps 61
17
0
8 14 United States Ronnie Bucknum
Japan Honda +5 laps 60
13
0
RIT 11 Mexico Pedro Rodríguez
United Kingdom Lotus Differential 49
8
0
RIT 17 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom McLaren Engine 40
14
0
RIT 19 Switzerland Jo Siffert
United Kingdom Cooper-Climax Suspension 33
11
0
RIT 8 Austria Jochen Rindt
United Kingdom Cooper-Climax Suspension 32
5
0
RIT 10 United Kingdom Innes Ireland
United Kingdom BRM Transmission 28
16
0
RIT 4 United Kingdom Jackie Stewart
United Kingdom BRM Oil Leak 26
10
0
RIT 16 United States Bob Bondurant
United States Eagle Fuel System 24
18
0
RIT 3 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom BRM Engine 18
7
0
RIT 1 United Kingdom Jim Clark
United Kingdom Lotus Gearbox 9
2
0
RIT 9 Mexico Moisés Solana
United Kingdom Cooper-Climax Overheating 9
15
0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di Formula 1, Pallamano e vinili. Mi occupo di Google ADS e SEO. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.