fbpx
1980-1989Formula 1On this day

Gran Premio di Dubai: quando la spettacolarizzazione è tutto

Mettete insieme nello stesso tracciato uomini del calibro di Stirling Moss, Jack Brabham, John Surtees, Denny Hulme e Juan Manuel Fangio: cosa otterrete?

Parti delle attuali Corniche Road e Al Khaleej Road furono raccordate per creare il primo circuito automobilistico degli Emirati Arabi Uniti, una pista di 2,625 chilometri costruita da zero nel 1981 nella sabbia intorno nell’allora nuovo e isolato Hyatt Regency.

L’elenco dei piloti che presero parte a quello che fu annunciato come il Gran Premio di Dubai il 4 dicembre 1981 era tanto lungo quanto improbabile, e non furono solo le stelle del passato a venire in città per l’evento durato due giorni.

La stagione di Formula 1 di quell’anno si era conclusa a Las Vegas il 19 ottobre, con il pilota brasiliano Nelson Piquet che si aggiudicava quello che poi si sarebbe rivelato il primo dei suoi tre titoli iridati. Piquet non venne a Dubai, ma la griglia della Formula 1 contemporanea era rappresentata da John Watson, un giovane Nigel Mansell, Keke Rosberg e Brian Henton.

locandina gran premio dubai 1981In verità, il Gran Premio di Dubai, organizzato sotto il patrocinio dello sceicco Rashid bin Saeed Al Maktoum per celebrare il decimo anniversario della fondazione degli Emirati Arabi Uniti, non aveva alcun motivo per definirsi un Gran Premio. Nonostante i grandi nomi, era stato un affare particolarmente modesto e quasi interamente britannico: fu organizzato da Martin Hone, un imprenditore venuto dalla perfida Albione e pilota amatoriale di Porsche che, dalla fine degli anni ’60, aveva cercato di convincere il consiglio comunale di Birmingham che la sua città natale doveva avere una gara automobilistica sulle sue strade.

Dubai sarebbe stata una prova generale. Cinque anni dopo il Gran Premio di Dubai, Hone avrebbe avuto la meglio e, dal 1986 al 1990, nacque il Birmingham Superprix, una serie di corse – ospitò sia la Formula 3000 che la BTCC – su un circuito di 3,8 chilometri attorno al centro della città.

Conoscevo Martin e mi ha chiamato, perché ero ragionevolmente conosciuto, suppongo“, disse Moss. Dubai era “una cosa divertente per cui andare… cibo fantastico, bel tempo e gente simpatica“.

L’evento era stato impostato da una parata di apertura che ha caratterizzato berline, dune buggy, go-kart, una banda della polizia e – presumibilmente sulle vicine acque del Golfo – una dimostrazione del Dubai Water-Ski Club. Se ciò non bastasse, la parata era guidata da Walt Cunningham, un astronauta della NASA in pensione che aveva orbitato intorno alla Terra nel 1967 come uno dei tre uomini dell’equipaggio dell’Apollo 7.

Il primo evento fu una gara fra berline di 10 giri, per celebrità e monomarca. Grazie agli interessi commerciali dello sponsor principale dell’evento, Moss e soci si ritrovarono a gareggiare con delle Citroen CX.

Quinto in quella storica giornata a Monaco era Dan Gurney, l’asso americano ex pilota Porsche, Lotus e Eagle: Sir Stirling Moss fu lieto di vederlo di nuovo a Dubai. Nessuno dei due, è giusto dire, prese quell’incontro così seriamente come vent’anni prima.

Dan Gurney, mi sembra di ricordare, spargeva spesso ovunque sabbia sulla pista, spingendo la gente fuori“, ridacchiò Moss. “In effetti, sono stato spinto fuori da Dan, credo”.

Len Chapman, un australiano che è venuto a Dubai nel 1971 come ingegnere per aiutare a costruire quello che è diventato Port Rashid – e ha finito per rimanerci per tre decenni – ricorda bene il Gran Premio. “È stato organizzato in parte per promuovere Dubai e il porto di Jebel Ali, ma il progetto non decollò mai completamente“.

Ci sarebbero voluti altri 28 anni prima che la Formula 1 arrivasse negli Emirati Arabi Uniti. Tuttavia, “era già molto popolare”, dice Chapman. “Abbiamo vissuto l’evento entrambi i giorni. Dubai era tagliata fuori da tutto allora” la strada per Abu Dhabi era stata completata solo l’anno prima “quindi qualsiasi cosa del genere attirava l’attenzione. Un sacco di gente era lì, che gli piacesse o meno l’automobilismo“.

Fangio non ha preso parte alla gara delle celebrità. L’argentino – noto da tutti come El Maestro – ha dominato il primo decennio della Formula 1, vincendo cinque campionati del mondo tra il 1950 e il 1958, con mezzi poi divenuti leggendari come la Mercedes-Benz W196 e la Maserati 250F.

Tuttavia, si riunii a Dubai con il suo vecchio compagno di squadra Mercedes Moss, e i due fecero dei giri dimostrativi a bordo di una Mercedes e una Maserati. L’evento divenne quasi tragicamente memorabile quando Fangio, allora 70enne, soffrì di un sospetto attacco di cuore, anche se si riprese dopo una settimana in ospedale.

Il risultato di Hone a Dubai fu impressionante. Senza auto, commissari, piloti e persino pista negli Emirati Arabi Uniti, riuscì a creare l’intero “spettacolo” in pochi mesi. È vero, le auto moderne di Formula Uno erano poche – tre, tra cui la Lotus con cui il pilota americano Mario Andretti fu protagonista eseguendo dei giri dimostrativi – ma c’era ancora una discreta quantità di azione competitiva in pista.

In qualche modo, Hone era riuscito a convincere l’Aston Martin Owners’ Club a inviare 16 dei suoi membri dal Regno Unito, insieme a una collezione inestimabile di vetture, che andavano da una Spa Special del 1948 a una DB4GT del 1962.

Altri 14 piloti britannici presero parte alla Marlboro Cup, una gara per auto sportive classiche. Con ogni probabilità il Nick Mason che guidava una Ferrari 512S del 1970 non era altri che l’omonimo batterista dei Pink Floyd, appassionato di auto da corsa classiche e che all’epoca gareggiava regolarmente nella 24 ore di Le Mans.

L’evento finale della giornata era una gara per piloti locali su ciò che restava delle Citroen; vi parteciparono 9 inglesi, uno svedese e un americano. C’erano anche due emiratini. Non si sa se il maggiore Saeed Khalfan e il tenente Abdullah Omar presero effettivamente parte a questa gara, ma se lo fecero ebbero l’onore di essere i primi made in EAU a gareggiare su un circuito automobilistico nella loro nazione.

Un gigantesco circo con nomi altisonanti insomma, che ha creato il primo precedente di una lunga serie di manifestazioni motoristiche rivolte al passato, passando da Goodwood fino al nostrano Minardi Day. Sperando che la tradizione continui.

Giuseppe Lapietra

FACT CHECKING
thenationalnews.com

Giuseppe Lapietra

Classe '90, tante esperienze lavorative alle spalle, ma una sola passione, quella dei motori. Arriva tardivamente a conoscere la Formula 1, chiedendosi poi perché non l'abbia conosciuta prima. Il lato amarcord lo scopre quasi per scherzo grazie a una pagina FB che fonda assieme ad un amico, restandole ammaliato. Guardo comunque al futuro! Si diletta nella fotografia, e strizza un occhio anche alla tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.