1960-1969Formula 1On this day

GP Spagna 1969: dal successo di Stewart alla paura in casa Lotus

Il 4 maggio 1969, la Formula 1 fece tappa, per la prima volta sul tracciato cittadino di Barcellona lungo 3.791 metri e disegnato all’interno del parco di Montjuïc. L’impianto che prese il nome dall’omonimo parco fu sviluppato nei pressi dello Stadio Olimpico, lungo il lato settentrionale di una collina, tra larghi viali e curve rischiose. Il progetto iniziale aveva preso forma nei primi anni ’30, prima dello scoppio della guerra civile spagnola e , vista l’accesa rivalità tra i catalani e i madrileni , fu deciso di alternare il circuito di Jarama con quello di Barcellona.

Nel frattempo, nei due mesi di pausa tra il GP spagnolo e quello del Sudafrica, i team e piloti si cimentarono nella Race of Champions a Brands Hatch e l’International Trophy a Silverstone. Il primo trofeo andò a Jackie Stewart con la Matra International di Ken Tyrrell mentre Jack Brabham si aggiudicò la gara inglese grazie ai nuovi motori Cosworth.

Mentre il 30 marzo,  il circus dovette dire addio a Lucien Bianchi, scomparso mentre provava a Le Mans;  il pilota italo belga doveva prendere parte al campionato di Formula 1 con la Cooper BRM.

Le qualifiche del sabato

Come previsto, la partecipazione all’evento fu scarsa: con soli 14 piloti iscritti, fu Jochen Rindt a conquistare la pole, affiancato dall’unica Ferrari di Chris Amon e dall’altra Lotus di Graham Hill. In seconda fila si piazzarono Jackie Stewart su Matra e Jack Brabham con l’omonima scuderia.
Più indietro,  con un distacco di oltre 2.5 secondi,  arrivarono Jo Siffert con la terza Lotus del team Rob Walker, poi Jacky Ickx su Brabham e Denny Hulme con la McLaren Ford.

GP Spagna 1969
© Cahier Archive

La gara

Allo sventolare della bandiera verde, un ottimo scatto dello svizzero Siffert, bruciò tutti portandosi subito alle spalle di Rindt e Amon, mentre dietro si accodarono Hill, Brabham, Stewart e Ickx.
Nel corso del settimo giro,  Hill si riprese la posizione mentre,  i due piloti di testa iniziarono a dare un bel ritmo alla gara.

Due giri più tardi la Lotus 49B del pilota di Hampstead, fu vittima di un brutto incidente causato dal cedimento della mega ala posteriore. Hill perse il controllo della propria monoposto ad oltre 150 km/h e finì per impattare contro le barriere di protezione sul rettilineo dei box. Fortunatamente il pilota inglese si salvò uscendo da una vettura praticamente distrutta.

Nel frattempo,  al box della Lotus, Dave Sims ingegnere capo di Hill, supplica Chapman di richiamare Rindt ai box, perché i tanti dislivelli del circuito catalano potrebbero causare un problema simile anche sulla vettura del pilota austriaco.

Il team principal della scuderia inglese, ignora il messaggio viste le ottime prestazioni di Rindt, ormai solitario al comando.

Ma al 19° passaggio, alla Lotus numero 2, l’alettone posteriore cede improvvisamente: il posteriore si solleva e sbatte contro il guard rail e finisce contro la vettura del compagno di squadra, lasciata a bordo pista. La vettura di Rindt si ribalta, ma fortunatamente i soccorsi sono rapidissimi tanto da riuscire ad estrarre il pilota della Lotus, che alla fine ne uscirà con una commozione cerebrale e diverse fratture alla mandibola e al naso.

Il ritiro delle due Lotus, permise alla Ferrari di Amon di passare al comando fino alla tornata numero 56, momento che purtroppo mise ko la Ferrari del pilota neozelandese, tradita dal motore come accadde anche a Siffert,  tradito da una perdita d’olio nel corso del giro numero 30.

La leadership passò a Stewart davanti a Ickx, McLaren e Beltoise. Grazie ad un consistente vantaggio, lo scozzese si aggiudicò la sua 7° vittoria in carriera, seguito da Bruce McLaren, mentre Ickx decide di ritirarsi in via precauzionale quando,  alla bandiera a scacchi,  mancavano solo 7 giri. Sul podio salì Beltoise mentre a punti finirono Denny Hulme, John Surtees e lo stesso Jacky Ickx.

La classifica finale del GP di spagna 1969

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 7 United Kingdom Jackie Stewart
France Matra 02:16:54.000 90
4
9
2 6 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom McLaren +2 laps 88
13
6
3 8 France Jean-Pierre Beltoise
France Matra +3 laps 87
12
4
4 5 New Zealand Denny Hulme
United Kingdom McLaren +3 laps 87
8
3
5 14 United Kingdom John Surtees
United Kingdom BRM +6 laps 84
9
2
6 4 Belgium Jacky Ickx
United Kingdom Brabham +7 laps 83
7
1
RIT 9 Mexico Pedro Rodríguez
United Kingdom BRM Engine 73
14
0
RIT 15 New Zealand Chris Amon
Italy Ferrari Engine 56
2
0
RIT 3 Australia Jack Brabham
United Kingdom Brabham Engine 51
5
0
RIT 10 Switzerland Jo Siffert
United Kingdom Lotus Oil Leak 30
6
0
RIT 2 Austria Jochen Rindt
United Kingdom Lotus Accident 19
1
0
RIT 11 United Kingdom Piers Courage
United Kingdom Brabham Engine 18
11
0
RIT 2 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom Lotus Accident 8
3
0
RIT 12 United Kingdom Jackie Oliver
United Kingdom BRM Oil Pipe 1
10
0

 

Silvano Lonardo

Founder di F1world e appassionato di Formula 1, Pallamano e vinili. Mi occupo di Digital Strategist. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.