fbpx
1990-1999Formula 1On this day

GP San Marino 1998, Coulthard stravince, Schumi ci crede

Il ritiro di Hakkinen è l'unica nota stonata del dominio McLaren

Il digiuno di vittorie Ferrari sulle rive del Santerno dura ormai dal 1983, e non sarà l’edizione ’98 a scrivere la parola fine. Eppure, il duo di Maranello, che per il terzo anno consecutivo è composto da Schumacher e Irvine, ci va vicino. Secondo chiude il Kaiser, terzo l’irlandese, con Coulthard a dettare legge. E’ l’anno del duello Ferrari-McLaren e la tappa di Imola decreta una sostanziale parità: dieci punti per l’armata di Woking, figli del successo dello scozzese, altri dieci per la Ferrari, grazie ai due ultimi gradini del podio. Poco male in ottica campionato, visto che Schumi rosicchia sei punti a Hakkinen, finito k.o. con il cambio fuori uso.

UNA MACCHINA DI TROPPO

Siamo lontani dagli anni di crisi, eppure a Maranello c’è sempre qualcosa su cui recriminare. “Una buona performance – commenterà il ds Jean Todt – ma c’è ancora una macchina di troppo davanti a noi”. Sarebbero state due, senza il ritiro di Hakkinen. L’ex calimero della Formula 1, che aveva colto il suo primo successo solo qualche mese prima a Jerez, è la rivelazione del ’98. Con i successi di Australia e Brasile, Mika arriva a Imola in testa al Mondiale.

Il team di Woking domina le qualifiche in Emilia Romagna, e anche la gara all’inizio procede secondo copione. In testa Coulthard, scortato da Hakkinen che è in procinto di incamerare altri preziosi punti. I guai avvengono tutti nelle retrovie, dove al via Jan Magnussen (padre di Kevin) tampona la Stewart del compagno Barrichello, che pochi metri dopo sbanda e finisce fuori. Contatto anche tra la Jordan di Hill e la Benetton di Wurz, che viene urtato dall’inglese (il quale si ferma subito a cambiare il musetto) e poco dopo si ritira con il motore fuori uso.

Al 16esimo passaggio, ecco però che i guai colpiscono pure la McLaren, con Hakkinen costretto a farsi da parte per problemi al cambio: è il suo primo stop stagionale. Si rifarà con gli interessi nelle due corse successive, Spagna e Montecarlo, dove vincerà a mani basse.

Vittoria dunque a Coulthard, con il solo brivido dei giri finali, quando lo scozzese cala il ritmo ritrovandosi con quattro secondi di margine su Michael, da 25 che erano a metà gara (“Ma ho solo gestito la vettura” si giustificherà il pilota McLaren).  Schumi raccoglie quanto rimane, mentre Irvine strappa l’ultimo gradino del podio a Villeneuve, tradito dalla strategia Williams, che quell’anno era passata ai motori Mecachrome dopo anni di sodalizio con Renault. Chiuderanno la zona punti – all’epoca estesa ai primi sei – l’altra Williams di Frentzen e la Sauber del redivivo Alesi.

SCHUMI CI CREDE

Nel dopo-corsa, alla Ferrari non rimane che raccogliere quanto preso, in vista di tempi migliori. “Il dominio McLaren è un dato di fatto, ma sono a soli sei punti da Hakkinen. Se la Goodyear fa un buon lavoro, possiamo ancora giocarcela” dice Schumacher. Sul fronte nemico, si insinua il problema di una convivenza difficile: Coulthard ha vinto, il caposquadra Hakkinen è finito fuori, così i due sono quasi pari. “Non parliamone nemmeno” taglia corto David. Anche se Mika qualche dubbio ce l’ha: “Mah, può essere che d’ora in poi sarà più difficile gestirci”.

Nota di margine: il GP San Marino ’98 è anche l’ultimo in cui sono ammessi i cosiddetti ‘candelabri’, alettoni laterali altissimi, più dell’airscoop, e terribilmente antiestetici. Per di più, pericolosi. A decretarne la fine è l’allora presidente FIA Max Mosley: “Immaginate se uno di quegli alettoni dovesse staccarsi in un contatto e finire contro qualcuno…”. Già, all’epoca mica c’era l’Halo.

L’ordine di arrivo del GP di San Marino 1998

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 7 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren 01:34:25.400 62
1
10
2 3 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:34:29.954 62
3
6
3 4 United Kingdom Eddie Irvine
Italy Ferrari 01:35:17.175 62
4
4
4 1 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom Williams 01:35:19.990 62
6
3
5 2 Germany Heinz-Harald Frentzen
United Kingdom Williams 01:35:42.876 62
8
2
6 14 France Jean Alesi
Switzerland Sauber +1 lap 61
12
1
7 10 Germany Ralf Schumacher
Ireland Jordan +2 laps 60
9
0
8 23 Argentina Esteban Tuero
Italy Minardi +2 laps 60
19
0
9 17 Finland Mika Salo
United Kingdom Arrows +2 laps 60
14
0
10 9 United Kingdom Damon Hill
Ireland Jordan Hydraulics 57
7
0
11 11 France Olivier Panis
France Prost +6 laps 56
13
0
RIT 20 Brazil Ricardo Rosset
United Kingdom Tyrrell Engine 48
22
0
RIT 21 Japan Toranosuke Takagi
United Kingdom Tyrrell Engine 40
15
0
RIT 12 Italy Jarno Trulli
France Prost Throttle 34
16
0
RIT 22 Japan Shinji Nakano
Italy Minardi Engine 27
21
0
RIT 16 Brazil Pedro Paulo Diniz
United Kingdom Arrows Engine 18
18
0
RIT 8 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren Gearbox 17
2
0
RIT 5 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Benetton Spun off 17
10
0
RIT 6 Austria Alexander Wurz
Italy Benetton Engine 17
5
0
RIT 15 United Kingdom Johnny Herbert
Switzerland Sauber Puncture 12
11
0
RIT 19 Denmark Jan Magnussen
United Kingdom Stewart Transmission 8
20
0
RIT 18 Brazil Rubens Barrichello
United Kingdom Stewart Spun off 0
17
0

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.