fbpx
1970-1979Formula 1On this day

GP Gran Bretagna 1973: la prima vittoria di Revson e la paurosa carambola al via

Il 14 luglio 1973, andò in scena a Silverstone: la gara rimarrà nella storia per l'incidente scatenato da Scheckter al primo giro

Il GP di Gran Bretagna segnò il giro di boa del campionato del mondo di Formula 1 datato 1973 e grazie ai tre punti conquistati in Francia Jackie Stewart si ritrovò in testa alla classifica piloti con un solo punto di vantaggio su Emerson Fittipaldi e 11 su François Cevert.

Come di consueto il GP di Gran Bretagna fu il momento giusto per far debuttare i giovani piloti: McLaren assegnò la terza vettura a Jody Scheckter mentre alla March fece il suo debutto la stella emergente britannica Roger Williamson al posto del dimissionario Jean-Pierre Jarier. Il Team Surtees decise di portare una terza vettura affidandola a Jochen Mass, mentre John Watson fece la sua prima apparizione con la Brabham BT37 del team Ceramica Pagnossin Team MRD. In pista esordì anche la nuova Brabham BT 42 affidata ad Andrea De Adamich, mentre Frank Williams affittò la sua seconda Iso Marlboro al neozelandese Graham McRae.
Alla gara si iscrissero anche Mike Beuttler, David Purley e James Hunt entrambi con una March Ford privata, invece Chris Amon corse sulla Tecno del team Martini Racing.

La griglia di partenza

Le qualifiche videro il vincitore del GP di Francia, Ronnie Peterson conquistare la pole position piazzando la sua Lotus davanti alle due McLaren di Denny Hulme e Peter Revson. In seconda fila si piazzarono Stewart con la Tyrrell e Fittipaldi con la seconda Lotus. Scheckter si aggiudicò la sesta piazzola schierandosi al fianco della Tyrrell di Cevert e la Brabham di Carlos Reutemann. A chiudere la top 10 le due BRM di Niki Lauda e Clay Regazzoni.

La gara

Alla partenza Lauda rimase piantato in griglia a causa della rottura dell’albero di trasmissione e finendo per essere tamponato dalla Shadow di Jack Oliver, mentre in testa Peterson prese il comando della gara. La leadership del pilota svedese durò meno di un giro prima di essere infilato da Stewart, mentre al terzo posto si piazzò Reutemann dopo una partenza lampo dall’ottava posizione e seguito da un velocissimo Scheckter, alla sua quarta gara nella categoria regina, e dalla McLaren del neozelandese Hulme.

Ma arrivati alla Woodcote, il giovane pilota sudafricano mise le due ruote sull’erba e si girò finendo contro il muretto e rimbalzando a centro pista mentre arrivava tutto il gruppo centro, ancora compatto; fu il caos!
Otto vetture oltre a alla McLaren di Scheckter dovettero abbandonare la gara; tra queste c’era anche De Adamich, rimasto intrappolato tra le lamiere con una serie di fratture. Mentre si attendeva l’intervento dei vigili del fuoco con le forbici ad aria compressa per liberare il pilota triestino si avvicinò Stirling Moss che lo intervistò in diretta. Imbottito di morfina De Adamich raccontò come Scheckter causò quel groviglio di auto e come il giovane debuttante Williamson riuscì a beffare il destino.
Alla fine ci volle più di mezz’ora per estrarre De Adamich dalla sua macchina e poi un’altra ora prima che la gara potesse ricominciare con solo 19 vetture.

GP gran bretagna 1973 incidente
© Twitter

Alla seconda partenza si mise in luce Lauda: da nono a secondo grazie allo spazio libero davanti se. In testa c’era ancora Peterson, mentre si accodarono al pilota austriaco Stewart, Fittipaldi, Hulme, Revson e Cevert.
Al 2° giro Stewart passò Lauda, superato poi anche da Fittipaldi nel corso della settima tornata.
Il testacoda di Stewart per un problema al cambio lasciò pista libera a Revson, Hulme, Hunt , Cevert e Reutemann che nel frattempo si sbarazzarono della BRM di Lauda alle prese con i soliti problemi.

GP gran bretagna 1973 partenza
© Getty Images

Nel frattempo la folkloristica Hesketh di Hunt suonò la carica permettendo ad Hunt di fare il giro veloce.

La classifica non mutò fino 37esimo giro momento che segnò il ritiro di Fittipaldi a causa della rottura dell’albero di trasmissione, situazione che diede la possibilità a Revson di sfidare Peterson per il comando della gara. Infatti due giri più tardi l’americano passò in testa al GP Gran Bretagna 1973, mentre si accese un bel duello fra Hunt che raggiunse e superò Hulme mentre Peterson rimase in difesa della seconda posizione. Purtroppo l’inesperienza del giovane pilota di Hesketh causò il degrado delle gomme regalando il podio a Hulme, propio negli ultimi passaggi del Gran Premio.

GP gran bretagna 1973 Revson
© McLaren Racing Ltd.

La corsa terminò con la vittoria di Revson al suo primo successo in Formula 1, seguito dalla Lotus dello svedese in ritardo di 3 secondi e condividendo il podio con la seconda monoposto di Woking guidata da Hulme. A fine gara Revson dichiarò: “A che serve avere tre secondi di distacco quando ne basta uno?

GP Gran Bretagna 1973: LA CLASSIFICA

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 8 United Kingdom Peter Revson
United Kingdom McLaren 01:29:18.500 67
3
9
2 2 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Lotus 01:29:21.300 67
1
6
3 7 New Zealand Denny Hulme
United Kingdom McLaren 01:29:21.500 67
2
4
4 27 United Kingdom James Hunt
United Kingdom March 01:29:21.900 67
11
3
5 6 France François Cevert
United Kingdom Tyrrell 01:29:55.100 67
7
2
6 10 Argentina Carlos Reutemann
United Kingdom Brabham 01:30:03.200 67
8
1
7 19 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom BRM 01:30:30.200 67
10
0
8 3 Belgium Jacky Ickx
Italy Ferrari 01:30:35.900 67
19
0
9 25 New Zealand Howden Ganley
United Kingdom Iso Marlboro +1 lap 66
18
0
10 5 United Kingdom Jackie Stewart
United Kingdom Tyrrell +1 lap 66
4
0
11 15 United Kingdom Mike Beuttler
United Kingdom March +2 laps 65
24
0
12 21 Austria Niki Lauda
United Kingdom BRM +4 laps 63
9
0
13 28 Liechtenstein Rikky von Opel
United Kingdom Ensign +6 laps 61
21
0
RIT 11 Brazil Wilson Fittipaldi
United Kingdom Brabham Oil leak 44
13
0
RIT 1 Brazil Emerson Fittipaldi
United Kingdom Lotus Transmission 36
5
0
RIT 29 United Kingdom John Watson
United Kingdom Brabham Fuel system 36
23
0
RIT 12 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom Shadow Chassis 24
27
0
RIT 22 New Zealand Chris Amon
Italy Tecno Fuel system 6
29
0
RIT 30 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom McLaren Collision 0
6
0
RIT 23 United Kingdom Mike Hailwood
United Kingdom Surtees Collision 0
12
0
RIT 31 Germany Jochen Mass
United Kingdom Surtees Collision 0
14
0
RIT 24 Brazil Carlos Pace
United Kingdom Surtees Collision 0
15
0
RIT 20 France Jean-Pierre Beltoise
United Kingdom BRM Collision 0
17
0
RIT 9 Italy Andrea de Adamich
United Kingdom Brabham Collision 0
20
0
RIT 14 United Kingdom Roger Williamson
United Kingdom March Collision 0
22
0
RIT 16 United States George Follmer
United Kingdom Shadow Collision 0
25
0
RIT 17 United Kingdom Jackie Oliver
United Kingdom Shadow Collision 0
26
0
RIT 26 New Zealand Graham McRae
United Kingdom Iso Marlboro Throttle 0
28
0
RIT 18 United Kingdom David Purley
United Kingdom March Spun off 0
16
0

Silvano Lonardo

Founder di F1world e appassionato di Formula 1, Pallamano e vinili. Mi occupo di Digital Strategist. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.