fbpx
24 Ore di Daytona500 Miglia di IndianapolisEroi dei due mondiFormula 1IndyCar

Eroi dei due mondi | Juan Pablo Montoya

Ostile, aggressivo, schietto... Ma anche incredibilmente talentuoso e deciso

Non è un impresa semplice quella di raccontare in poche frasi chi è stato Juan Pablo Montoya, ma andiamo con ordine.

L’ESORDIO

È il 4 marzo 2001, la Ferrari arriva da un’annata vincente che ha segnato l’inizio dell’era Schumacher con il doppio titolo dell’anno prima. McLaren e Williams motorizzata Bmw però sono pronte a dare spettacolo. Fra i tanti volti conosciuti  c’è un colombiano dalla faccia tutt’altro che allegra. Cammina per il paddock, pronto a dimostrare anche al mondo della F1 quale talento sia appena sbarcato ad Albert Park. Il suo curriculum è ben diverso da quello di un qualsiasi rookie. Può infatti vantare la vittoria al debutto sia nel campionato CART che nella 500 miglia di Indianapolis (esattamente come Graham Hill nel 1966). L’esordio però non è dei migliori, il motore lo tradisce al 40esimo giro mentre si trova in terza posizione.

GLI ANNI IN F1 CON LA WILLIAMS

Juan Pablo Montoya Williams
© jpmontoya.com

Il colombiano conclude sesto in classifica generale, riuscendo però a farsi spazio tra i big con tre vittorie e altrettante pole. Non mancano inoltre le manovre spettacolari, come il maestoso sorpasso ai danni di Schumacher in Brasile. Il suo potenziale è ormai chiaro a tutti, soprattutto a Michael, con cui  si scontrerà in pista e non solo.

Nel 2002 purtroppo la Ferrari è troppo forte per permettere a Montoya di cogliere più di qualche podio. L’uomo è costretto ad aspettare l’anno successivo per vincere ancora. Nel 2003 infatti la lotta per il titolo vede lui, Schumacher e  Kimi Raikkonen (con cui Montoya aveva condiviso l’esordio, assieme ad un altro pilota qualunque, un certo Fernando Alonso). Ferrari, McLaren e Williams hanno infatti prestazioni molto simili, e i tre  sono pronti a spremere all’osso le loro vetture per imporsi sugli avversari. Juan resta in lizza fino alla fine, per poi perdere ogni speranza dopo un incidente con Barrichello in America e un ritiro tecnico in Giappone.

Juan Pablo Montoya con Michael Schumacher, Bernie Ecclestone e Kimi Raikkonen
© jpmontoya.com

IL PASSAGGIO ALLA MCLAREN

Nel 2004 le cose per lui non vanno meglio, un passaggio annunciato troppo presto alla McLaren e un Cavallino  invincibile gli impediscono di cogliere un’ ultima vittoria con Sir Frank Williams, con cui correva dal 1998. Nel 2005 e nel 2006 fa fatica ad adattarsi all’auto di Ron Dennis e con un Iceman cannibale gli è impossibile brillare.

L’ADDIO

Juan Pablo Montoya Nascar
© jpmontoya.com

A fine 2006 si sa già che la McLaren avrebbe cambiato del tutto il proprio schieramento, arruolando Fernando Alonso e il rookie Lewis Hamilton, ancora ignaro di cosa il futuro gli nasconda. Montoya è consapevole che non ci sia più posto per lui nel campionato, ed annuncia il suo ritiro dal mondo della F1, senza essersi mai tolto la soddisfazione di un titolo mondiale. Nonostante le 7 vittorie e le 13 pole position infatti, ogni appassionato dentro di sé sa che il talento per alzare quella coppa era ben più che sufficiente, e con più fortuna ora parleremmo di ben altro.

Juan Pablo Montoya però non si lascia abbattere, e riesce subito a trovare un posto nel campionato NASCAR, in cui però non ottiene grandi risultati. Le vittorie di certo non mancano, vince infatti la 24h di Daytona e, a 15 anni di distanza, la 500 miglia di Indianapolis.
La sua figura è tutt’ora una delle più iconiche, grazie al suo carattere da duro che nasconde però un cuore buono e alle sue incredibili manovre. Forse il suo allontanamento dal campionato gli ha fatto bene, uno come lui avrebbe sofferto non poco a sopportare le contraddizioni dell’ obbligato perbenismo moderno.

Juan Pablo Montoya 24 Ore di Le Mans
© jpmontoya.com

Nicolò Laffranchi

Mi chiamo Nicolò Laffranchi e ho 19 anni, liceale con una forte passione per i motori e per le corse, che mi tengono compagnia ogni weekend da alcuni anni a questa parte.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.