1900-19091990-1999BiografieOn this dayTarga Florio

Elisabeth Junek: la donna più veloce del motorsport

Considerata uno dei più grandi piloti femminili nella storia delle corse automobilistiche del Grand Prix,  con il dominio comunista in Cecoslovacchia, è stata ampiamente dimenticata fino a poco tempo fa. Ha quasi vinto la Targa Florio del 1928 con la sua Bugatti di tipo 35B.

Nata come Alzbeta Pospíailová, usava il nome Elisabeth Junek e proveniva dalla città di Olomouc in Moravia.

Soprannominata “smisek” per il suo sorriso sempre presente, sognava di viaggiare per il mondo e amava studiare le lingue straniere. Ha trovato lavoro nella banca di Olomouc ed è lì che ha incontrato Vincenc “Cenek” Junek, un giovane ambizioso che era stato dimesso dall’esercito dopo essere stato colpito alla mano.
elisabeth junek
Vincenc adorava le auto e le corse e nel 1922 vinse la salita in collina Zbraslav-Jiloviste. Nello stesso anno ha anche sposato Eliska. Iniziarono a correre insieme in occasione di eventi locali, ma a causa della sua ferita durante la guerra, Cenek ebbe difficoltà a cambiare marcia e così Eliska, assunse la guida.

Quell’anno acquistarono una Mercedes e una Bugatti Type 30 che avevano gareggiato nel Grand Prix de France a Strasburgo. Cenek diede la Bugatti a sua moglie nel 1923.

Man mano che Eliska acquistava fama in tutta Europa, il suo nome era anglicizzato in Elisabetta e nel 1926 era abbastanza brava da  poter competere in gare in giro per l’Europa contro i migliori piloti maschi dell’epoca.

Nel 1926, gareggiò  nella Targa Florio in Sicilia, una gara in cui la forza fisica era una necessità a causa della natura del percorso molto accidentato e spesso fangoso. Sebbene il suo veicolo si fosse schiantato ed era fuori gara, la sua prestazione le valse un grande rispetto. Poco dopo, vinse la classe di auto sportive da due litri a Nürburgring, in Germania, rendendola l’unica donna nella storia ad aver mai vinto una gara del Grand Prix.

Grazie alla  vittoria della Targa Florio del 1928, acquisì una nuova Bugatti Tipo 35B che le consentì di essere su un piano di parità con i migliori piloti maschi che avrebbero gareggiato. Alla fine del primo giro, Junek era quarta,  dietro il famoso Louis Chiron , ma nel  secondo giro prese il comando.

Nell’ultimo giro ebbe problemi quando due pietre comparvero  all’improvviso in mezzo alla strada, due rocce che non erano state lì nel giro precedente. Arrivò quinta, ma ha comunque battuto altri 25 piloti tra cui Luigi Fagioli, René Dreyfus, Ernesto Maserati e Tazio Nuvolari.

Di ritorno a Nürburgring a luglio, condivise la guida con suo marito e, aveva appena cambiato posto con lui quando uscirono di strada e, Cenek morì all’istante.

Devastata, rinunciò a correre e vendette tutti i suoi veicoli. Come Hellé Nice, la sua grande controparte femminile in  Francia, solo recentemente lo sforzo pioneristico di Junková è stato riconosciuto come merita.

Elisabeth Junek Targa Florio
Elisabeth Junek Targa Florio

Dal 1948 al 1964 le autorità comuniste, disapprovando il suo stile di vita borghese , si rifiutarono di permetterle di viaggiare all’estero. Visse bene e in tranquillità fino agli anni Novanta, abbastanza a lungo da veder cadere la cortina di ferro e all’età di 91 anni, contro il parere del suo medico, partecipò a una riunione di Bugatti negli Stati Uniti, come ospite d’onore.

È stata la prima donna a vincere un evento del Grand Prix.

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button