1970-1979Formula 1On this day

Doppietta delle Tyrrell a 6 ruote nel GP di Svezia 1976

Il 13 giugno 1976 andò in scena il Gran premio di Svezia, sul circuito di Anderstorp: settima prova della stagione di Formula 1.

Le squadre arrivarono in Svezia, dopo il GP di Monaco, vinto dalla Ferrari di Niki Lauda, senza apportare modifiche interessanti, perché non ci fu il tempo, visto il lungo tragitto

Alla Lotus tornò Mario Andretti dalla 500 Miglia di Indianapolis, per cui, il Team di Colin Chapman, riuscì a schierare due vetture. La scuderia di Surtees completò la seconda vettura e iscrisse alla gara  anche il pilota americano Brett Lunger. Alla Williams, era assente Jacky Ickx, impegnato a vincere la 24 Ore di Le Mans.

In qualifica la Lotus stava lavorando allo sviluppo della nuova Lotus 77 e questo permise a Mario Andretti di dimostrare il potenziale della nuova vettura, qualificandosi al secondo, proprio dietro a Jody Scheckter con la Tyrrell P34 a sei ruote. Notevole, fu la prestazione si Chris Amon che si aggiudicò la terza piazzola la Ensign, affiancato dall’altra Tyrrel di Patrick Depailler.
Solo quinto per il leader del mondiale Niki Lauda, che condivise la terza fila con la Lotus di Gunnar Nilsson. Dietro si piazzarono: James Hunt su McLaren, Jacques Laffite con la Ligier, Carlos Pace su Brabham e Ronnie Peterson con la March, che chiuse la top ten.

Al via Andretti prese subito il comando della gara, seguito da Scheckter, Depailler, Amon, Nilsson e Lauda. Ma dalla direzione gara, segnalarono alla Lotus, che il pilota italo-americano, aveva anticipato la partenza. Intanto la corsa proseguì con il sorpasso di Lauda sullo svedese Nillson, pressato dall’austriaco, finì in testacoda, gettando al vento l’opportunità di guadagnare qualche punto.

Andretti iniziò ad imporre un bel ritmo, sapendo che sarebbe arrivata la penalizzazione: infatti al quinto giro, i commissari inflissero una sanzione, al pilota italo-americano di un minuto da aggiungere al tempo finale. La Lotus, numero 5 continuò a comandare la gara, anche se, era Scheckter, il capo del plotone.

niki lauda GP svezia 1976
© Cahier Archive

La gara assunse un bel ritmo, ma senza episodi interessanti, fino al ritiro di Amon, al 39° passaggio, che finì fuori pista dopo la rottura di una sospensione. L’altro evento da segnalare fu il ritiro della seconda Lotus di Andretti, per un guasto al motore.

Lasciando condurre la corsa, alle due Tyrrell, che vinsero agiatamente il GP di Svezia e regalando la vittoria alla P34, l’unica vettura a sei ruote.

Sul podio salì anche Niki Lauda, davanti a Laffite, Hunt e Regazzoni, che nei giri finali passò Pace e Peterson.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 3 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Tyrrell 01:46:53.729 72
1
9
2 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell 01:47:13.495 72
4
6
3 1 Austria Niki Lauda
Italy Ferrari 01:47:27.595 72
5
4
4 26 France Jacques Laffite
France Ligier 01:47:49.548 72
7
3
5 11 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren 01:47:53.212 72
8
2
6 2 Switzerland Clay Regazzoni
Italy Ferrari 01:47:54.095 72
11
1
7 10 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom March 01:47:57.222 72
9
0
8 8 Brazil Carlos Pace
United Kingdom Brabham 01:48:05.342 72
10
0
9 16 United Kingdom Tom Pryce
United Kingdom Shadow +1 lap 71
12
0
10 9 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom March +1 lap 71
15
0
11 12 Germany Jochen Mass
United Kingdom McLaren +1 lap 71
13
0
12 17 France Jean-Pierre Jarier
United Kingdom Shadow +1 lap 71
14
0
13 19 Australia Alan Jones
United Kingdom Surtees +1 lap 71
18
0
14 35 Italy Arturo Merzario
United Kingdom March Engine 70
19
0
15 18 United States Brett Lunger
United Kingdom Surtees +2 laps 70
24
0
RIT 24 Austria Harald Ertl
United Kingdom Hesketh Spun Off 54
23
0
RIT 34 Germany Hans Joachim Stuck
United Kingdom March Engine 52
20
0
RIT 5 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Engine 45
2
0
RIT 22 New Zealand Chris Amon
United Kingdom Ensign Accident 38
3
0
RIT 21 France Michel Leclère
United Kingdom Wolf-Williams Engine 20
25
0
RIT 37 Australia Larry Perkins
Netherlands Boro Engine 18
22
0
RIT 30 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi Handling 10
21
0
RIT 32 Switzerland Loris Kessel
United Kingdom Brabham Accident 5
26
0
RIT 6 Sweden Gunnar Nilsson
United Kingdom Lotus Accident 2
6
0
RIT 7 Argentina Carlos Reutemann
United Kingdom Brabham Engine 2
16
0
RIT 28 United Kingdom John Watson
United States Penske Accident 0
17
0
DNQ 33 Denmark Jac Nelleman
United Kingdom Brabham No Time 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button