fbpx
1990-1999Formula 1On this day

Damon Hill e la Williams imprendibili a Imola 1996

Il pilota inglese fa il bis sul Santerno e mette le mani sul titolo

locandina Imola 1996Il week-end nerissimo di Imola nel 1994, per la Williams è più che altro un ricordo scomodo e doloroso. Il ’95 e il ’96 sono anni decisamente più dolci per la scuderia di papà Frank sul Santerno: Damon Hill, il 5 maggio 1996, bissa la vittoria dell’anno precedente.

Che non era valsa però per il titolo, al contrario di quella stagione dominata e vincente che riportò il titolo alla scuderia. Un titolo che forse sarebbe dovuto essere proprio di Senna.

A Imola la Ferrari porta una F310 più pimpante: con un motore appositamente costruito per le qualifiche, Michael Schumacher, al primo anno con la scuderia di Maranello, riesce a centrare la sua prima pole position stagionale, mettendosi dietro entrambe le Williams-Renault di Damon Hill e Jacques Villeneuve. La prima pole-position a Imola con la Rossa.

gp san marino 1996 partenza
© F1.com

Allo spegnimento dei semafori

Al via, però, la Rossa numero 1 non parte benissimo, e da il via libera prima alla FW18 di Hill e poi alla McLaren di David Coulthard, autore di una partenza perfetta che gli permise di conquistare la testa della corsa fin dalla prima curva. Al valzer dei pit-stop, però, Hill sfrutta la propria strategia con un maggior carico di carburante sulla sua Williams, passando al comando e mantenendo un ritmo inarrivabile per tutti.

Nel frattempo Schumacher riuscì a passare lo scozzese, osso ben duro, il quale poco prima del traguardo dovette ritirarsi per un problema al cambio.

Fu la sospensione della sua Williams, invece, a tradire Jacques Villeneuve, che dovette abbandonare la gara quando era risalito fino alla sesta piazza. Il team di Grove, fortunatamente, potè festeggiare grazie alla quarta affermazione di Damon Hill, primo al traguardo davanti a Schumacher e alla Benetton di Gerhard Berger, e autore del giro più veloce al 49° passaggio in 1:28:931.

“Devo dire che quando Newey mi ha proposto di rientrare ai box, non ero così convinto. Invece l’esito è stato positivo. E’ stata una corsa stupenda. Hakkinen e Panis mi hanno aiutato un po’, rallentando Schumacher nella fase delicata della corsa”, dice il futuro campione del mondo 1996 ai microfoni a fine gara. Sorprendono però le parole di Frank Williams, del tutto discorde con questo andazzo: “La Ferrari si è avvicinata molto a noi. Proprio per questa competitività, non è giusto che alcune macchine rallentino gli altri. Anche Lamy lo ha fatto con Damon. Non trovo giusto giocarsi le corse in questo modo, per responsabilità altrui”. Chapeu Damon. Ma soprattutto, chapeau Sir Frank Williams.

La classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 5 United Kingdom Damon Hill
United Kingdom Williams 01:35:26.156 63
2
10
2 1 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:35:42.616 63
1
6
3 4 Austria Gerhard Berger
Italy Benetton 01:36:13.047 63
7
4
4 2 United Kingdom Eddie Irvine
Italy Ferrari 01:36:27.739 63
6
3
5 11 Brazil Rubens Barrichello
Ireland Jordan 01:36:44.646 63
9
2
6 3 France Jean Alesi
Italy Benetton +1 lap 62
5
1
7 10 Brazil Pedro Paulo Diniz
France Ligier +1 lap 62
17
0
8 7 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren Engine 61
11
0
9 20 Portugal Pedro Lamy
Italy Minardi +2 laps 61
18
0
10 22 Italy Luca Badoer
Italy Forti +4 laps 59
21
0
11 6 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom Williams Suspension 57
3
0
RIT 9 France Olivier Panis
France Ligier Engine 54
13
0
RIT 18 Japan Ukyo Katayama
United Kingdom Tyrrell Spun Off 45
16
0
RIT 8 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren Hydraulics 44
4
0
RIT 16 Brazil Ricardo Rosset
United Kingdom Footwork Engine 40
20
0
RIT 17 Netherlands Jos Verstappen
United Kingdom Footwork Hydraulics 38
14
0
RIT 12 United Kingdom Martin Brundle
Ireland Jordan Spun Off 36
12
0
RIT 15 Germany Heinz-Harald Frentzen
Switzerland Sauber Brakes 32
10
0
RIT 21 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Minardi Engine 30
19
0
RIT 14 United Kingdom Johnny Herbert
Switzerland Sauber Electrical 25
15
0
RIT 19 Finland Mika Salo
United Kingdom Tyrrell Engine 23
8
0
DNQ 23 Italy Andrea Montermini
Italy Forti 107% rule 0
22
0

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.