1970-1979Formula 1On this day

Carlos Reutemann regala alla Ferrari la vittoria al GP di Gran Bretagna 1978

Il 16 luglio 1978, si disputò il decimo appuntamento stagionale sul circuito di Brands Hatch. Dal punto di vista tecnico, la Lotus portò una versione migliorata della versione 79, mentre sulla Arrows fu montato una sorta di microcomputer, tecnologia che avrebbe aiutato il team nel controllare la vettura e apportare delle modifiche all’assetto.

Nelle qualifiche del sabato, videro nuovamente la supremazia delle due Lotus, con la pole position di Ronnie Peterson, che in questa occasione, riuscì a battere il compagno di squadra Mario Andretti, leader del mondiale. Seconda fila per Jody Scheckter con la Wolf, affiancato da Niki Lauda con la Brabham, mentre John Watson, compagno di squadra dell’austriaco, finì solo al nono posto. Riccardo Patrese con la Arrows e Alan Jones su Williams condivisero la terza fila in griglia facendo meglio della Ligier di Jacques Laffite e Carlos Reutemann su Ferrari. La top 10 si completò con Patrick Depailler su Tyrrell mentre Gilles Villeneuve e James Hunt si piazzarono rispettivamente alla 13° e alla 14° piazzola.

partenza gp gran bretagna 1978
© John Millar

Allo start, Andretti prese subito il comando, scavalcando Peterson: nel corso dei primi giri sembrava di rivedere una delle precedenti gare con il dominio totale delle due Lotus . Dietro la coppia di testa si accodarono Scheckter, Jones, Lauda e Patrese. Al settimo giro, tuttavia, il motore di Peterson iniziò ad avere qualche problema all’alimentazione del carburante, appiedando lo svedese, mentre due giri dopo, Hunt andò in testacoda alla curva Surtees. Watson che si trovava al settimo posto, fu l’unico britannico rimasto in pista. L’ordine rimase invariato fino al 24° passaggio, momento in cui arrivò una foratura per Andretti, che costrinse il pilota americano ad una sosta forzata ai box; rientrato all’11° posto, la Lotus numero 5 completò altri 4 giri, prima di alzare bandiera bianca per un guasto al motore. Scheckter ereditò il comando, seguito a vista da Jones, che però dovette dire addio alla corsa per un guasto all’albero motore della sua Williams. Lauda così, salì al secondo posto, mentre il leader della gara iniziò ad accusare qualche problema al cambio, lasciando all’austriaco la leadership.
Alla 36° tornata Scheckter si ritirò facendo salire Patrese in seconda posizione, davanti a Reutemann, Watson e Didier Pironi su Tyrrell. Nel giro di pochi passaggi, Patrese e Pironi finirono per ritirarsi: l’italiano per una foratura che causò un problema ad una sospensione e il francese con la rottura dei bulloni di montaggio del cambio. Tutto questo aiutò Rosberg che si ritrovò quarto, ma messo sotto pressione da Depailler. Purtroppo la gara del finlandese terminò poco dopo per la rottura dell’ennesima sospensione.
Lauda mantenne la testa della gara, ma Reutemann, grazie alle gomme Michelin di nuova concezione, aveva un passo più competitivo. Questo favorì l’argentino, che ben presto si ritrovò al comando. La gara terminò con la vittoria della Ferrari davanti alle due Brabham di Niki Lauda e John Watson. A punti finirono anche Patrick Depailler, seguito da Hans-Joachim Stuck con la Shadow e Patrick Tambay su McLaren.

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 11 Argentina Carlos Reutemann
Italy Ferrari 01:42:12.390 76
8
9
2 1 Austria Niki Lauda
United Kingdom Brabham 01:42:13.620 76
4
6
3 2 United Kingdom John Watson
United Kingdom Brabham 01:42:49.640 76
9
4
4 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell 01:43:25.660 76
10
3
5 16 Germany Hans Joachim Stuck
United Kingdom Shadow +1 lap 75
18
2
6 8 France Patrick Tambay
United Kingdom McLaren +1 lap 75
20
1
7 33 Italy Bruno Giacomelli
United Kingdom McLaren +1 lap 75
16
0
8 30 United States Brett Lunger
United Kingdom McLaren +1 lap 75
24
0
9 19 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom Surtees +1 lap 75
25
0
10 26 France Jacques Laffite
France Ligier +3 laps 73
7
0
NC 9 Germany Jochen Mass
Germany ATS +11 laps 65
26
0
RIT 10 Finland Keke Rosberg
Germany ATS Suspension 59
22
0
RIT 17 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom Shadow Gearbox 49
17
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Turbo 46
12
0
RIT 35 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Arrows Suspension 40
5
0
RIT 3 France Didier Pironi
United Kingdom Tyrrell Gearbox 40
19
0
RIT 20 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Wolf Gearbox 36
3
0
RIT 14 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi Engine 32
11
0
RIT 37 Italy Arturo Merzario
Italy Merzario Fuel System 32
23
0
RIT 22 Ireland Derek Daly
United Kingdom Ensign Wheel 30
15
0
RIT 5 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Engine 28
2
0
RIT 27 Australia Alan Jones
United Kingdom Williams Transmission 26
6
0
RIT 12 Canada Gilles Villeneuve
Italy Ferrari Transmission 19
13
0
RIT 25 Mexico Hector Rebaque
United Kingdom Lotus Gearbox 15
21
0
RIT 7 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren Accident 7
14
0
RIT 6 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Lotus Fuel System 6
1
0
DNQ 18 United Kingdom Rupert Keegan
United Kingdom Surtees No Time 0

0
DNQ 36 Germany Rolf Stommelen
United Kingdom Arrows No Time 0

0
DNQ 23 United Kingdom Geoff Lees
United Kingdom Ensign No Time 0

0
DNQ 40 United Kingdom Tony Trimmer
United Kingdom McLaren No Time 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button