fbpx
1960-196924 ore di Le MansBiografieFormula 1On this day

JJ Lehto, una carriera spezzata troppo presto

JJ Lehto fu un pilota tanto bravo quanto sfortunato. Vincitore due volte a Le Mans, non trovò mai una vettura davvero competitiva in F1. Il suo mentore? Keke Rosberg

Jyrki Juhani Järvilehto, meglio conosciuto come JJ Lehto. Pilota con doti di spicco, compagno di squadra con la Benetton di Schumacher. Dai kart al rally per finire alle stradali, la vita di Lehto era indirizzata verso il mondo dello sterrato, ma la mancanza di sponsor e la bassa visibilità lo indussero a cambiare idea e di guidare le monoposto.

JJ Lehto - Formula 3 - Hockenheim 1988
auto123.com

Nel 1987 è campione con Formula Ford. Lo stesso anno si dedicò alla Formula 2000 e anche in quel caso vinse al primo tentativo. Lehto ci prende gusto, guidato da una buona stella si tuffa nella F3 inglese, vincendo anche in quella categoria.

LA F1, UN SOGNO CHE DIVENTA INCUBO

Il finnico non sfugge agli sguardi ed a Maranello lo vogliono a Fiorano per un test. Pochi giri e nulla di più. Nel frattempo si libera un posto nella Onyx in quanto Gachot viene licenziato ed è così che Lehto ha la sua grande opportunità. Dopo Leo Kinnunen e Keke Rosberg – Lehto l’ha sempre definito il suo mentore – il finnico è il terzo pilota nella storia della massima serie a presentarsi al via. Una stagione da dimenticare; una vettura mai all’altezza non lo aiuta, e chiuderà senza aver conquistato un punto.

Gli anni passano e la sua stella sembra essersi spenta: vetture sempre poco competitive non permisero al Lehto di mostrare il suo potenziale. Il 1993 è un anno positivo: la Sauber lo chiama per guidare la sua vettura con il motore ilmor. Finalmente Lehto può esprimersi e lo fa sin da subito. Karl Wendlinger, debuttante quell’anno, viene asfaltato dal finnico che si dimostrò sempre veloce riuscendo a portare a casa punti pesanti in diverse occasioni. Briatore lo nota e lo mette sotto contratto insieme al Kaiser.

Ma non tute le storie hanno sempre un lieto fine; JJ Lehto durante i test pre-campionato a Silverstone fu autore di un grave incidente che lo vede fuori per due week-end di gara. Al suo rientro i problemi sono tanti: Una vettura non all’altezza del finnico e dei suoi compagni Jos Verstappen, e Johnny Herbert, la Benetton-Ford venne costruita su misura per Michael e risultati furono costantemente deludenti. L’incidente di Silverstone di certo non ha aiutato e ha condizionato il pilota ed il suo rendimento. Riuscì comunque a prendere qualche punto con un sesto posto in Canada. Poi, qualche altro sporadico gran premio in sostituzione di Schumacher per via di una squalifica, ma niente di più.

Gli ultimi gran premi li disputò con la Sauber, mettendo così fine alla sua carriera in Formula 1 dopo 62 Gran Premi disputati e il miglior risultato colto a Imola nel 1991 con la Dallara della Scudera Italia, quando arrivò terzo.

L’ESPERIENZA IN ENDURANCE

JJ Lehto 24 ore di Le Mans 1995
championracing.net

Nel 1995 si aprono le porte di Le Mans, dove Lehto vince al primo tentativo. Una bella rivincita per chi lo reputava un pilota bollito. Appenderà così il casco al chiodo dedicandosi nel 2001 alla Tv. Nel 2005 decide di tornare in pista e in squadra con Lehto ci sono Marco Werner e Tom Kristense: i tre alfieri dell’Audi R8 LMP trionfarono al debutto.

Nel 2011 Lehto sarebbe responsabile di aver guidato il proprio motoscafo in stato d’ebbrezza, a una velocità di 40 nodi dove il limite era cinque, e aver causato così l’incidente contro il pilastro di un ponte nel quale un suo caro amico ha perso la vita ed è stato accusato di omicidio colposo. Le accuse contro il campione caddero al ricorso in appello.

 

 

Andrea Ranucci

“La storia è straordinariamente ricca di dolci” Fotografo amatoriale, appassionato di motori e sport invernali. Nel tempo libero racconto la storia della F1; Da Nuvolari ad Ascari, passando per Gilles, De Cesaris, Alboreto. Il mio motto è: “Non ci sono problemi solo soluzioni”.

Altri articoli interessanti

Un commento

  1. In realtà su Wendlinger ad asfaltare Lehto nel 1993.
    7 punti per Karl contro 5 di JJ. Poi Wendlinger era più veloce in qualifica
    Inoltre non era debuttante l’austriaco, ma aveva corso con la Leyton / March.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.