fbpx
2000-2009Formula 1On this day

Bahrain 2006, la sfida tra Alonso e Schumacher

Il 12 marzo 2006, sotto il sole del Bahrain si disputò il primo Gran Premio della stagione, sul circuito di Manama. La gara contava 57 giri per un totale di 308,238 km.

Il primo a passare sotto la bandiera a scacchi in quel caso fu lo spagnolo Fernando Alonso, che conquistò così la sua nona vittoria in carriera e il ventiseiesimo successo della scuderia Renault in F1.

Per battere Michael Schumacher sulla sua Ferrari numero 47, serviva un avversario aggressivo e motivato e lo spagnolo dimostrò di essere all’altezza della sfida.

gp bahrain 2006 piloti
© Ferrari

QUALIFICHE

Per la prima volta le qualifiche si corsero sotto la nuova regolamentazione: un’ora di sessione divisa in tre parti “ad eliminazione”. Al termine, le prime posizioni si tinsero di rosso. La pole position venne conquistata da Michael Schumacher per la sessantacinquesima volta in carriera, eguagliando così il record di Ayrton Senna, mentre la seconda posizione in griglia con un tempo di 1:31,478 venne ottenuta da Felipe Massa. Terzo Jenson Button sulla sua Honda e quarto Fernando Alonso con la Renault.

GARA

Allo spegnimento delle luci Michael Schumacher mantenne la prima posizione, mentre Fernando Alonso provò a superare Massa, inizialmente senza successo. Al settimo giro il Brasiliano finì lungo in fondo al rettilineo, si girò e fu costretto ad un cambio gomme che lo catapultò in fondo al gruppo. Per lui fu un inizio di stagione da dimenticare: tagliò il traguardo solamente in nona posizione.

La gara si prospettò così una lotta a due tra Michael Schumacher e Fernando Alonso. Lo Spagnolo, determinato a vincere, inseguì il Tedesco cercando il sorpasso che riuscì a completare solo al secondo pit-stop, durante il trentanovesimo giro. Michael Schumacher da quel momento guadagnò costantemente su Alonso, ma non ebbe più abbastanza margine per stare davanti, terminando in seconda posizione.

“Fernando ha chiuso tutte le porte – dirà Schumacher – ma oggi si è giocato su un terreno diverso, quello della strategia. C’erano le condizioni per fare un buon risultato. Ma voglio essere chiaro: se penso alla stagione scorsa, e ai problemi dello scorso inverno, questi sono otto punti pesanti. Sono felicissimo”.

A completare il podio uno straordinario Kimi Raikkonen sulla sua McLaren che si rese protagonista di una eccezionale rimonta: da ultimo in qualifica al gradino più basso del podio.

gp bahrain 2006 podio
© Ferrari

Rosberg, che spettacolo!

Note positive di questo GP furono le Honda (con Jenson Button che terminò in quarta posizione) e le Williams entrambe a punti con i suoi piloti Webber e l’allora debuttante ventenne Nico Rosberg. Proprio quest’ultimo, figlio dell’iridiato Keke, stampò il giro più veloce in 1:32,408 e si rese protagonista di due sorpassi da manuale su Klien e Coulthard.

Piccola curiosità

Questa fu la prima gara per le scuderie Midland, BMW Sauber, Toro Rosso, Honda F1 e Super Aguri. In realtà però, solo Super Aguri era una squadra completamente nuova, le altre rappresentavano tutte acquisti o rebranding di squadre già esistenti.

L’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Spain Fernando Alonso
France Renault 01:29:46.205 57
4
10
2 5 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:29:47.451 57
1
8
3 3 Finland Kimi Raikkonen
United Kingdom McLaren 01:30:05.565 57
22
6
4 12 United Kingdom Jenson Button
Japan Honda 01:30:06.197 57
3
5
5 4 Colombia Juan Pablo Montoya
United Kingdom McLaren 01:30:23.253 57
5
4
6 9 Australia Mark Webber
United Kingdom Williams 01:30:28.137 57
7
3
7 10 Germany Nico Rosberg
United Kingdom Williams 01:30:49.248 57
12
2
8 15 Austria Christian Klien
Austria Red Bull 01:30:52.976 57
8
1
9 6 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari 01:30:56.112 57
2
0
10 14 United Kingdom David Coulthard
Austria Red Bull 01:31:01.746 57
13
0
11 20 Italy Vitantonio Liuzzi
Italy Toro Rosso 01:31:12.202 57
15
0
12 16 Germany Nick Heidfeld
Switzerland BMW Sauber +1 lap 56
10
0
13 21 United States Scott Speed
Italy Toro Rosso +1 lap 56
16
0
14 7 Germany Ralf Schumacher
Japan Toyota +1 lap 56
17
0
15 11 Brazil Rubens Barrichello
Japan Honda +1 lap 56
6
0
16 8 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota +1 lap 56
14
0
17 18 Portugal Tiago Monteiro
Russian Federation Midland +2 laps 55
19
0
18 22 Japan Takuma Sato
Japan Super Aguri +4 laps 53
20
0
RIT 23 Japan Yuji Ide
Japan Super Aguri Mechanical 35
21
0
RIT 17 Canada Jacques Villeneuve
Switzerland BMW Sauber Engine 29
11
0
RIT 2 Italy Giancarlo Fisichella
France Renault Hydraulics 21
9
0
RIT 19 Netherlands Christijan Albers
Russian Federation Midland Driveshaft 0
18
0

Alessia Gastaldi

Mi chiamo Alessia, ho 25 anni e frequento la facoltà di giurisprudenza all’università Statale di Milano. Innamorata dei motori da quando sono bambina, sogno di diventare una giornalista sportiva, per raccontare le storie dei protagonisti che hanno scritto e scriveranno la storia del motorsport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.